Vai ad ascoltare il podcast di Spotify su se stesso che ignora l’esistenza di iTunes

Spotify lo è fare un podcast sulla propria storia, e i primi due episodi meritano di essere ascoltati per i dettagli sul passaggio dalla pirateria allo streaming, su come la società ha deciso di costruire la propria attività ei dettagli tecnici su come lo ha fatto. Sono incluse anche alcune divertenti interviste, con il podcast con storie di Sean Parker, inventore di Napster, e Lars Ulrich dei Metallica.

Nel podcast, i fondatori di Spotify discutono della storia della pirateria nel paese di origine di Spotify, la Svezia, per dare un contesto al suo ambiente di sviluppo. Entra nell’esistenza di Festa dei pirati svedese, un vero partito politico che un tempo deteneva diversi seggi nel parlamento del paese. I fondatori discutono anche di come volevano prendere la facilità con la pirateria musicale ma renderla legittima.

Se parlare di essere più facili della pirateria suona familiare, probabilmente è perché quello faceva parte del discorso per il Anche iTunes Music Store. Sembra, per la maggior parte, che iTunes e l’iPod siano praticamente completamente ignorati. Il podcast presenta la distribuzione musicale che va dai negozi di CD a Napster a Spotify. Apple e Spotify non sono i migliori amici, ma è onestamente un po ‘divertente sentire come la storia ignori completamente il fatto che le persone potevano, in effetti, acquistare musica digitale (un’opzione che esisteva anche prima del lancio di Spotify).

Nonostante la mancanza di oggettività sulla storia della musica digitale, la profondità tecnica da sola fa valere la pena di essere ascoltata. Il secondo episodio (etichettato 01) spiega come Spotify abbia utilizzato la stessa tecnologia peer-to-peer utilizzata dai pirati per costruire il suo servizio di streaming musicale legittimo e come il suo approccio abbia fatto impazzire le persone in quel momento. Anche se la storia lascia fuori alcune parti piuttosto importanti, vale ancora la pena ascoltarlo per ascoltare le origini del servizio di musica popolare (e, ovviamente, podcasting).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *