Il poeta letterario palestinese Mourid Barghouti muore a 76 anni | Notizie di necrologi


Il celebre poeta palestinese Mourid Barghouti è morto ad Amman domenica dopo aver trascorso la maggior parte della sua vita in esilio.

Il famoso poeta palestinese Mourid Barghouti è morto all’età di 76 anni nella capitale giordana Amman, dopo aver trascorso la maggior parte della sua vita in esilio.

Il figlio di Mourid, il poeta arabo Tamim Barghouti, ha scritto domenica tardi sulla sua pagina Facebook: “Che Allah abbia pietà di mia madre e di mio padre”.

Il ministro della Cultura palestinese Atef Abu Saif ha pianto la morte di Barghouti, dicendo che i palestinesi e il mondo arabo hanno “perso un simbolo di lotta nazionale e creatività”.

L’8 luglio 1944, Barghouti è nato nel villaggio palestinese di Deir Ghassanah, alla periferia della città di Ramallah, in Cisgiordania occupata, quattro anni prima della Nakba (Catastrofe), la pulizia etnica della Palestina e la distruzione quasi totale della società palestinese durante l’istituzione dello stato di Israele nel 1948.

Ciò che è rimasto dopo la creazione di Israele è stato successivamente occupato e annesso in seguito alla guerra del 1967.

Prima della guerra, Barghouti si trasferì nella capitale egiziana nel 1963 per conseguire una laurea in letteratura inglese all’Università del Cairo. Si è laureato nel 1967 e non è stato in grado di tornare a Ramallah per altri 30 anni.

‘Sfollamento palestinese’

Un sostenitore della causa palestinese, Barghouti ha trascorso anni della sua vita a scrivere della sua patria e dell’occupazione israeliana. Ha vissuto in diversi paesi della regione, inclusi Libano, Giordania e Iraq, prima di tornare in Egitto.

Lì ha incontrato sua moglie Radwa Ashour, una scrittrice egiziana morta nel 2014. Ashour ha tradotto il romanzo autobiografico di Barghouti acclamato a livello internazionale, I Saw Ramallah.

Il suo ricordo di esilio e sfollamento è stato ispirato dal suo ritorno a Ramallah dopo la firma degli accordi di Oslo negli anni ’90.

Il defunto Edward Said lo ha descritto come “uno dei più bei resoconti esistenziali dello sfollamento palestinese”.

Nel 2009, Mourid ha pubblicato un altro romanzo, ampiamente considerato un’estensione del suo primo, intitolato: I Was Born There, I Was Born Here. È stato scritto al suo ritorno a Ramallah con il suo unico figlio, Tamim, ed è stato anche tradotto in inglese nel 2012.

Oltre al suo romanzo, Barghouti ha pubblicato negli anni 12 raccolte di poesie.

Ha letto le sue poesie ed ha esposto i suoi libri in tutto il mondo, e ha tenuto conferenze sulla poesia palestinese e araba nelle università di Oxford, Manchester, Oslo e Madrid, tra le altre.

Barghouti si è opposto con veemenza agli accordi di Oslo e al risultato degli accordi, e più recentemente ha criticato gli ultimi accordi di normalizzazione arabi mediati dagli Stati Uniti con Israele.

Sebbene fosse un membro dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina, Barghouti non si è identificato con nessun partito politico. Ha trascorso anni come addetto culturale dell’ente a Budapest, in Ungheria.

Non c’è stato alcun annuncio immediato sulla causa della morte di Barghouti.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *