Kevin Mather si dimette da Mariners President


Fino a lunedì, Kevin Mather era il presidente e amministratore delegato di una squadra della Major League Baseball con due dubbi distinzioni. Il suo franchise, i Seattle Mariners, è doloroso, sia attualmente che storicamente. È l’unica squadra a non raggiungere mai le World Series e possiede la più lunga siccità post-stagionale attiva negli sport professionistici nordamericani.

I Mariners sono andati per 19 stagioni di seguito senza arrivare ai playoff, e hanno in programma di farne un pareggio 20. Lo sappiamo perché Mather lo ha detto al Bellevue Breakfast Rotary Club così questo mese in una conversazione sorprendentemente franca che gli è costata il lavoro.

Mather si è dimesso lunedì, un passo inevitabile dopo aver infiammato le tensioni con i giocatori confermando alcune delle principali lamentele del sindacato con i proprietari. Raggiungere i playoff nel 2021, ha detto Mather al Rotary Club, è stato “probabilmente una forzatura” – eppure la squadra non avrebbe promosso le sue migliori prospettive per la lega minore il giorno dell’apertura, essenzialmente un’ammissione che la squadra stava manipolando il loro tempo di servizio mantenendo i giocatori nei minori più a lungo del necessario.

Mather ha anche accennato al tipo di pensiero di gruppo tra i proprietari che ha in gran parte reciso la fiducia con il sindacato dei giocatori.

“L’industria ha perso 2,9 miliardi di dollari”, ha detto, riferendosi alla stagione 2020 giocata in mezzo alla pandemia, “e prima che qualcuno di voi faccia le smorfie: No, a nessuno importa che i ricchi proprietari abbiano perso soldi. Ma abbiamo perso 2,9 miliardi di dollari l’anno scorso e abbiamo preso la posizione che ci sono 180 agenti liberi ancora là fuori il 5 febbraio non firmati, e prima o poi questi giocatori gireranno il cappello e verranno con il cappello in mano, alla ricerca di un contratto. “

Il contratto collettivo di lavoro del sindacato con i proprietari scade dopo la stagione 2021. Consegnata un’arma dal management, il sindacato dei giocatori l’ha impugnata allegramente in una dichiarazione:

“Il video di presentazione del club è una finestra molto inquietante ma di fondamentale importanza sul modo in cui i giocatori vengono realmente visti dalla dirigenza. Non solo per quello che è stato detto, ma anche perché rappresenta uno sguardo non filtrato sul pensiero del club. È offensivo, e non sorprende che anche i fan e gli altri nel gioco siano offesi. I giocatori rimangono impegnati ad affrontare questi problemi al tavolo delle trattative e altrove “.

Il candore di Mather si estendeva ai singoli giocatori. Anche se ha offerto molti complimenti, ha detto che il terzo base Kyle Seager era “probabilmente strapagato” e probabilmente non sarebbe tornato la prossima stagione; il titolare mancino Marco Gonzales è stato “molto noioso”; e il prospetto esterno Julio Rodriguez, che viene dalla Repubblica Dominicana, “è rumoroso, il suo inglese non è eccezionale”.

Mather ha anche deriso l’inglese dell’ex lanciatore dei Mariners Hisashi Iwakuma, che è giapponese e ora lavora per la squadra: “Sono stanco di pagare il suo interprete. Quando era un giocatore, pagavamo Iwakuma X, ma dovevamo anche pagare $ 75.000 all’anno per avere un interprete con lui. Il suo inglese è improvvisamente migliorato; il suo inglese è migliorato quando glielo abbiamo detto. “

Rodriguez – che ha 20 anni e parla bene l’inglese – ha risposto su Twitter con un meme tratto da “The Last Dance”, il documentario di Michael Jordan. Rodriguez ha apposto il suo volto su quello di Jordan con la didascalia: “… e l’ho preso sul personale”.

In una videoconferenza con i giornalisti, il presidente dei Mariners, John Stanton, non ha offerto alcuna difesa per i commenti di Mather e ha detto che non riflettevano le convinzioni dell’organizzazione. Ha detto che le mosse dei giocatori spettava al direttore generale Jerry Dipoto, non a Mather.

“Le decisioni riguardanti il ​​momento in cui i giocatori vengono convocati vengono prese da Jerry e dalla squadra di baseball che guida”, ha detto Stanton. “Francamente, non erano decisioni prese da Kevin.”

Sebbene ciò sia tecnicamente vero, la posizione elevata di Mather ovviamente gli ha dato una forte influenza sulla politica della squadra. Ha rivelato che la squadra aveva fatto un’offerta di contratto a lungo termine al potenziale outfield Jarred Kelenic, e ha detto che Kelenic era infastidito quando Baseball America lo ha classificato come il quarto miglior potenziale delle major, un posto dietro Rodriguez.

“Pensa che dopo sei anni, sarà un giocatore così importante che le opzioni del settimo, ottavo, nono anno saranno sottovalutate”, ha detto Mather di Kelenic. “Potrebbe avere ragione.”

Mather era più caritatevole nelle sue opinioni sul primo base Evan White, che ha firmato un accordo a lungo termine – nonostante l’obiezione del sindacato, ha aggiunto Mather – ed è stato promosso per il giorno dell’inaugurazione lo scorso luglio. Con Kelenic, nel frattempo, Mather ha detto che il team voleva che ottenesse degli at-bats in Classe AAA “per un mese”, il che avrebbe effettivamente ritardato il suo orologio di servizio abbastanza a lungo da dare alla squadra un anno in più di controllo prima della sua libera agenzia.

Allo stesso modo, Mather ha salutato il potenziale candidato Logan Gilbert come un “lanciatore di punta”, ma ha detto “non lo vedrai il 1 ° aprile, ma entro metà aprile”. E mentre i Mariners avevano diverse migliori prospettive nel loro sito di allenamento alternativo la scorsa stagione, Mather ha detto che aveva maggiori possibilità di essere chiamato nelle major rispetto a loro.

“Non c’era alcuna possibilità che avresti visto questi giovani giocatori al T-Mobile Park”, ha detto. “Non li avremmo inseriti nel roster di 40 uomini, non avremmo avviato il cronometro di servizio”.

I giocatori di tutto il campionato come Anthony Rizzo, il veterano prima base dei Chicago Cubs, non sono rimasti sorpresi.

“Essendo in questo gioco, sai quello che ha detto è vero, circa il 99,9 per cento, succede – semplicemente non è là fuori e non è detto”, ha detto Rizzo ai giornalisti. “Ci sono storie scritte su di esso, ma ci sono squadre che manipolano il tempo di servizio. Ci sono squadre che lo fanno tutto il tempo. Lui che esce e lo dice, è piuttosto fastidioso e frustrante per noi giocatori, ma non è che non sappiamo niente di quello che ha detto. È solo che lui dice che – bene, sono felice che ora sia in pubblico e le persone vedano che è così “.

I negoziati su un nuovo CBA saranno una battaglia, ha detto Rizzo, ma anche questo è un segreto di Pulcinella. Come ha detto anche Mather al Rotary Club: “Al momento c’è un alto livello di sfiducia tra il sindacato e la direzione, e sono molto preoccupato per ciò che accadrà in futuro”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *