Gary Oldman ricorda di aver sudato “vodka” prima di diventare sobrio 24 anni fa


Gary Oldman è sobrio da 24 anni, ma il Mank star ricorda ancora com’era “sudare la vodka” e avere una lingua “nera”.

Lui dice Il Los Angeles Times di cui la sua esperienza come alcolista in via di guarigione ha fornito una maggiore comprensione Herman Mankiewicz, che interpreta nel film Netflix Mank. Come il famoso sceneggiatore, Oldman ricorda di aver pensato di “farla franca” con la sua dipendenza perché stava ancora lavorando.

Oldman spiega: “Herman, con quell’umorismo schivo, era a pranzo, a bere con un amico, che ha detto: ‘Perché non torni a casa sobrio per una volta?’ E lui rispose: “Cosa? E avere [his wife] Sara mi ha buttato fuori come impostore? Ho fatto la stessa cosa. Mi sedevo e dicevo al cameriere: ‘Prenderò una grande vodka tonic. E puoi portarlo adesso perché sono un alcolizzato. Ne ho bisogno più velocemente. ‘”

Aggiunge che è stato più difficile liberarsi dall’abitudine perché associava l’alcolismo a grandi artisti come Ernest Hemingway.

“La gente lo romanticizza, e anche io lo romanticizzavo”, riflette Oldman. “Tutti i miei eroi erano bevitori o tossicodipendenti da oppio, e tutti voi avete gli occhi annebbiati su questi poeti, drammaturghi e attori che erano grandi bevitori.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.