I manifestanti prendono d’assalto il palazzo presidenziale ad Aden, nello Yemen: Rapporti | Notizie di proteste


I manifestanti hanno fatto irruzione nel palazzo presidenziale Maasheeq ad Aden – sede del governo internazionalmente riconosciuto – in mezzo alla rabbia pubblica per la terribile situazione economica.

I manifestanti yemeniti arrabbiati hanno preso d’assalto il palazzo presidenziale nella città meridionale di Aden – sede del governo riconosciuto a livello internazionale – secondo fonti locali.

I manifestanti hanno fatto irruzione nel palazzo presidenziale di Maasheeq martedì tra la rabbia pubblica per la mancanza di servizi, le cattive condizioni di vita e il deprezzamento della valuta locale, hanno detto le fonti a Reuters.

Fonti locali hanno anche detto ad Al Jazeera che i manifestanti non hanno trovato resistenza da parte delle forze fedeli al Consiglio di transizione meridionale sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti.

Jamal Elshayyal di Al Jazeera ha detto che i manifestanti sono membri delle forze di sicurezza nazionale che non vengono pagati da nove mesi.

“Sappiamo che le proteste finora sono state pacifiche e che è in atto una sorta di mediazione”, ha detto Elshayyal, parlando da Doha.

Il primo ministro yemenita Maeen Abdulmalik e altri membri del governo riconosciuto a livello internazionale rimangono all’interno dell’edificio, hanno detto a Reuters due funzionari. Tuttavia, Al Jazeera non ha potuto confermare in modo indipendente la veridicità del rapporto.

Il palazzo, che il governo sostenuto dalle Nazioni Unite aveva preso come quartier generale, è custodito all’interno dalle truppe saudite, ha detto Elshayyal.

“Ma dall’esterno, è sostenuto dai separatisti – il consiglio di transizione meridionale – che è sostenuto dagli Emirati Arabi Uniti, che in teoria dovrebbe sostenere l’Arabia Saudita ma in realtà ha sostenuto i separatisti che hanno chiesto una secessione da Sanaa ”, ha spiegato.

Lo Yemen è stato sconvolto dalla violenza e dall’instabilità dal 2014, quando i ribelli Houthi hanno catturato gran parte del paese, inclusa la capitale Sanaa.

Altro da seguire …



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *