Culture ispiratrici: Fist of Fury di Bruce Lee doppiato in Noongar | Notizie di arte e cultura


È il film che ha ispirato una generazione: i calci volanti, i pugni furiosi, gli effetti sonori vorticosi.

Fist of Fury è il classico film di Bruce Lee del 1972 che ha preso d’assalto il mondo.

Tragicamente, Lee è morto un anno dopo averlo fatto, a soli 32 anni.

Ma i suoi film hanno avuto un impatto globale duraturo, non da ultimo su una famiglia di indigeni Noongar in Australia.

E ora, per la prima volta al mondo, Fist of Fury è stato doppiato in lingua Noongar.

“Amo tutto ciò che rappresenta Bruce Lee”, dice la regista Kylie Bracknell ad Al Jazeera. “Come diciamo nella nostra comunità, le azioni parlano più delle parole”.

Un fan confessato di Bruce Lee, Bracknell ricorda di aver guardato i suoi film con i suoi fratelli e di avere poster dei film sulle pareti della camera da letto a casa.

Bracknell – il cui nome culturale indigeno è Kaarljilba Kaardn – dice che ammirava non solo le abilità di kung fu del maestro di arti marziali, ma anche la sua filosofia e il suo approccio alla vita.

I relatori noongar hanno lavorato con parlanti cantonesi di Hong Kong alla traduzione e al doppiaggio [Courtesy Perth Festival]

Erano questi tratti che erano anche correlati alla sua cultura Noongar, ispirandola a produrre Fist of Fury doppiato nella sua lingua tradizionale.

Ma il progetto non è solo una questione di novità.

Le lingue indigene nel continente ora noto come Australia sono state minacciate da quando gli inglesi hanno iniziato la colonizzazione nel 1788.

In un recente articolo, Jane Simpson, cattedra di linguistica indigena presso l’Università nazionale australiana, ha osservato che in precedenza nel continente si parlavano tra le 300 e le 700 lingue.

L’ultimo censimento del 2016 ha rivelato che solo 160 di quelle lingue erano ancora parlate a casa.

“E di queste, solo 13 lingue tradizionali indigene sono ancora parlate dai bambini”, ha detto Simpson. “Significa che tra 60 anni rimarranno solo 13 lingue australiane, a meno che non si faccia qualcosa per incoraggiare questi bambini a continuare a parlare la loro lingua”.

Viaggio di scoperta

Il viaggio linguistico di Bracknell è iniziato quando aveva 13 anni, dopo la morte del nonno.

Kylie Bracknell si è interessata alla lingua indigena noongar quando aveva 13 anni, imparando dalle sorelle di sua nonna [Courtesy Perth Festival]

Ricorda di aver notato vari libri di lingue a casa sua e ha chiesto a sua nonna perché la sua famiglia non parlava la loro lingua originale di Noongar.

Sua nonna ha spiegato che era stata mandata via all’età di 14 anni per lavorare per una famiglia bianca e non aveva “alcuna possibilità” di mantenere la sua cultura e lingua dai membri della famiglia più anziani, un tempo in cui la politica di assimilazione del governo australiano ha tentato di eliminare le diverse culture indigene e lingue in tutto il continente.

Ma Bracknell era determinata e il suo desiderio di imparare la sua lingua originale la portò a visitare alcuni parenti che ancora conservavano la loro lingua noongar.

“Così mi sono seduta con le sorelle di mia nonna e ho imparato la nostra lingua”, dice.

“A quel punto, non avevo idea che, nel 2021, avrei presentato in anteprima un doppiaggio di un film di Bruce Lee. Volevo semplicemente collegare le parti mancanti a chi sono e dare un senso al motivo per cui quella parte della nostra identità culturale era stata soppressa “.

Dice di averlo imparato nel modo più duro – essere sgridata e “ringhiata” dalle persone anziane del gruppo.

Ma Bracknell si rese presto conto che questi erano semplicemente metodi per crescere i bambini a modo loro, e proprio come la filosofia di Bruce Lee, mettere alla prova il suo coraggio per renderla più forte.

“Volevo solo che fossero orgogliosi, e per rendere orgogliosi gli anziani devi ascoltare e devi prendere le cose sul mento”, dice. “Ti stanno dando il loro tempo e le loro energie perché si preoccupano e perché vogliono anche che tu li renda orgogliosi.”

Il 21 febbraio segna la Giornata internazionale della lingua madre delle Nazioni Unite, che celebra e mira a preservare le diverse lingue del mondo.

L’ONU ha affermato che ben il 43% delle 6.000 lingue del mondo sono attualmente minacciate, molte delle quali sono lingue indigene. Sebbene i popoli indigeni costituiscano meno del 6% della popolazione mondiale, parlano più di 4.000 lingue del mondo.

Tali lingue – come Noongar – sono minacciate a causa della colonizzazione e delle politiche passate e presenti che – intenzionalmente o meno – contribuiscono all’erosione delle lingue indigene.

Bracknell dice ad Al Jazeera che non ha parlato pubblicamente il Noongar fino all’età di 24 anni, quando ha iniziato a lavorare in compagnie teatrali nell’Australia occidentale. Alla fine avrebbe prodotto una versione Noongar del Macbeth di Shakespeare, intitolata Ecate, che è stata presentata in anteprima al Festival di Perth l’anno scorso.

“Ho sempre voluto fare ricerche legittime e ho messo davvero il mio cuore per poterlo parlare con quel tono antico, con l’essenza stessa di come lo parlavano i miei insegnanti, prima di condividerlo”, dice.

Il team lavora al doppiaggio, cercando di garantire che i movimenti della bocca delle versioni originale e Noongar corrispondano [Courtesy Perth Festival]

Il progetto Fist of Fury, dice Bracknell, è stato ispirato da una versione Navajo del 2013 di Star Wars Episode IV: A New Hope.

Tuttavia, non voleva ripetere Star Wars e sentiva che il film di Bruce Lee “avrebbe raggiunto tutte le generazioni” ed era “qualcosa di un po ‘più d’arte”.

Soprattutto, però, Bracknell ha ritenuto che Fist of Fury fosse un film che “parla davvero dell’espressione fisica che onoriamo nella nostra lingua. Non si tratta solo di ciò che esce dalla tua bocca, ma dell’espressione del tuo corpo “.

“Troppe persone considerano la lingua una forma parlata. Dimenticano che il nostro linguaggio è nella tua espressione fisica “, dice. “Questo è ciò che ha determinato la scelta di Bruce Lee e del kung fu.”

Sfida di traduzione

Doppiare il film non è stato un compito facile.

“Tutto si è rivelato difficile da tradurre perché sei responsabile dell’interpretazione”, ha ricordato Bracknell. “E sei responsabile di onorare il significato del testo originale e delle conversazioni originali.”

“La difficoltà con il doppiaggio è che devi abbinare il movimento della bocca degli artisti sullo schermo. Non si tratta solo della difficoltà di traduzione, ma della raffinata arte di dare all’attore sullo schermo la gravità e il potere che hanno nella loro lingua madre “.

Il team di produzione ha lavorato con un traduttore madrelingua cantonese di Hong Kong, per garantire il corretto processo di traduzione, che si è rivelato un processo meticoloso.

“Stiamo lavorando con la lingua probabilmente più sofisticata del mondo – il cantonese – e quindi si aspettano che lo facciamo correttamente”, dice. “È la loro storia, è il loro film.”

Il processo si è rivelato gratificante per la loro ricerca sulla lingua Noongar, ad esempio, trovando una parola per “fratello maggiore” di cui prima non erano a conoscenza.

Bracknell crede che il doppiaggio di film classici nelle lingue indigene possa aiutare le persone a sentirsi orgogliose della propria cultura [Courtesy Perth Festival]

Tali progetti di recupero e sopravvivenza della lingua vengono lentamente implementati in Australia man mano che l’importanza culturale e sociale della lingua viene riconosciuta meglio.

Recentemente è stato istituito un programma nelle carceri dell’Australia occidentale con diverse lingue regionali da insegnare dove più appropriato.

“Esiste un legame intrinseco tra lingua e cultura, quindi questo nuovo programma mira ad aiutare i prigionieri aborigeni a riconnettersi con le proprie persone, pratiche e convinzioni”, ha affermato il ministro dei servizi correttivi Francis Logan in una dichiarazione ai media.

“La ricerca mostra che l’insegnamento delle lingue aborigene porta a risultati positivi di sviluppo personale e comunitario, tra cui buona salute e benessere, rispetto di sé, empowerment, identità culturale, soddisfazione di sé e appartenenza”.

Il fatto che un tale programma debba essere consegnato nelle carceri – al contrario delle scuole – è la prova del continuo effetto negativo che la colonizzazione ha avuto sulle comunità indigene, con un giovane aborigeno più propenso ad andare in prigione che all’università.

Detto questo, Bracknell afferma che progetti come Fist of Fury sono “davvero importanti perché sono proprio ciò che ecciterà, ispirerà e motiverà le nostre giovani generazioni a sentirsi orgogliose di ciò che hanno e di ciò che sono state le generazioni precedenti. in grado di proteggere e trasmettere.

“Vedono la propria gente che lo abbraccia”, dice. “Vedono persone reali – ed è la loro gente, della loro comunità – che abbracciano la lingua e si godono la gioia che ne deriva”.



Culture ispiratrici: Fist of Fury di Bruce Lee doppiato in Noongar | Notizie di arte e cultura


È il film che ha ispirato una generazione: i calci volanti, i pugni furiosi, gli effetti sonori vorticosi.

Fist of Fury è il classico film di Bruce Lee del 1972 che ha preso d’assalto il mondo.

Tragicamente, Lee è morto un anno dopo averlo fatto, a soli 32 anni.

Ma i suoi film hanno avuto un impatto globale duraturo, non da ultimo su una famiglia di indigeni Noongar in Australia.

E ora, in una prima mondiale, Fist of Fury è stato doppiato in lingua Noongar.

“Amo tutto ciò che rappresenta Bruce Lee”, dice la regista Kylie Bracknell ad Al Jazeera. “Come diciamo nella nostra comunità, le azioni parlano più delle parole”.

Un fan confessato di Bruce Lee, Bracknell ricorda di aver guardato i suoi film con i suoi fratelli e di avere poster dei film sulle pareti della camera da letto a casa.

Bracknell – il cui nome culturale indigeno è Kaarljilba Kaardn – dice che ammirava non solo le abilità di kung fu del maestro di arti marziali, ma anche la sua filosofia e il suo approccio alla vita.

I relatori noongar hanno lavorato con parlanti cantonesi di Hong Kong alla traduzione e al doppiaggio [Courtesy Perth Festival]

Erano questi tratti che erano anche correlati alla sua cultura Noongar, ispirandola a produrre Fist of Fury doppiato nella sua lingua tradizionale.

Ma il progetto non è solo una questione di novità.

Le lingue indigene nel continente ora noto come Australia sono state minacciate da quando gli inglesi hanno iniziato la colonizzazione nel 1788.

In un recente articolo, Jane Simpson, cattedra di linguistica indigena presso l’Australian National University, ha osservato che in precedenza nel continente si parlavano tra le 300 e le 700 lingue.

L’ultimo censimento del 2016 ha rivelato che solo 160 di quelle lingue erano ancora parlate a casa.

“E di queste, solo 13 lingue tradizionali indigene sono ancora parlate dai bambini”, ha detto Simpson. “Significa che tra 60 anni rimarranno solo 13 lingue australiane, a meno che non si faccia qualcosa per incoraggiare questi bambini a continuare a parlare la loro lingua”.

Viaggio di scoperta

Il viaggio linguistico di Bracknell è iniziato quando aveva 13 anni, dopo la morte del nonno.

Kylie Bracknell si è interessata alla lingua indigena noongar quando aveva 13 anni, imparando dalle sorelle di sua nonna [Courtesy Perth Festival]

Ricorda di aver notato vari libri di lingue a casa sua e ha chiesto a sua nonna perché la sua famiglia non parlava la loro lingua originale di Noongar.

Sua nonna ha spiegato che era stata mandata via all’età di 14 anni per lavorare per una famiglia bianca e non aveva “alcuna possibilità” di mantenere la sua cultura e lingua dai membri della famiglia più anziani, un tempo in cui la politica di assimilazione del governo australiano ha tentato di eliminare le diverse culture indigene e lingue in tutto il continente.

Ma Bracknell era determinata e il suo desiderio di imparare la sua lingua originale la portò a visitare alcuni parenti che ancora conservavano la loro lingua noongar.

“Così mi sono seduta con le sorelle di mia nonna e ho imparato la nostra lingua”, dice.

“A quel punto, non avevo idea che, nel 2021, avrei presentato in anteprima un doppiaggio di un film di Bruce Lee. Volevo semplicemente collegare le parti mancanti a chi sono e dare un senso al motivo per cui quella parte della nostra identità culturale era stata soppressa “.

Dice di averlo imparato nel modo più duro – essere sgridata e “ringhiata” dalle persone anziane del gruppo.

Ma Bracknell si rese presto conto che questi erano semplicemente metodi per crescere i bambini a modo loro, e proprio come la filosofia di Bruce Lee, mettere alla prova il suo coraggio per renderla più forte.

“Volevo solo che fossero orgogliosi, e per rendere orgogliosi gli anziani devi ascoltare e devi prendere le cose sul mento”, dice. “Ti stanno dando il loro tempo e le loro energie perché si preoccupano e perché vogliono anche che tu li renda orgogliosi.”

Il 21 febbraio segna la Giornata internazionale della lingua madre delle Nazioni Unite, che celebra e mira a preservare le diverse lingue del mondo.

L’ONU ha affermato che ben il 43% delle 6.000 lingue del mondo sono attualmente minacciate, molte delle quali sono lingue indigene. Sebbene i popoli indigeni costituiscano meno del 6% della popolazione mondiale, parlano più di 4.000 lingue del mondo.

Tali lingue – come Noongar – sono minacciate a causa della colonizzazione e delle politiche passate e presenti che – intenzionalmente o meno – contribuiscono all’erosione delle lingue indigene.

Bracknell dice ad Al Jazeera che non ha parlato pubblicamente il Noongar fino all’età di 24 anni, quando ha iniziato a lavorare in compagnie teatrali nell’Australia occidentale. Alla fine avrebbe prodotto una versione Noongar del Macbeth di Shakespeare, intitolata Ecate, che è stata presentata in anteprima al Festival di Perth l’anno scorso.

“Ho sempre voluto fare ricerche legittime e ho messo davvero il mio cuore per poterlo parlare con quel tono antico, con l’essenza stessa di come lo parlavano i miei insegnanti, prima di condividerlo”, dice.

Il team lavora al doppiaggio, cercando di garantire che i movimenti della bocca delle versioni originale e Noongar corrispondano [Courtesy Perth Festival]

Il progetto Fist of Fury, dice Bracknell, è stato ispirato da una versione Navajo del 2013 di Star Wars Episode IV: A New Hope.

Tuttavia, non voleva ripetere Star Wars e sentiva che il film di Bruce Lee “avrebbe raggiunto tutte le generazioni” ed era “qualcosa di un po ‘più d’arte”.

Soprattutto, però, Bracknell ha ritenuto che Fist of Fury fosse un film che “parla davvero dell’espressione fisica che onoriamo nella nostra lingua. Non si tratta solo di ciò che esce dalla tua bocca, ma dell’espressione del tuo corpo “.

“Troppe persone considerano la lingua una forma parlata. Dimenticano che il nostro linguaggio è nella tua espressione fisica “, dice. “Questo è ciò che ha determinato la scelta di Bruce Lee e del kung fu.”

Sfida di traduzione

Doppiare il film non è stato un compito facile.

“Tutto si è rivelato difficile da tradurre perché sei responsabile dell’interpretazione”, ha ricordato Bracknell. “E sei responsabile di onorare il significato del testo originale e delle conversazioni originali.”

“La difficoltà con il doppiaggio è che devi abbinare il movimento della bocca degli artisti sullo schermo. Non si tratta solo della difficoltà di traduzione, ma della raffinata arte di dare all’attore sullo schermo la gravità e il potere che hanno nella loro lingua madre “.

Il team di produzione ha lavorato con un traduttore madrelingua cantonese di Hong Kong, per garantire il corretto processo di traduzione, che si è rivelato un processo meticoloso.

“Stiamo lavorando con la lingua probabilmente più sofisticata del mondo – il cantonese – e quindi si aspettano che lo facciamo correttamente”, dice. “È la loro storia, è il loro film.”

Il processo si è rivelato gratificante per la loro ricerca sulla lingua Noongar, ad esempio, trovando una parola per “fratello maggiore” di cui prima non erano a conoscenza.

Bracknell crede che il doppiaggio di film classici nelle lingue indigene possa aiutare le persone a sentirsi orgogliose della propria cultura [Courtesy Perth Festival]

Tali progetti di recupero e sopravvivenza della lingua vengono lentamente implementati in Australia man mano che l’importanza culturale e sociale della lingua viene riconosciuta meglio.

Recentemente è stato istituito un programma nelle carceri dell’Australia occidentale con diverse lingue regionali da insegnare dove più appropriato.

“Esiste un legame intrinseco tra lingua e cultura, quindi questo nuovo programma mira ad aiutare i prigionieri aborigeni a riconnettersi con le proprie persone, pratiche e convinzioni”, ha affermato il ministro dei servizi correttivi Francis Logan in una dichiarazione ai media.

“La ricerca mostra che l’insegnamento delle lingue aborigene porta a risultati positivi di sviluppo personale e comunitario, tra cui buona salute e benessere, rispetto di sé, empowerment, identità culturale, soddisfazione di sé e appartenenza”.

Il fatto che un tale programma debba essere consegnato nelle carceri – al contrario delle scuole – è la prova del continuo effetto negativo che la colonizzazione ha avuto sulle comunità indigene, con un giovane aborigeno più propenso ad andare in prigione che all’università.

Detto questo, Bracknell afferma che progetti come Fist of Fury sono “davvero importanti perché sono proprio ciò che ecciterà, ispirerà e motiverà le nostre giovani generazioni a sentirsi orgogliose di ciò che hanno e di ciò che sono state le generazioni precedenti. in grado di proteggere e trasmettere.

“Vedono la propria gente che lo abbraccia”, dice. “Vedono persone reali – ed è la loro gente, della loro comunità – che abbracciano la lingua e si godono la gioia che ne deriva”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.