Perché l ‘”indice di riparabilità” della nuova tecnologia francese è un grosso problema

Questa storia originariamente apparso su Grist e fa parte di Desk clima collaborazione.

I nostri dispositivi elettronici hanno un grave pedaggio ambientale e uno dei modi migliori per mitigare è utilizzarli il più a lungo possibile prima di sostituirli. Ma è difficile sapere quanto durerà un nuovo gadget se non sei sicuro di quanto sarà facile ripararlo. Ora, le aziende dovranno iniziare a fare chiarezza su questo, almeno in Francia.

Con una prima mossa mondiale il mese scorso, è iniziata la Francia richiedendo produttori di determinati dispositivi elettronici, inclusi smartphone e laptop, per dire ai consumatori quanto siano riparabili i loro prodotti. I produttori che vendono questi dispositivi in ​​Francia devono assegnare un punteggio ai loro prodotti, oppure “indice di riparabilità, “In base a una serie di criteri, tra cui quanto sia facile smontare il prodotto e la disponibilità di parti di ricambio e documenti tecnici. Mentre la Francia non imporrà l’uso dell’indice con multe fino al prossimo anno, alcune società lo hanno già fatto iniziato rilasciare punteggi per i loro prodotti.

L’indice di riparabilità rappresenta parte dell’impegno della Francia per combattere l’obsolescenza pianificata, la creazione intenzionale di prodotti con una durata di vita limitata che devono essere sostituiti frequentemente e la transizione verso economia circolare dove gli sprechi sono ridotti al minimo. Ma ha anche implicazioni globali. I sostenitori della riparazione affermano che l’indice servirà da cartina di tornasole per altre nazioni che pesano normative simili, aiuterà i consumatori a fare scelte migliori e, si spera, incentiverà le aziende a produrre dispositivi più riparabili.

“È un grande passo nella giusta direzione”, ha detto Ugo Vallauri, cofondatore di Riavvia il progetto, un’organizzazione di difesa della riparazione con sede a Londra e membro di Campagna per il diritto europeo alla riparazione.

Negli ultimi anni, l’elettronica di tutte le forme e dimensioni è diventata più difficile da riparare a causa di una combinazione di scelte progettuali e blocchi software che spesso richiedono strumenti di produttori proprietari per andare avanti. Il costo e la complessità della riparazione significa che molti consumatori non provano nemmeno a riparare i vecchi dispositivi elettronici, ma li scartano per quelli nuovi che richiedono energia e risorse aggiuntive per la produzione. Nel 2020, il governo francese stime che solo il 40 per cento dei dispositivi elettronici rotti nel paese è stato riparato.

Per aumentare quella percentuale, la Francia è passata una bolletta anti-spreco l’anno scorso imponeva ai produttori di elettronica di rendere visibile un indice di riparabilità sui loro prodotti. L’indice, che inizialmente si applica a smartphone, laptop, TV, lavatrici e tosaerba, viene presentato come un punteggio su 10, con un numero più alto che indica un dispositivo più riparabile.

I produttori classificano i loro prodotti utilizzando fogli di lavoro che integrano cinque criteri: disponibilità di documenti tecnici per facilitare la riparazione, facilità di smontaggio, disponibilità di pezzi di ricambio, prezzo dei pezzi di ricambio e una categoria jolly per problemi di riparazione specifici per quella classe di prodotti. Tutte le informazioni che servono per il calcolo dell’indice devono essere messe a disposizione dei consumatori anche al momento dell’acquisto.

Alla fine, la Francia intende espandere il punteggio ad altre classi di prodotti di consumo. Entro il 2024 l’indice di riparazione passerà a un “indice di durabilità” che non solo dice ai clienti quanto sia riparabile un prodotto, ma descrive anche la sua robustezza complessiva.

Mentre l’indice di riparabilità è diventato un requisito ufficiale il 1 ° gennaio, molti produttori stanno procedendo lentamente con la sua implementazione, secondo Vallauri. “Non c’era davvero abbastanza tempo per applicarlo all’inizio del 2021”, ha detto Vallauri, spiegando che alcuni dei criteri di punteggio sono stati concordati solo verso la fine dello scorso anno.

Ma stanno cominciando a emergere un rivolo di punteggi. L’azienda francese di pezzi di ricambio Spareka è pubblicazione indici di riparabilità così come li riceve dai produttori e, finora, il suo sito web include punteggi per lavatrici Asko, TV Samsung, smartphone OnePlus e altro ancora.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *