Un signore del crimine del Dark Web da un miliardo di dollari chiede che se ne vada

Poco più di un una settimana fa, un dipendente di un impianto di trattamento dell’acqua a Oldsmar, in Florida, ha notato che il mouse sullo schermo ha iniziato a muoversi apparentemente da solo. Ben presto stava facendo clic sui controlli, aumentando la fornitura di liscivia nella fornitura d’acqua da 100 parti per milione a 1.100 ppm, abbastanza da causare gravi danni ai tessuti umani. Fortunatamente, il dipendente si è mosso rapidamente per riportare le cose a livelli normali. Non è ancora chiaro chi ci fosse dietro questo drammatico hack e un sobrio promemoria di quanto siano esposti così tanti sistemi industriali nonostante anni di avvertimenti.

Facebook sembra anche aver ignorato gli avvertimenti sulla proliferazione di truffe Covid-19 sulla sua piattaforma; i ricercatori questa settimana hanno rivelato più truffe che hanno trovato sia sul social network che sul servizio di messaggistica Telegram.

Cyberpunk 2077 lo sviluppatore CD Projekt Red era già stato maltrattato da giocatori frustrati dai bug dilaganti del gioco e dal gameplay scadente sulle console legacy. Questa settimana ha rivelato che il ransomware è stato recentemente aggiunto alla sua lista di mali, poiché un gruppo di hacker ha affermato di aver rubato documenti interni e codice sorgente per i suoi giochi più popolari. CD Projekt Red ha detto che non avrebbe pagato il riscatto.

Microsoft ha finalmente corretto una vulnerabilità introdotta per la prima volta nel suo prodotto antivirus Windows Defender, ribattezzato Microsoft Defender lo scorso anno, almeno 12 anni fa. Un’app per scanner di codici a barre ha iniziato a fornire adware ai suoi milioni di utenti dopo un aggiornamento a dicembre. E assicurati di leggere la terza puntata di 2034, il racconto immaginario di una guerra futura con la Cina che suona tutto reale.

E c’è di più! Ogni settimana raccogliamo tutte le notizie che non abbiamo trattato in modo approfondito. Clicca sui titoli per leggere le storie complete. E stai al sicuro là fuori.

Dal 2014, se eri nel mercato per una carta di credito o un’identità rubata sul dark web, o fino a poco tempo fa, il Joker’s Stash è stato il tuo sportello unico. Secondo l’analisi della società di analisi blockchain Elliptic, l’operatore di Joker’s Stash ha annunciato che chiuderà il negozio questo mese dopo aver preso ciò che Elliptic ha fissato a oltre un miliardo di dollari di criptovaluta durante la loro corsa. (Non è chiaro se JokerStash, l’account che gestisce il mercato, sia un individuo o un gruppo.)

Nell’ottobre 2018, Bloomberg ha pubblicato “The Big Hack”, un resoconto incendiario di come la Cina avesse impiantato minuscoli microchip sulle schede madri della Supermicro con sede negli Stati Uniti per infiltrarsi in dozzine di aziende, tra cui Apple e Amazon. Tutti quelli coinvolti in quella storia hanno offerto clamorose smentite, e gli esperti di sicurezza esterni erano molto dubbiosi. Questa settimana, Bloomberg è tornato con un nuovo giro di rapporti, inclusi diversi tipi di forze dell’ordine che parlano a verbale delle affermazioni. Tuttavia, non era ancora abbastanza per placare la maggior parte degli scettici.

Facebook ha insistito – in particolare il direttore operativo Sheryl Sandberg – sul fatto che la maggior parte della pianificazione delle rivolte del Campidoglio è avvenuta su piattaforme diverse dalla sua. I documenti del tribunale confutano tale affermazione, ha scoperto Forbes, con Facebook che ha raccolto molti più riferimenti di qualsiasi altro sito di social media. Gli usi effettivi variavano, con molti presunti rivoltosi che utilizzavano Facebook per trasmettere in streaming il caos, ma chiaramente ha avuto più un ruolo negli eventi di quanto non sia venuto a patti.

Apple continua la sua spinta sulla privacy, questa volta aggiungendo una funzionalità al suo browser Safari che invia tutto il tuo traffico attraverso i propri server proxy, nascondendo efficacemente il tuo indirizzo IP a Google quando sei in modalità Navigazione sicura. Non dovrebbe influire sulla tua esperienza pratica o limitare l’efficacia della funzione di protezione di Google. Fornisce solo a Mountain View una piccola porzione di dati sul tuo viaggio su Internet.


Altre fantastiche storie WIRED

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *