Generazione minacciata perché COVID ostacola lo sviluppo dei bambini: UNICEF | Notizie sui diritti dei bambini


L’agenzia delle Nazioni Unite afferma che le scuole chiuse, l’aumento della povertà, i matrimoni forzati e la depressione sono tra i fattori che aggravano il problema.

L’UNICEF ha avvertito che gli indicatori che misurano lo sviluppo di bambini e adolescenti sono tutti regrediti dopo un anno di pandemia, una battuta d’arresto che minaccia di danneggiare un’intera generazione.

L’agenzia delle Nazioni Unite per i bambini ha dichiarato giovedì che le scuole chiuse, l’aumento della povertà, i matrimoni forzati e la depressione sono tra gli altri fattori che minano lo sviluppo dei minori.

“Il numero di bambini che sono affamati, isolati, maltrattati, ansiosi, che vivono in povertà e costretti a sposarsi è aumentato”, ha detto Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’UNICEF, in una dichiarazione rilasciata esattamente un anno da quando l’Organizzazione mondiale della sanità ha classificato COVID-19 come una pandemia.

“Il loro accesso all’istruzione, alla socializzazione e ai servizi essenziali tra cui salute, nutrizione e protezione è diminuito. I segni che i bambini porteranno le cicatrici della pandemia negli anni a venire sono inequivocabili “, ha detto Fore nel comunicato.

Di fronte a tali effetti “devastanti”, Fore ha esortato a porre i bambini “al centro degli sforzi di recupero”, in particolare “dando la priorità alle scuole nei piani di riapertura”.

Cifre preoccupanti

L’UNICEF ha citato una serie di cifre preoccupanti a sostegno delle parole di Fore.

Mentre la pandemia ha avuto un pesante tributo sugli anziani, i bambini e gli adolescenti sotto i 20 anni costituiscono il 13% dei 71 milioni di casi di coronavirus segnalati nei 107 paesi che hanno fornito dati specifici per età.

Nei paesi in via di sviluppo, le proiezioni mostrano un aumento del 15% della povertà infantile.

L’UNICEF afferma che le scuole per 168 milioni di studenti in tutto il mondo sono chiuse da quasi un anno e un terzo di questi studenti non ha accesso all’istruzione online [Reuters]

Da sei a sette milioni di bambini in più potrebbero soffrire di malnutrizione nel 2020, un aumento del 14 per cento che potrebbe tradursi in oltre 10.000 decessi aggiuntivi al mese, principalmente nell’Africa subsahariana e nell’Asia meridionale.

Per 168 milioni di studenti in tutto il mondo, le scuole sono chiuse da quasi un anno. Un terzo di questi studenti non ha accesso all’istruzione online.

A causa della chiusura delle scuole e del peggioramento della situazione economica, la pandemia potrebbe portare anche al matrimonio di 10 milioni di bambini entro il 2030, che si aggiungono ai 100 milioni di ragazze già considerate a rischio di matrimonio per allora.

Almeno un bambino o un adolescente su sette ha trascorso la maggior parte dell’anno passato in condizioni di blocco e deve affrontare ansia, depressione e isolamento crescenti.

Il coronavirus ha portato anche alla sospensione delle campagne di vaccinazione contro altre malattie – a cominciare dal morbillo – in 26 paesi, aumentando le minacce alla salute delle persone non immunizzate.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.