L’Iran accusa di spionaggio turista francese arrestato: Avvocato | France News


Benjamin Berier, arrestato 10 mesi fa, rischia una lunga condanna al carcere, ha detto il suo avvocato.

L’Iran ha accusato un turista francese di spiare e “diffondere propaganda contro il sistema”, ha detto il suo avvocato, l’ultimo di una serie di casi contro stranieri in un momento di crescenti tensioni tra l’Iran e l’Occidente.

Saeid Dehghan ha detto che Benjamin Briere, 35 anni, è stato arrestato 10 mesi fa dopo aver pilotato un elicottero nel deserto vicino al confine Turkmenistan-Iran.

“Domenica, lui (Briere) è stato accusato di due capi di imputazione per spionaggio e propaganda contro la Repubblica islamica”, ha detto lunedì Dehghan all’agenzia di stampa Reuters, aggiungendo che Briere rischia una pena detentiva a lungo termine. Lunedì Dehghan ha anche dichiarato le accuse contro Briere in un post su Twitter.

“La sua ultima difesa è stata presa ieri. Le sue accuse di spionaggio sono per aver scattato foto in aree proibite “, ha detto Dehghan a Reuters.

“Si trova nella prigione di Vakilabad nella città di Mashhad. La sua salute è buona e ha accesso ai suoi avvocati e beneficia anche della protezione consolare e i funzionari dell’ambasciata francese sono stati regolarmente in contatto con lui ”, ha aggiunto.

La magistratura iraniana non era disponibile a commentare. La Francia non ha ancora commentato le accuse di Briere.

Il mese scorso, il ministero degli Esteri francese ha confermato che un cittadino francese era detenuto in Iran e ha detto che stava monitorando la situazione.

“Sebbene il governo francese stia perseguendo il caso di Briere, sono preoccupato che qualsiasi ritardo nel follow-up completo complicherà ulteriormente il caso”, ha detto Dehghan.

L’avvocato ha detto che Briere è stato accusato di “propaganda contro il sistema” a causa di un post sui social media, in cui ha detto che “l’hijab è obbligatorio” in Iran ma non in altri paesi a maggioranza musulmana.

“I miei colleghi ed io crediamo che queste accuse siano false e prive di fondamento, ma dobbiamo aspettare che il giudice conduca un’indagine completa nei prossimi giorni e annunci il suo verdetto”, ha detto Dehghan.

Negli ultimi anni, l’élite del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche iraniane ha arrestato dozzine di cittadini con doppia cittadinanza e stranieri, per lo più con l’accusa di spionaggio.

Gli attivisti per i diritti hanno accusato Teheran di farlo per cercare di ottenere concessioni da altri paesi. L’Iran nega di trattenere persone per motivi politici e ha accusato molti di coloro che sono detenuti nelle sue carceri di spionaggio.

Domenica, la doppia nazionalità britannico-iraniana Nazanin Zaghari-Ratcliffe è riapparsa in un tribunale di Teheran per affrontare le accuse di propaganda dopo aver completato una condanna a cinque anni di reclusione con l’accusa di spionaggio. Rimane nel limbo in Iran in attesa del verdetto, incapace di tornare a casa nel Regno Unito.

I casi arrivano mentre l’Iran intensifica la pressione sugli Stati Uniti e sulle potenze europee, tra cui Francia e Regno Unito, per concedere il sollievo dalle sanzioni assolutamente necessarie che il paese aveva ricevuto in virtù del suo accordo nucleare lacero con le potenze mondiali in base al quale ha frenato il suo programma nucleare in cambio. per la revoca delle sanzioni.

Mentre l’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha abbandonato lo storico accordo nucleare con l’Iran nel 2018 e ha reimpostato dure sanzioni al paese, il presidente Joe Biden si è offerto di partecipare ai colloqui per ripristinare l’accordo, a condizione che l’Iran torni al pieno rispetto dei suoi termini. Ma Washington e Teheran sono arrivate a un vicolo cieco, e ciascuna di loro ha insistito sull’altra mossa per rilanciare l’accordo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *