Disney riaprirà i parchi della California un anno dopo che COVID li ha chiusi | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Disneyland e Disney California Adventure Park, che hanno chiuso i battenti il ​​14 marzo dello scorso anno, sono tra le ultime proprietà dell’azienda a dare il benvenuto ai clienti.

La Walt Disney Co. prevede di riaprire i suoi due parchi a tema in California il 30 aprile, più di un anno dopo averli chiusi a causa della pandemia di coronavirus.

Disneyland e Disney California Adventure, che hanno chiuso i battenti il ​​14 marzo dello scorso anno, sono tra le ultime proprietà dell’azienda a dare il bentornato ai clienti. Mentre il resort Disney di Parigi è ancora chiuso, i quattro parchi a tema in Florida sono aperti da luglio.

Le chiusure prolungate in California sono diventate una questione controversa tra i gestori del parco e il governatore democratico Gavin Newsom, che ha tenuto le proprietà chiuse molto tempo dopo la riapertura di quelle in altri stati. Proprietari, funzionari locali e attività correlate hanno fatto pressioni per riaprire per mesi, sostenendo che i parchi a tema non sono stati una fonte significativa di epidemie di Covid-19.

La Disney ha licenziato 32.000 dipendenti nell’ultimo anno, la maggior parte dei quali nell’unità del parco a tema. L’attività, storicamente una delle più redditizie dell’azienda, è tornata lentamente indietro, con precauzioni di allontanamento sociale che limitano la partecipazione a circa il 35% della capacità in Florida. La società ha detto che prevede di riportare più di 10.000 dipendenti licenziati per la riapertura di Disneyland.

Protocolli come indossare la maschera sarebbero probabilmente in vigore fino alla fine dell’anno, ha detto la società a febbraio.

Disneyland, ad Anaheim, in California, è il resort originale dell’azienda. È stato il secondo parco a tema più visitato al mondo nel 2019, dietro il Disney’s Magic Kingdom in Florida. Quell’anno, 18,7 milioni di persone andarono a Disneyland e 9,86 milioni alla vicina California Adventure, secondo i dati della Themed Entertainment Association e della società di consulenza Aecom.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *