March Madness: NCAA non utilizzerà squadre di rimpiazzo


[See our complete guide to March Madness.]

Le parentesi dei tornei di basket NCAA sono state congelate, ma, accanto a qualsiasi caos in campo possa svolgersi tra oggi e l’inizio di aprile, il coronavirus rappresenterà una minaccia persistente per ribaltare i due eventi principali degli sport universitari.

Se una squadra nel torneo maschile o femminile non ha cinque giocatori idonei disponibili per una partita, il suo avversario avanzerà automaticamente. E sebbene una manciata di squadre sostitutive fosse in attesa di recarsi nei siti di gioco in Indiana e Texas, la NCAA ha dichiarato mercoledì che nessuna nuova squadra sarebbe stata aggiunta ai campi del torneo.

Il torneo maschile, che inizierà giovedì con quattro partite di play-in, prevede 68 squadre. La competizione femminile, che inizierà domenica, ha 64 squadre nel suo campo.

“Le squadre sono state molto collaborative”, ha detto questa settimana Dan Gavitt, vice presidente del basket della NCAA in Indiana, dove si terrà il torneo maschile. “Capiscono le sfide – hanno vissuto le sfide durante l’intera stagione regolare – e quindi le cose stanno andando abbastanza bene in questo momento. Ma nessuno sta abbassando la guardia. Nessuno fa ipotesi sulla mancanza di sfide per il futuro “.

Le squadre arrivano per il torneo maschile da sabato e la NCAA ha dichiarato mercoledì che sette persone sono risultate positive al virus dopo che sono stati elaborati circa 6.900 campioni. Poiché l’associazione richiede a una serie di persone affiliate al torneo di testare regolarmente, ha lasciato aperta la possibilità che pochi – o nessuno – di quei risultati positivi coinvolgessero giocatori o allenatori.

Sebbene nessuna squadra si sia ritirata prima della scadenza di questa settimana per invitare una scuola sostitutiva a competere, il virus ha causato scompiglio in entrambi i tornei.

Virginia, la campionessa maschile del 2019, non arriverà in Indiana fino alla fine di questa settimana, i suoi piani sono stati ritardati a causa di un test positivo e del tracciamento dei contatti che ha mandato la maggior parte della squadra in quarantena. I Cavaliers, testa di serie numero 4 nella regione occidentale, giocheranno sabato sera con il numero 13 in Ohio.

Nel torneo femminile, il Connecticut, testa di serie nella regione del River Walk, rimarrà senza Coach Geno Auriemma almeno per la prima partita dopo essere risultato positivo al virus. Se UConn evita un ribaltamento del punto alto numero 16, si prevede che anche Auriemma salterà la partita del secondo turno della sua squadra.

Sebbene i funzionari della NCAA stiano imponendo quello che chiamano un “ambiente controllato” intorno alle squadre, con protocolli che governano tutto, dal viaggio in autobus ai test, Mark Emmert, il presidente dell’associazione, ha riconosciuto in un’intervista che i casi potrebbero emergere durante i tornei, che dovrebbero concludersi all’inizio di aprile.

“Il primo obiettivo non sono problemi medici seri”, ha detto lunedì Emmert. “Ciò non significa che non avremo squadre che dovranno ritirarsi o che qualcuno risulti positivo – non siamo ingenui al riguardo – ma nessun problema medico serio dappertutto”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *