Chris Doyle, assistente allenatore Jaguars, si dimette dopo il contraccolpo


I Jacksonville Jaguars hanno annunciato le dimissioni dell’allenatore della forza Chris Doyle venerdì sera, non molto tempo dopo che un’organizzazione che promuove la diversità nella NFL ha definito la recente decisione di assumere Doyle “semplicemente inaccettabile”.

Doyle, la cui assunzione da parte dei Jaguars è stata annunciata giovedì, ha lasciato lo staff calcistico dell’Università dell’Iowa lo scorso anno dopo che un certo numero di giocatori attuali ed ex di Hawkeyes hanno dichiarato di aver promosso una cultura del bullismo e del razzismo.

L’Associated Press ha riportato per la prima volta una dichiarazione dell’allenatore Jaguars Urban Meyer in cui si afferma che Doyle si era dimesso e che aveva accettato le dimissioni.

“Chris non voleva essere una distrazione per ciò che stiamo costruendo a Jacksonville”, ha detto Meyer nella sua dichiarazione. “Siamo responsabili di tutti gli aspetti del nostro programma e, in retrospettiva, avremmo dovuto prestare maggiore attenzione a come la sua nomina potrebbe aver influito su tutti i soggetti coinvolti. Gli auguriamo il meglio mentre avanza nella sua carriera “.

Venerdì scorso, Rod Graves, direttore esecutivo della Fritz Pollard Alliance, che prende il nome dal primo allenatore capo nero della NFL, ha rilasciato una dichiarazione che diceva: “La partenza di Doyle dall’Università dello Iowa riflette un mandato pieno di scarsa capacità di giudizio e maltrattamenti dei giocatori neri. La sua condotta dovrebbe essere squalificante per la NFL come lo era per l’Università dello Iowa “.

Doyle, che era l’allenatore della forza e del condizionamento dell’Iowa, raggiunto un accordo di separazione con l’università a giugno, terminando lì due decenni di lavoro.

L’assunzione da parte dei giaguari di Doyle, che è bianco, è avvenuta in un momento di intenso esame delle pratiche di assunzione della NFL e di domande sul fatto che i candidati di minoranza per i lavori di coaching abbiano pari opportunità di essere assunti.

“Conosco Chris da quasi 20 anni”, ha detto Meyer giovedì quando gli è stato chiesto di assumere qualcuno che era stato accusato di maltrattare gli atleti, in particolare i giocatori neri. Doyle era l’allenatore della forza presso l’Università dello Utah alla fine degli anni ’90, pochi anni prima che Meyer fosse assunto come capo allenatore lì.

“La dichiarazione di Urban Meyer, ‘Conosco Chris da quasi 20 anni’, riflette la buona rete di ragazzi che è precisamente la ragione per cui c’è una tale disparità nelle opportunità di lavoro per gli allenatori neri”, ha detto Graves nella sua dichiarazione.

Meyer, che ha vinto due campionati nazionali di college come capo allenatore in Florida e uno in Ohio State, non allena dal 2018 e non ha mai lavorato nella NFL prima. Ha ufficialmente assunto Doyle come direttore delle prestazioni sportive di Jacksonville e ha detto che la decisione era stata esaminata ai massimi livelli del franchise.

“Abbiamo fatto un ottimo lavoro nel vagliarlo”, ha detto Meyer ai giornalisti giovedì.

Durante una conferenza stampa la scorsa settimana, il commissario della NFL Roger Goodell ha detto di non essere soddisfatto del tasso con cui gli allenatori di colore sono stati assunti nella NFL, che conta 32 squadre.

“Non era quello che ci aspettavamo”, ha detto della diversità nel round di assunzioni dopo la stagione 2020, “e non è quello che ci aspettiamo in futuro”.

Dei sette head coach assunti dalla fine della stagione regolare, solo due erano non bianchi. L’anno scorso, uno dei cinque lavori di head coaching è andato a un candidato di minoranza e l’anno prima, solo uno su otto.

Negli ultimi tre anni, l’80% dei lavori di allenatore è andato a candidati bianchi, sebbene i giocatori di colore rappresentassero il 69,4% della NFL in questa stagione, secondo l’Institute for Diversity and Ethics in Sport.

Dopo che i Jaguars hanno assunto Meyer e il direttore generale Trent Baalke, entrambi bianchi, il mese scorso, Graves ha elogiato l’organizzazione per aver intervistato diversi candidati di minoranza e per aver cercato input dalla Fritz Pollard Alliance.

“Non posso sostenere che il processo non abbia soddisfatto lo standard di equo, aperto e competitivo”, Graves ha detto The Florida Times-Union.

L’assunzione di Doyle, tuttavia, ha sollevato problemi al di là dell’impegno della NFL per assunzioni diversificate.

Prima che Doyle lasciasse l’Iowa, Emmanuel Rugamba, un ex difensore di Occhi di Falco, cedette molteplici esempi dell’allenatore che umilia i giocatori con stereotipi razziali negativi. Rugamba ha detto in un tweet che un giorno, dopo che un giocatore nero si è allontanato da Doyle, l’allenatore ha detto: “Perché cammini con tutta quella spavalderia ti rimetterò in strada”.

James Daniels, un guardalinee offensivo dei Chicago Bears ed ex Occhio di Falco, twittato durante l’estate: “Ci sono troppe disparità razziali nel programma di calcio dell’Iowa. I giocatori neri sono stati trattati ingiustamente per troppo tempo “.

Doyle ha anche presieduto un allenamento fuori stagione nel 2011 che ha portato al ricovero di 13 giocatori.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.