Nvidia conferma di aver sbloccato accidentalmente il mining di RTX 3060 Ethereum

Il mese scorso Nvidia ha fatto un grande affare per ridurre il tasso di hash del mining di Ethereum sulla sua nuova scheda grafica RTX 3060. Un sistema speciale avrebbe dovuto rendere l’RTX 3060 indesiderabile per i cryptominer, ma Nvidia ha ora confermato di aver sbloccato accidentalmente quelle restrizioni con un nuovo driver.

“Un driver per sviluppatori ha inavvertitamente incluso del codice utilizzato per lo sviluppo interno che rimuove il limitatore di hash rate su RTX 3060 in alcune configurazioni”, afferma un portavoce di Nvidia in una dichiarazione a The Verge. “Il driver è stato rimosso.”

Mentre Nvidia ha ora rimosso il driver, il genio è fuori dalla bottiglia. L’ultimo driver beta 470.05 di Nvidia sblocca automaticamente le prestazioni per la maggior parte delle schede RTX 3060, aumentando i tassi di hashing per il mining di Ethereum. I mirror del driver possono essere facilmente trovati online e Nvidia non sarà in grado di impedire ai proprietari di RTX 3060 di continuare a utilizzare questo driver in futuro.

Nvidia originariamente limitava le prestazioni di mining dell’RTX 3060 nel tentativo di allontanare i cryptominer dall’acquisto delle carte. Il produttore della GPU sembrava fiducioso che le sue restrizioni non potessero essere sconfitte, sostenendo anche che non si trattava solo di un driver che frenava le prestazioni. “Non è solo una questione di guida”, ha detto Bryan Del Rizzo, Il capo delle comunicazioni di Nvidia, il mese scorso. “Esiste un handshake sicuro tra il driver, il silicio RTX 3060 e il BIOS (firmware) che impedisce la rimozione del limitatore di velocità hash.”

Nvidia chiaramente non si aspettava di rilasciare un driver che avrebbe sbloccato accidentalmente le proprie restrizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *