Lucid Motors sta diventando pubblica in una grande fusione SPAC

Lucid Motors diventerà una società quotata in borsa alla Borsa di New York con un accordo che lascerà la startup di veicoli elettrici con $ 4,4 miliardi in contanti. La startup californiana, di proprietà della maggioranza del fondo sovrano dell’Arabia Saudita, prevede di iniziare a spedire il suo primo veicolo elettrico di lusso – la berlina Air con autonomia di 500 miglia – entro la fine dell’anno. Un SUV elettrico dovrebbe seguire nel 2023.

Proprio come molte altre startup nel settore automobilistico hanno fatto nell’ultimo anno, Lucid Motors sta saltando il percorso tradizionale per diventare una società quotata in borsa e si sta invece fondendo con una società di acquisizione per scopi speciali, o SPAC. In particolare, Lucid Motors si sta fondendo con Churchill Capital Corp IV, che è già quotata al NYSE. Bloomberg ha riferito per la prima volta che Lucid Motors e Churchill – che è gestito dall’investitore Michael Klein, che ha progettato accordi per l’Arabia Saudita in passato – erano in trattative a gennaio.

Circa 2,1 miliardi di dollari di quel denaro proverranno da Churchill. Circa 2,5 miliardi di dollari proverranno da un nuovo round di finanziamenti in corso in concomitanza con la fusione, che è ancorata dall’Arabia Saudita ma include BlackRock, Fidelity Management e altri. Alcuni andranno a pagamento, il resto andrà alla nuova versione combinata di Lucid Motors. L’accordo valuta Lucid Motors a $ 24 miliardi. Si prevede che chiuderà nel secondo trimestre di quest’anno e le azioni di Lucid Motors saranno scambiate al NYSE con il ticker “LCID”.

Guidata da Peter Rawlinson, un ex ingegnere Tesla che ha contribuito a dare vita alla Model S, Lucid Motors è stata fondata nel 2007 come Atieva. Inizialmente era incentrato sulla tecnologia delle batterie, ma alla fine si è trasformato in una startup di veicoli elettrici alcuni anni fa. Da allora è cresciuto fino a raggiungere più di 2.000 dipendenti e ha iniziato la costruzione di una fabbrica da 700 milioni di dollari in Arizona, dove verrà costruita l’Air.

Come molti dei suoi colleghi, Lucid Motors ha lottato per un po ‘alla ricerca di nuovi finanziamenti. A complicare le cose è stato il fatto che Jia Yueting, la fondatrice dell’altra startup di veicoli elettrici Faraday Future, finì per possedere circa il 30% di Lucid Motors. Jia è diventato un ostacolo negli sforzi di raccolta fondi dell’azienda, che incluse sollecitazioni da parte dei principali OEM come Ford. (Ford alla fine ha forgiato il proprio percorso verso i veicoli elettrici, sebbene abbia integrato questo sforzo con una partnership con Volkswagen e un investimento nella vivace startup di veicoli elettrici Rivian.)

Nel frattempo, Lucid Motors si è rivolta a fondi speculativi per prestiti per mantenere le luci accese, utilizzando la sua proprietà intellettuale come garanzia, come The Verge segnalato per la prima volta nel 2018.

Lucid Motors alla fine ha trovato un salvatore nel fondo sovrano dell’Arabia Saudita, il Fondo per gli investimenti pubblici o PIF. PIF ha promesso più di $ 1 miliardo a Lucid Motors nel 2018 (a poche settimane dall’uccisione di Jamal Khashoggi) in cambio della partecipazione di maggioranza in una startup che si allineava con le ambizioni di energia pulita propagandate dal sovrano de facto del Regno, Mohammed bin Salman .

Secondo la presentazione degli investitori pubblicata lunedì, PIF possiede attualmente l’85% di Lucid Motors a seguito di una nuova iniezione di $ 600 milioni che dovrebbe sostenere l’avvio fino alla chiusura dell’accordo SPAC. Jia lo è secondo quanto riferito ora fuori dai giochie Faraday Future è una delle tante altre startup di veicoli elettrici ad annunciare una fusione con la SPAC.

Da allora, Lucid Motors ha lavorato duramente per preparare la berlina Air di lusso tecnologicamente avanzata per il suo debutto. L’auto sfrutta la lunga storia dell’azienda nella tecnologia delle batterie per fornire oltre 500 miglia di autonomia, il che la renderebbe capace quanto la berlina Model S più avanzata di Tesla. Lucid Motors prevede anche di venderlo direttamente ai clienti, proprio come Tesla e altre startup di veicoli elettrici.

Quella tecnologia della batteria è una delle ragioni per cui la SPAC di Klein sta investendo così profondamente in Lucid Motors, secondo la presentazione dell’investitore. Lucid Motors ha “un potenziale non sfruttato nelle soluzioni di accumulo delle batterie e nelle licenze per la tecnologia dei propulsori”, scrivono le società. Immaginano che le batterie vengano utilizzate in modo specifico in qualsiasi cosa, dai veicoli commerciali, agli elicotteri o ai droni e altri aeromobili, e anche alle attrezzature pesanti.

La presentazione agli investitori parla anche del crescente numero di talenti esecutivi di Lucid Motors. Ciò include l’ex VP di Apple Michael Bell, che ha contribuito a portare l’iPhone nel mondo. Bell è stato in precedenza CTO di Rivian fino a quando non ha lasciato bruscamente lo scorso febbraio. Gli ex dirigenti di Tesla Peter Hochholdinger (produzione) e Peter Hasenkamp (catena di fornitura) sono anche tra i ranghi esecutivi di Lucid Motors.

Lucid Motors crede di poter generare profitti lordi già nel 2023, che è quando debutterà il suo primo SUV – chiamato Gravity – e per entrare veramente in nero entro il 2025. Si aspetta di essere in grado di produrre e vendere 20.000 auto nel 2022 49.000 nel 2023 e fino a 500.000 auto all’anno (tra cui Air, Gravity SUV e modelli futuri) entro il 2030.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *