Kensington StudioDock trasforma il tuo iPad in un piccolo iMac

Ci sono molte custodie per tastiera per iPad che mirano a trasformare il tablet Apple in un laptop, ma Kensington StudioDock è qualcosa di completamente diverso: trasforma il tuo iPad Pro nel più piccolo iMac del mondo.

Questo è un accessorio serio per le persone che prendono sul serio la produttività dell’iPad. (Sì, esistono.) È un dock che ti consente di utilizzare il tuo iPad Pro o Air dotato di USB-C in orientamento verticale o orizzontale, fornendo allo stesso tempo molta più connettività. Fondamentalmente, se mai ti siedi e lavori alla tua scrivania con un iPad Pro, StudioDock potrebbe essere per te.

Bene, se sei felice di spendere $ 399, comunque.

StudioDock è realizzato principalmente in alluminio ed è abbastanza robusto da poter regolare la posizione dell’iPad senza che si muova sulla scrivania, facilitando il passaggio dalla modalità verticale a quella orizzontale o l’inclinazione dell’angolo di visione verticale. (Un iPad Pro in uno StudioDock in modalità verticale è un ottimo dispositivo Zoom, per esempio.) La qualità costruttiva del supporto stesso è solida, anche se il pannello posteriore in plastica sembra un po ‘basso.

Su un lato del dock troverai una porta USB-C e un pulsante di accensione, mentre l’altro ha uno slot per schede SD e un jack per cuffie. Sul retro c’è un connettore a barilotto per l’alimentazione, tre porte USB-A, una porta HDMI e una porta Gigabit Ethernet. Ci sono anche due caricabatterie wireless Qi da 7,5 W integrati nella base del supporto e (ovviamente) due lucchetti di sicurezza Kensington. L’iPad Pro si collega tramite USB-C e si inserisce su un pannello di plastica magnetico che aiuta a supportare il jack; il dock è disponibile per iPad da 11 pollici e 12,9 pollici, anche se la dimensione del pannello magnetico è l’unica cosa che differisce tra le due versioni.

Una volta che il tuo iPad è collegato a una tastiera e un trackpad o un mouse, è come avere un piccolo computer desktop con un touchscreen e molte più porte rispetto alla maggior parte dei laptop Mac in questi giorni. È davvero adorabile, se trovi adorabili cose come l’idea della connettività Internet cablata su un tablet.

Anche se non stai utilizzando un sacco di accessori, StudioDock è più comodo da usare su una scrivania rispetto a un laptop semplicemente perché solleva il display ad un’angolazione migliore. Mi viene in mente un recente Newyorkese copertina che mostra una donna a casa con il suo laptop precariamente appollaiato su una pila di libri. Esistono supporti per laptop, ovviamente, ma non tutti vogliono usarli, e mi piace che StudioDock significhi che non sei bloccato con una tastiera e un trackpad ridondanti.

Un elemento cruciale di questo prodotto è che è abbastanza facile spostare l’iPad da e verso il dock. È ancora un po ‘complicato e in un mondo perfetto vorrei che StudioDock usasse lo Smart Connector, ma poiché nessun altro oltre ad Apple e Logitech ha mai rilasciato prodotti che lo utilizzano effettivamente, presumo che Kensington avesse le sue ragioni: larghezza di banda no dubbio tra loro. Un vantaggio di questo design è che carica l’iPad molto rapidamente a 37,5 W, quindi non ho dovuto pensare a caricarlo in nessun altro modo a casa.

Kensington ha anche inviato un caricabatterie per Apple Watch che si collega alla porta passthrough USB-C. Sarà venduto separatamente dopo il rilascio di StudioDock. L’ho trovato un po ‘plasticoso, come il pannello posteriore del dock, ma ha funzionato bene. Uso già un caricabatterie da tavolo Apple Watch ogni giorno, quindi non ne ho visto molto bisogno, ma se non ne hai ancora uno, questo sarebbe un comodo componente aggiuntivo.

I caricabatterie wireless, nel frattempo, sono anche una bella aggiunta. Non otterrai le velocità più elevate da loro, ma la possibilità di caricare un telefono e AirPods durante il giorno è utile e consente di risparmiare spazio sulla scrivania rispetto a pad separati. Ho notato un leggero rumore di bobina quando i dispositivi erano completamente carichi – questo non è così raro con i caricabatterie wireless, ma non tutti lo fanno, quindi vale la pena notare che questo lo fa.

La porta HDMI di StudioDock supporta monitor 4K a 60 Hz e dovrebbe essere ideale per le configurazioni a doppio display di iPad, ma il software non è ancora disponibile da parte di Apple. Solo poche app ti consentono di mostrare contenuti diversi su ciascun monitor: il resto del tempo hai a che fare con uno specchio a colonne dello schermo 4: 3 del tuo iPad. (Un modo intelligente per aggirare questo problema è un’app chiamata Shiftscreen, che è fondamentalmente un browser che ti consente di eseguire fino a quattro app Web su due display, utile per cose come il multitasking in Slack e Asana.) Personalmente avrei bisogno di iPadOS per ottenere un supporto molto migliore per i monitor esterni prima di andare all-in una configurazione desktop per iPad, ma se sei abituato a utilizzare un laptop da solo, l’iPad Pro da 12,9 pollici dovrebbe essere abbastanza grande per la maggior parte delle attività.

È così che ho usato StudioDock la maggior parte del tempo ed è stata generalmente un’ottima esperienza. Mi piace molto il supporto del trackpad che è stato aggiunto a iPadOS l’anno scorso ed è fantastico poterlo combinare con una tastiera meccanica cablata e avere ancora un sacco di opzioni di connettività. Dirò solo che in genere preferirei utilizzare StudioDock piuttosto che un laptop in equilibrio su una pila di libri.

StudioDock è chiaramente un prodotto di nicchia e ha le sue peculiarità. Ma per la maggior parte, il tentativo di Kensington di trasformare l’iPad in un computer desktop funziona davvero. Dovresti essere davvero nello stile di vita dell’iPad come macchina da lavoro perché questo abbia senso per te, ma la combinazione StudioDock e iPad Pro è un computer veloce e divertente che fa la maggior parte di quello che voglio.

Il mio più grande problema è il prezzo. It costi $ 399,99 per la versione iPad Pro da 12,9 pollici o $ 379,99 per un modello che si adatta all’iPad Pro da 11 pollici e all’iPad Air da 10,9 pollici. È chiaramente un sacco di soldi da investire in una periferica di terze parti: è più del costo di alcuni iPad da soli. E mi preoccuperei se funzionerà con i futuri progetti di iPad Pro, considerando che gli attuali Pro non hanno avuto un aggiornamento significativo dalla loro introduzione nel 2018.

Questi sono alcuni avvertimenti piuttosto grandi, ma se riesci a superarli, StudioDock è un ottimo modo per lavorare su un iPad. Trasforma il tablet in un computer più comodo, capace e flessibile, e spero solo che il software di Apple si evolva per rendere questo tipo di caso d’uso ancora migliore.

Fotografia di Sam Byford / The Verge

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *