Come la NCAA spera di portare a termine il torneo maschile e femminile durante il Covid-19


Per la NCAA, la parte facile – stabilire un girone e incoronare Baylor, Gonzaga, Illinois e Michigan come semi n. 1 per il torneo di basket maschile di Divisione I che inizierà questa settimana – si è conclusa domenica sera. Ora l’associazione affronta un test di una settimana della sua scelta per svolgere il suo evento distintivo durante la pandemia di coronavirus.

La decisione di coinvolgere 68 squadre da tutto il paese in un torneo in Indiana avrà enormi ripercussioni per gli sport universitari. Un torneo maschile di successo, così come un regolare torneo femminile in Texas, solleverebbe il morale e le finanze di un’industria che la pandemia ha lasciato in una posizione precaria. La NCAA ha perso quasi $ 56 milioni nel suo anno fiscale più recente, principalmente perché il torneo maschile del 2020 non si è tenuto.

Se le competizioni esacerbano la crisi della salute pubblica o inciampano in modo significativo, i leader sportivi del college, già sotto esame a Capitol Hill e nei tribunali, dovranno affrontare il controllo per sapere se hanno apprezzato i soldi più della sicurezza.

“Sarà complicato e difficile”, ha detto questo inverno Dan Gavitt, vicepresidente senior del basket della NCAA. “Non ci sono dubbi al riguardo.”

Il girone maschile potrebbe essere fuori, ma non si bloccherà fino alle 18:00 di martedì, ora di New York, un’indennità per la possibilità che il virus faccia deragliare le speranze di una squadra, dando a un’altra la possibilità di giocare per un campionato.

Le regole variano a seconda della conferenza casalinga di una squadra colpita.

Se una squadra gioca in un campionato che ha una sola squadra nel torneo, la conferenza può scegliere il suo sostituto. La nuova squadra assumerà la posizione nel girone della squadra che ha sostituito.

Se una squadra appartiene a un campionato che ha ottenuto più offerte per tornei, quattro squadre – Louisville, Colorado State, St. Louis e Mississippi – aspetteranno per sostituirla nello stesso posto del girone.

Una volta scaduto il termine di martedì, nessuna nuova squadra verrà aggiunta ai gironi per i tornei maschili o femminili. (Le selezioni per il torneo femminile a 64 squadre saranno annunciate lunedì sera.) Se una squadra non ha almeno “cinque giocatori idonei e sani per iniziare una partita”, come ha detto Gavitt la scorsa settimana, la partita sarà classificata come un no-contest, spostando l’avversario al round successivo.

I play-in per il torneo maschile sono in programma giovedì, con i round di 64 che inizieranno venerdì. Il torneo femminile inizierà domenica.

Il piano della NCAA prevede punti di strozzatura per limitare i rischi della pandemia per giocatori e allenatori, ma la strategia dell’associazione non include tutte le restrizioni che l’NBA ha utilizzato lo scorso anno per finire la sua stagione e i playoff nella sua cosiddetta bolla in Florida.

Si prevede che più di 2.300 persone nelle feste di viaggio per le 68 squadre del torneo – giocatori, allenatori, allenatori e simili – scenderanno in Indiana per il torneo maschile. Ma ci saranno anche arbitri, membri dello staff NCAA, guardie di sicurezza, addetti alle pulizie, giornalisti, parenti e fan che occuperanno i locali fino al 25% della loro capacità abituale.

Gli spettatori saranno in gran parte esclusi dal primo e dal secondo turno del torneo femminile, che si giocherà in Texas. A partire dagli ottavi di finale di quel torneo, l’Alamodome di San Antonio dovrebbe ospitare non più di circa 11.000 spettatori.

I partecipanti più ben sorvegliati ai tornei, inclusi giocatori e allenatori, saranno tenuti a rimanere all’interno di quello che la NCAA ha descritto come un “ambiente controllato”. Altri, anche quelli che potrebbero trovarsi vicino al bordo del campo, non dovranno affrontare tali limiti, anche se dovranno indossare maschere e tentare di rimanere a sei piedi dalle persone.

Per ridurre i viaggi, la maggior parte delle partite dei tornei maschili verrà giocata a Indianapolis, dove ospiteranno i giochi Bankers Life Fieldhouse, Hinkle Fieldhouse, Indiana Farmers Coliseum e Lucas Oil Stadium. Le squadre giocheranno anche alla Mackey Arena, nel campus della Purdue University a West Lafayette, Indiana, e alla Assembly Hall, che si trova presso l’Indiana University di Bloomington.

Per il torneo femminile, le squadre giocheranno in tre siti a San Antonio: l’Alamodome, la Bill Greehey Arena della St. Mary’s University e il Convocation Center dell’Università del Texas a San Antonio. La Texas State University disputerà i giochi del primo turno presso l’University Events Center di San Marcos, così come il Frank Erwin Center presso l’Università del Texas ad Austin.

Gli organizzatori dei tornei hanno suddiviso le persone che saranno dentro e intorno ai giochi in quattro livelli e i requisiti per i test variano per ciascuno.

Gli arbitri ei membri delle squadre di viaggio delle squadre devono risultare negativi per sette giorni consecutivi prima di recarsi in Indiana e Texas, e dovranno affrontare test giornalieri, pagati dalla NCAA, fino alla partenza dai tornei. Le prove non possono essere svolte fino ad almeno due giorni di test dopo l’arrivo di una squadra e alle persone verrà chiesto di rimanere nelle loro camere d’albergo fino a quando quei test iniziali non restituiranno risultati negativi.

Le persone che possono avere “interazioni periodiche” con i partecipanti al livello di monitoraggio superiore dovranno risultare negative entro due giorni dall’arrivo e saranno sottoposte a test ogni giorno.

Un altro gruppo di persone che lavorano ai tornei verrà testato due volte a settimana dopo un iniziale risultato negativo. Spettatori e giornalisti non dovranno superare un protocollo di test per partecipare alle partite.

Con poche eccezioni, le maschere saranno obbligatorie.

Le squadre di alto livello in qualsiasi sport spesso si riferiscono ai viaggi di gioco come viaggi di lavoro. Ma mentre i viaggi post-stagionali di solito comportano almeno un po ‘di divertimento pre-partita – pensa alla tradizionale festa delle costolette per le squadre del Rose Bowl – le squadre che giocano nei tornei di quest’anno difficilmente vagheranno per l’Indianapolis City Market o passeggeranno sul River Walk a San Antonio.

Per il torneo maschile, le squadre alloggeranno negli hotel collegati all’Indiana Convention Center, dove si svolgeranno le prove, tramite skywalks. Le squadre avranno i propri piani all’interno degli hotel e gli organizzatori hanno detto che ci saranno sale riunioni e aree pranzo progettate per mantenere le distanze sociali.

Per il torneo femminile in Texas, ha detto la NCAA, interi hotel saranno riservati alle persone che vengono testate ogni giorno per il virus, inclusi giocatori, allenatori e ufficiali di gioco.

Nessuno in quel gradino in nessuno dei due tornei, hanno detto i funzionari, potrà uscire dalla zona riservata. Sebbene i dispositivi di monitoraggio verranno utilizzati durante le attività della squadra per facilitare il tracciamento dei contatti, come garantito, non saranno richiesti in altri momenti, come quando i giocatori sono nelle loro stanze d’albergo.

Il torneo di basket maschile è il principale produttore di soldi della NCAA e la decisione dell’associazione di annullare l’evento del 2020 è costata più di 800 milioni di dollari.

Sebbene gli assicuratori abbiano pagato 270 milioni di dollari perché l’associazione aveva un’ampia copertura per la cancellazione degli eventi – polizze in vigore per la competizione del 2021 – i ricavi totali della NCAA per il suo anno fiscale sono diminuiti di circa 600 milioni di dollari. L’NCAA aveva pianificato di distribuire 600 milioni di dollari ai suoi campionati di Divisione I l’anno scorso, ma alla fine ne ha pagato meno della metà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *