Come avere una video chat significativa … con il tuo cane

Mentre la maggior parte dei proprietari di cani non è sicura che i loro cani li riconoscano sullo schermo, sono certi che i cani stiano reagendo alla loro voce. Kendal Shepherd, un comportamentista degli animali e autore di diversi libri sulla comprensione dei cani, concorda sul fatto che il peso dell’esperienza dipenda fortemente dall’audio. Proprio come con gli esseri umani, una forte connessione Internet per evitare ritardi e un’impostazione del volume chiara ma non troppo alta sono fondamentali per le chat video senza problemi. “Il suono deve essere molto, molto reale”, dice.

Quando si tratta del contenuto della conversazione, sconsiglia anche di esprimere il tuo cuore in sessioni lunghe e prolungate. Per evitare di stressare il tuo cane, ti consiglia di prestare attenzione al tono della tua voce e di usare le parole invece delle frasi, tattiche che dovrebbero essere applicate anche di persona. “L’intera comunicazione dirà ai cani qualcosa sulle nostre emozioni, se siamo felici, tristi, arrabbiati, sconvolti o se c’è qualcosa che non va in noi. Penso che i cani sappiano molto di più di quanto pensiamo “, dice.

Stai fermo e mantienilo breve

Mentre il tuo cane può fissare lo schermo quando un facilitatore solleva un telefono, Jackson dice che è improbabile che riconoscerebbe il suo proprietario su un minuscolo schermo del cellulare. È possibile che schermi più grandi che ti mostrano a grandezza naturale possano consentire al tuo cane di riconoscerti, ma lei indica ricerca di Stanley Coren suggerendo che i cani non riescono a capire le immagini in movimento sugli schermi.

“I cani possono vedere circa il 25 percento più velocemente di noi e notano lo sfarfallio, il che può creare confusione. Potrebbe essere meglio per il cane vedere solo una tua foto piuttosto che un video “, dice.

Anche far sedere il cane davanti a uno schermo per un lungo periodo di tempo potrebbe rivelarsi impossibile. Gli esperti con cui abbiamo parlato concordano sul fatto che i cani possono essere facilmente distratti. Ma anche se il tuo è incline a sedersi e fissarti al telefono, è meglio che la discussione sia breve, soprattutto all’inizio. L’esperienza può effettivamente essere deludente per il tuo cane, in quanto potrebbe scambiare la tua voce per un segno che presto sarai a casa. Jackson consiglia di mantenere la conversazione meno di due minuti.

“Nel mondo reale, i cani sono sempre alla ricerca di informazioni. Lo cercano attraverso la vista, l’udito e l’olfatto e hanno bisogno che queste cose siano congruenti “, dice Shepherd.

Scegli un buon ospite per la chiamata

Karl dice che il facilitatore deve essere in grado di dire se il tuo cane si sta godendo la chiamata o se ci sono segni di stress che potrebbero non essere visibili su uno schermo video. Se c’è un buon facilitatore, che forse distribuisce anche dei dolcetti, c’è una maggiore probabilità che la chiamata vada bene, prevede.

Per Keshia Badalge, quella facilitatrice era sua nonna. Anche se ora si è riunita con il suo cane, dice di aver chattato in video con il suo golden retriever Shandi a Singapore per otto anni mentre viveva negli Stati Uniti. All’inizio di ogni chiamata, sua nonna chiamava “jie jie” (che significa sorella in cinese), come se Badalge fosse appena arrivata a casa, e Shandi sarebbe arrivata di corsa.

Badalge ritiene che il ruolo del facilitatore sia stato fondamentale per rendere possibile la comunicazione. “Ci deve essere una persona di mezzo calorosa, qualcuno disposto a interpretare animando ed esprimendo le cose per conto nostro”, dice. Ad esempio, se Badalge era curiosa dell’ultimo viaggio di Shandi dal veterinario, sua nonna avrebbe tenuto in braccio Shandi e avrebbe detto qualcosa del tipo: “Mostra jie jie pain pain”.

“Ho persino un indirizzo email per lei a cui scrivere, ma dobbiamo contattare qualcun altro, perché Shandi non ha il suo telefono”, spiega Keshia.

Abbraccia il tuo scienziato interiore

Callan Burgess ha iniziato a documentare le sue avventure di chat video su Instagram (@facetimewithdogs) l’anno scorso con il cane di suo fratello, Missy, che sembrava avere un particolare interesse per gli schermi. “I documentari sulla natura, e in particolare David Attenborough, sono molto eccitanti per lei e un giorno volevo vedere se mi riconosceva al telefono”, dice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *