Les Miles lascia il Kansas pochi giorni dopo che le accuse di molestie alla LSU sono diventate pubbliche


L’Università del Kansas ha detto lunedì di aver “accettato di separarsi” dal suo allenatore di calcio, Les Miles, dopo il rilascio di un rapporto del 2013 che accusava dettagliatamente di aver molestato sessualmente Miles studentesse lavoratrici quando era alla Louisiana State University.

Il Kansas si era astenuto dall’offrire sostegno pubblico a Miles dopo che il rapporto è emerso giovedì scorso in un contenzioso. Ma il pubblicazione venerdì dei risultati di una nuova inchiesta, uno che ha esaminato la cultura più ampia della LSU su questioni di cattiva condotta sessuale, ha posto il suo futuro in Kansas in dubbi ancora maggiori.

Il Kansas ha detto venerdì sera che Miles era stato messo in congedo amministrativo e lunedì sera l’università ha annunciato che il mandato di Miles, iniziato con la sua assunzione nel novembre 2018, era terminato.

“Sono estremamente deluso per la nostra università, i fan e tutte le persone coinvolte nel nostro programma di calcio”, ha detto in una dichiarazione Jeff Long, il direttore atletico. “Ci sono molti giovani talenti in questa squadra di calcio e non ho dubbi che identificheremo la persona giusta per guidare questo programma”.

In una dichiarazione rilasciata dall’università, Miles ha detto che è stata “certamente una giornata difficile per me e per la mia famiglia”. Non ha affrontato la sua storia alla LSU

Ma l’avvocato di Miles ha negato che l’allenatore abbia agito in modo improprio e ha detto di aver “imparato una lezione sfortunata otto anni fa: la sua natura naturalmente aperta e fiduciosa lo espone a false affermazioni da parte di persone con un programma diverso dal suo”. Dopo che il congedo di Miles è stato annunciato la scorsa settimana, l’avvocato, Peter Ginsberg, si è lamentato del fatto che il Kansas avesse agito a causa del “contraccolpo dei media” e ha affermato che la decisione era “sia inquietante che ingiusta”.

Ginsberg ha anche affermato che il Kansas aveva ricevuto “informazioni significative” prima del rilascio del rapporto del 2013. Alla domanda se avrebbe condiviso ciò che Miles e altri avevano fornito al Kansas, Ginsberg non ha risposto.

Durante le sue due stagioni in Kansas, Miles non si è mai avvicinato ai livelli di successo che aveva come allenatore di calcio all’Oklahoma State University e alla LSU, dove ha vinto un campionato nazionale per concludere la stagione 2007. Miles ha registrato un record di 3-18 in Kansas, dopo essere andato 142-55 nei suoi primi due lavori di allenatore.

Fino a poco tempo, però, il lavoro di Miles non sembrava essere in pericolo imminente. Ma poiché la LSU ha affrontato le accuse di aver gestito male le accuse di cattiva condotta sessuale, USA Today ha citato in giudizio una copia di un rapporto investigativo del 2013 da uno studio legale con stretti legami con l’università.

Il rapporto, emerso dopo che due donne che lavoravano per il programma di calcio si erano lamentate della condotta di Miles, affermava che l’allenatore aveva avuto un ruolo nelle decisioni di assunzione e che aveva “chiarito che voleva che questi dipendenti avessero un certo ‘aspetto’ ( attraente, bionda, in forma). “

Gli investigatori erano scettici sulle denunce in un account. Ma la seconda donna che si è fatta avanti con dei dubbi ha raccontato una storia profondamente inquietante su come Miles avesse iniziato a inviare i suoi messaggi dopo aver iniziato a lavorare con il programma di calcio e su come il potente allenatore l’aveva spinta a distribuire uno pseudonimo e ad aggiungere il suo numero di telefono al suo cellulare personale.

Disse anche che lei e Miles si erano incontrati fuori dal campus, che l’allenatore aveva suggerito di ritirarsi in un hotel o nel suo condominio e che lui l’aveva baciata due volte. Altre accuse nel rapporto sono state revocate.

Sebbene gli avvocati della LSU abbiano ritenuto nel 2013 che la condotta di Miles non giustificasse il suo licenziamento – e avesse appena ricevuto una proroga del contratto con un aumento a 4,3 milioni di dollari all’anno – altri all’interno dell’università erano profondamente allarmati.

La nuova indagine che è stata completata venerdì ha mostrato che Joe Alleva, che era il direttore atletico della LSU nel 2013 e aveva già messo in guardia il suo allenatore dall’incontrarsi faccia a faccia con gli studenti dipendenti, credeva che Miles dovesse essere estromesso per giusta causa.

“Credo sempre che le persone siano innocenti fino a prova contraria e in questo caso credo che sia colpevole di insubordinazione, comportamento inappropriato, mettendo a grande rischio l’università, il dipartimento di atletica e il programma di calcio”, ha scritto Alleva ad altri funzionari della LSU nel giugno 2013. “Penso che abbiamo un motivo.”

La raccomandazione di Alleva non è stata seguita. Invece, la LSU ha scelto solo di impedire a Miles di assumere studenti lavoratori in atletica leggera per “lavoro personale”. L’università ha anche affermato che a Miles era vietato avere comunicazioni personali con qualsiasi studente impiegato in atletica leggera e gli ha ordinato di pagare almeno otto ore di allenamento con un avvocato del lavoro.

Allo stesso tempo, la LSU ha manovrato per proteggere le accuse e le punizioni dalla vista del pubblico.

“Non c’era alcun fascicolo su questo argomento all’università”, ha detto l’indagine che la LSU ha pubblicato venerdì sull’inchiesta del 2013. “Invece, il rapporto relativo alle indagini è stato archiviato intenzionalmente fuori sede presso l’ufficio del legale esterno della LSU e con gli avvocati di Miles”.

In effetti, il Kansas ha affermato di non aver esaminato il rapporto fino a quando non è uscito durante il contenzioso di questo mese in Louisiana.

La LSU ha licenziato Miles nel 2016, ma il suo licenziamento è stato collegato al 2-2 per i Tigers in quella stagione. La sua permanenza a Baton Rouge, iniziata nel 2005, è stata spesso elogiata: oltre a vincere il titolo della stagione 2007, ha portato la LSU a un’altra partita di campionato dopo la stagione 2011. Ha regolarmente mantenuto la LSU competitiva con la sempre più dinastica University of Alabama ed era popolare tra molti fan, anche dopo il suo licenziamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *