La Ivy League cancella gli sport primaverili nonostante le richieste degli atleti


“In definitiva, credo che le nostre voci non siano state ascoltate completamente”, ha detto Malinowski, che ha battuto .362 in più di due stagioni e prevede di trasferirsi al Virginia Tech il prossimo autunno e giocare come studente laureato.

“C’era ancora una sorta di lente di parte”, ha detto Josh Nicoloff, un anziano interno alla Columbia, che aveva lavorato a casa, a Ladera Ranch, in California. “Capisco che la salute sia la massima priorità, ma penso che la decisione dimostri quanto hanno guardato nella lettera e sentito le nostre voci. Se avessero davvero ascoltato, la decisione sarebbe stata diversa “.

La scorsa settimana, la Ivy League ha annunciato che avrebbe rotto con la tradizione e avrebbe permesso agli studenti laureati di giocare nel prossimo anno accademico. Ma non ci si aspettava che una tale concessione colpisse molti atleti come Malinowski a causa della difficoltà di entrare in una scuola di specializzazione della Ivy League (soprattutto dopo aver fatto domanda in una data tarda) e del costo di un anno in più nei college che non danno borse di studio atletiche.

Alcuni allenatori e giocatori hanno visto quella decisione come un segno che la stagione primaverile sarebbe stata annullata.

Tuttavia, fino a giovedì, molti di loro si sono formati quanto i protocolli sanitari avrebbero consentito.

Alla Columbia, dove la maggior parte degli studenti non è tornata al campus di Manhattan, e alla Cornell, che ha iniziato ad accogliere gli studenti in questo semestre, i giocatori di baseball erano limitati ad allenarsi da soli.

A Dartmouth, la squadra di baseball sarebbe quasi tutte matricole e senior, perché il campus sarà aperto solo ai membri di quelle classi nel trimestre primaverile, che inizia il mese prossimo. Il roster di Princeton era sceso a 18 giocatori, con quattro juniores che si prendevano un anno sabbatico per poter tornare la prossima stagione.

In posti come Penn e Princeton, gli allenamenti potrebbero continuare. Forse le condizioni di salute pubblica miglioreranno rapidamente con l’aumento delle vaccinazioni e le università possono trovare scuole vicine entro il raggio di 40 miglia richiesto per giocare una manciata di giochi questa primavera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *