Australian Open: Naomi Osaka elimina Serena Williams


Djokovic, 33 anni, che domenica giocherà per il suo 18esimo titolo del Grande Slam in singolo, ha dichiarato: “Quando insegui grandi cose legate alla storia di questo sport, ovviamente ha molto peso, molta pressione. E indipendentemente dal numero di anni in cui hai suonato nel tour e dall’esperienza che hai, lo senti ancora sulle tue spalle “.

Ovviamente, la Williams è stata devastata dalla sconfitta, ha aggiunto Djokovic. Fa parte di ciò che la rende una campionessa. “Ma penso che quando vedi un quadro più ampio per lei e chi è e cosa rappresenta dentro e fuori dal campo, voglio dire, è uno dei più grandi atleti, non solo i giocatori di tennis”, ha detto. “Sono orgoglioso e onorato di giocare nello stesso momento in cui lo fa”.

Non è un caso che in 77 presenze del Grande Slam, la Williams si sia ritirata a metà Slam solo due volte, entrambe nel capitolo post-maternità della sua carriera (gli Open di Francia 2018 e 2020). Il parto ha dato a Williams più fiducia nella forza e nella resilienza del suo corpo. Ma non importa quanto si senta giovane, il suo corpo ha assorbito tre decenni di colpi sul campo da tennis e un duro lavoro.

La tuta intera a maniche lunghe e una gamba che ha presentato in questo torneo, sebbene elegante, ha anche svolto un ruolo funzionale più importante come indumento compressivo. Continua ad occuparsi di problemi di circolazione. Ci sono giorni, ha riconosciuto dopo la sua vittoria per 6-3, 6-0 contro Nina Stojanovic, in cui il suo piede destro si gonfia ed è così doloroso che rimanda fino all’ultimo momento possibile infilandosi la scarpa e allacciandosi i lacci.

Tra il lavoro sul nastro sul suo piede destro gonfio e il lavoro sul nastro sulla sua caviglia sinistra ferita, “Sto praticamente indossando un gesso su entrambi i piedi”, ha detto Williams.

La difficoltà di stare sull’orlo della storia, come Williams ha fatto negli ultimi quattro anni, si sta concentrando sul qui e ora in circostanze come quelle di giovedì, quando era così vicina alla pietra miliare che poteva quasi sentire il suo nome scolpito. negli annali del gioco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *