Il nuovo videogioco di Harry Potter consentirà ai personaggi transgender | Notizie di intrattenimento


I giocatori di Hogwarts Legacy saranno in grado di creare personaggi che hanno una voce maschile o femminile, indipendentemente dall’aspetto del loro corpo, hanno detto fonti a Bloomberg News.

Il prossimo videogioco di Harry Potter consentirà ai giocatori di personalizzare la voce del proprio personaggio, il tipo di corpo e la posizione di genere per i dormitori della scuola, facendo un passo verso l’inclusività dopo diverse recenti controversie derivanti dai commenti del creatore della serie JK Rowling che sono stati visti come transfobici.

L’eredità di Hogwarts è prevista per il 2022 dall’editore Warner Bros. Interactive Entertainment Inc. e dallo sviluppatore Avalanche Software. Quando i giocatori iniziano il gioco, saranno in grado di creare un personaggio che abbia una voce maschile o femminile, indipendentemente dall’aspetto del loro corpo, secondo le persone che hanno familiarità con lo sviluppo del gioco. Le persone hanno chiesto l’anonimato perché non erano autorizzate a parlare con la stampa.

I giocatori potranno quindi selezionare una delle due opzioni – “strega” o “mago” – che determineranno il dormitorio in cui verranno inseriti nella scuola magica di Hogwarts e il modo in cui vengono affrontati dagli altri personaggi nel gioco.

Sebbene questo livello di personalizzazione sia diventato più comune nei videogiochi e non sia più insolito, è degno di nota per Hogwarts Legacy. La scorsa estate Rowling ha fatto diversi commenti che sono stati ampiamente visti come umilianti nei confronti delle persone transgender e denunciati da molti, tra cui le star dei film di Harry Potter Daniel Radcliffe ed Emma Watson.

I commenti hanno anche scosso alcune persone che lavorano al gioco, ha riferito Bloomberg. Di conseguenza, alcuni membri del team di sviluppo di Hogwarts Legacy hanno lottato per rendere il gioco il più inclusivo possibile, spingendo per la personalizzazione del personaggio e persino per l’aggiunta di un personaggio transgender.

All’inizio c’era resistenza da parte del management, hanno detto le persone che hanno familiarità con il progetto, ma attualmente la personalizzazione del personaggio è inclusa nel gioco. Un portavoce della Warner Bros. ha rifiutato di commentare.

Warner Bros. Interactive Entertainment è un’unità di AT&T Inc. e ospita titoli come Harry Potter: Wizards Unite e Mortal Kombat 1. L’unità aveva attirato l’interesse di diverse società importanti lo scorso anno e avrebbe potuto raccogliere 4 miliardi di dollari, secondo un rapporto della CNBC lo scorso giugno.

Ma AT&T ha esitato dato il potenziale di crescita dell’azienda, ha riferito Bloomberg, e ha estratto l’unità da un elenco di potenziali vendite di asset. Harry Potter è uno dei franchise più redditizi dell’intrattenimento. La serie di film è il terzo più alto incasso di tutti i tempi, con 7,7 miliardi di dollari di entrate, mentre la Rowling ha venduto più di mezzo miliardo di libri, più di ogni singolo autore nella storia.

Il mese scorso, Hogwarts Legacy ha affrontato altre polemiche dopo che il giornalista di videogiochi Liam Robertson ha rivelato che Troy Leavitt, un produttore senior di Avalanche con sede a Salt Lake City, ha realizzato dozzine di video su YouTube che attaccano il femminismo e la “giustizia sociale”.

Ha anche espresso sostegno per Gamergate, una comunità di giocatori che molesta giornalisti e sviluppatori di giochi per aver espresso opinioni progressiste. ResetEra, uno dei più grandi forum di videogiochi, ha promulgato “un divieto totale di discussioni per i media promozionali” attorno all’eredità di Hogwarts sulla scia di quella scoperta e dei commenti di Rowling. Leavitt non ha risposto a una richiesta di commento.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *