Trump dice che non formerà un nuovo partito, giura di unire i repubblicani | Notizie di politica


L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha affermato di non avere intenzione di formare un nuovo partito politico, giurando invece di unire un partito repubblicano che si è frammentato dopo che i suoi sostenitori hanno condotto una rivolta mortale al Campidoglio degli Stati Uniti.

Nel suo primo importante discorso da quando ha lasciato la Casa Bianca il mese scorso, Trump ha detto che il GOP “si unirà e sarà più forte che mai”.

“Non sto iniziando una nuova festa. Quella era una notizia falsa “, ha detto domenica pomeriggio alla folla alla Conservative Political Action Conference (CPAC).

“Saremo uniti e forti come mai prima d’ora. Salveremo e rafforzeremo l’America e combatteremo l’assalto del radicalismo, del socialismo e, in effetti, tutto porta al comunismo “, ha detto Trump, che ha passato gran parte del suo discorso a colpire il presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

I sostenitori di Trump hanno dominato la conferenza di quest’anno, tenutasi in Florida a causa delle ampie restrizioni statali sui raduni durante la pandemia COVID-19.

Essendo il più grande raduno annuale di repubblicani e conservatori del paese, il CPAC mostra tipicamente la direzione del Partito Repubblicano e dei suoi sostenitori.

Memorabilia mostrati per la vendita al di fuori della Conservative Political Action Conference (CPAC) a Orlando, Florida, USA, 27 febbraio 2021 [Octavio Jones/Reuters]

Mentre le riunioni passate sono servite da forum per il dibattito tra un’ampia coalizione di conservatori statunitensi, i partecipanti alla riunione di quest’anno hanno dedicato il fine settimana a esprimere il loro impegno nei confronti di Trump e ad affermare il suo costante dominio nel partito.

L’evento arriva mentre il Partito Repubblicano si è frammentato dopo una rivolta mortale al Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio e settimane di false affermazioni da parte di Trump secondo cui le elezioni presidenziali di novembre gli erano state rubate.

Trump è stato messo sotto accusa dalla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti per “istigazione all’insurrezione” in relazione alla rivolta, ma in seguito è stato assolto al Senato degli Stati Uniti.

‘In guerra con se stesso’

John Hendren di Al Jazeera, in un rapporto da Orlando nel fine settimana, ha detto che la conferenza ha riunito “la parte pro-Trump del Partito Repubblicano”, che ha detto è attualmente “in guerra con se stesso”.

I repubblicani pro-Trump hanno difeso Trump tra le accuse che ha incitato la folla dei suoi sostenitori che ha invaso il Campidoglio il mese scorso, mentre altri lo hanno criticato pubblicamente e alcuni hanno persino votato per la sua impeachment.

I legislatori repubblicani che sono stati critici nei confronti di Trump, tra cui la deputata Liz Cheney e l’ex leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, non sono stati i benvenuti alla conferenza, ha detto Hendren.

“Questa è davvero la metà pro-Trump del partito. E penseresti che sia ancora alla Casa Bianca … ci sono cappelli Trump ovunque “, ha riferito Hendren sabato.

“Questo è un partito che ora ha la scelta di passare a un’era post-Trump o una continuazione dell’era Trump”.

Un sostenitore di Trump al di fuori della Conservative Political Action Conference [Joe Raedle/Getty Images via AFP]

I sostenitori di Trump hanno viaggiato da tutto il paese per vedere le prime osservazioni dell’ex presidente da quando ha lasciato l’incarico a gennaio.

Cappelli, camicie e altri accessori pro-Trump erano in mostra alla conferenza, dove i partecipanti hanno scattato foto accanto a una statua d’oro dell’ex presidente.

Vickie Froehlich, che ha servito come delegata alla Convention nazionale repubblicana quando Trump è stato nominato per la prima volta nel 2016, è arrivata al CPAC da Minneapolis, Minnesota. Se i repubblicani abbandonassero Trump, ha detto, “sarebbe un enorme errore”.

“Penso che sia stato fantastico per il nostro paese. È ancora molto popolare “, ha detto Froehlich ad Al Jazeera.

I relatori che sono saliti sul palco durante il fine settimana, tra cui i senatori Rick Scott della Florida, Ted Cruz del Texas e Josh Hawley del Missouri, hanno annunciato il sostegno per la continuazione della missione politica di Trump.

Nelle tavole rotonde, i legislatori e gli attivisti hanno anche discusso contro la legittimità dei risultati elettorali presidenziali del 2020 e hanno avvertito delle cospirazioni di sinistra per mettere a tacere i discorsi conservatori.

“Non mi sto tirando indietro”, ha detto Hawley, uno dei senatori repubblicani che hanno votato per ribaltare i risultati delle elezioni statunitensi, cosa che gli è valsa una lunga standing ovation alla conferenza. “Non una possibilità! Non una possibilità!”

Chris Moody ha contribuito a questo rapporto da Orlando, Florida



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.