Il Pakistan aumenta le restrizioni COVID durante una terza ondata | Notizie sulla pandemia di coronavirus


I casi a livello nazionale aumentano di 22.018 negli ultimi 10 giorni, un aumento del 68% rispetto ai 10 giorni precedenti, secondo i dati ufficiali.

Islamabad, Pakistan – Le autorità pakistane hanno sigillato sezioni della capitale Islamabad, affermano i funzionari, poiché la terza ondata della pandemia di coronavirus ha causato un picco di casi e ricoveri ospedalieri in tutto il paese.

Il Pakistan ha registrato 2.253 nuovi casi di virus nelle ultime 24 ore, con casi attivi aumentati da 917 a 22.038, secondo i dati del governo diffusi lunedì.

Almeno 29 persone sono morte a causa del virus quel giorno, mostrano i dati, portando il bilancio complessivo delle vittime in Pakistan dall’inizio della pandemia a 13.537.

Il Pakistan ha avuto un tasso inferiore di malattie gravi da COVID-19, ma il paese ha affrontato almeno due precedenti ondate di infezioni diffuse.

Con bassi tassi di test, gli esperti dicono che il numero effettivo di casi è probabilmente molto più alto dei dati registrati.

Domenica, il tasso di positività al test del paese è stato del 5,11%, con 44.061 test condotti.

Le autorità della capitale Islamabad hanno dichiarato che lunedì sigilleranno tre quartieri, a causa della rapida diffusione della variante britannica del coronavirus.

“Si prevede che più aree saranno bloccate”, ha detto l’ufficio del vice commissario della capitale. “La nuova variante del ceppo britannico è prevalente a Islamabad.

“[Permissions] rilasciato a tutte le funzioni, feste, raduni ritirati. Qualsiasi tipo di attività indoor non è consentita. Le funzioni all’aperto sono consentite solo per due ore con meno di 300 [people]. “

I casi a livello nazionale sono aumentati di 22.018 negli ultimi 10 giorni, un aumento del 68% rispetto ai 10 giorni precedenti, secondo i dati ufficiali.

Campagna di vaccinazione per gli anziani

La scorsa settimana, il Pakistan ha iniziato la seconda fase della sua campagna di vaccinazione contro il coronavirus, con gli anziani di età superiore ai 60 anni idonei a registrarsi per ricevere la prima dose del vaccino Sinopharm.

Domenica, il ministro della Pianificazione, Asad Umar, si è lamentato del fatto che i tassi di immatricolazione fossero ancora bassi, affermando che fino a quel momento si era registrato meno del 10 per cento degli ultrasessantenni.

“C’è un grande bisogno che le persone si registrino e vengano vaccinate”, ha detto Umar al canale televisivo privato Geo News.

“Mi appello alle persone – almeno quelle che hanno più di 60 anni – di registrarsi immediatamente in modo da poter vaccinare il gruppo ad alto rischio”.

Il Pakistan sta attualmente somministrando vaccini da uno stock di 500.000 vaccini Sinopharm donati dal governo cinese a gennaio.

Ha uno dei tassi di vaccinazione più bassi tra i paesi che hanno avviato campagne su larga scala, con appena 0,09 vaccinazioni per 100 cittadini, rispetto a 37,15 nel Regno Unito, 31,93 negli Stati Uniti e 2,15 nella vicina India.

Il paese riceverà 14,6 milioni di dosi del vaccino Oxford AstraZeneca attraverso l’iniziativa globale COVAX in due fasi.

La scorsa settimana, il National Command and Operation Center (NCOC), che sta guidando la risposta al coronavirus del Pakistan ed è guidato da Umar, sospende le istituzioni educative per due settimane in 10 grandi città, limita l’orario di lavoro commerciale e reimposta il 50% del lavoro da casa. politica per gli uffici.

Domenica, il governo nella provincia più popolosa del Punjab del paese ha imposto restrizioni ancora più severe, ordinando la chiusura nei fine settimana di tutti i servizi tranne quelli essenziali e revocando le autorizzazioni per grandi raduni ed eventi sportivi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *