La sonda spaziale degli Emirati Arabi Uniti Amal entra nell’orbita di Marte | Notizie di economia e di economia


L’impresa rende gli Emirati Arabi Uniti la quinta agenzia spaziale a raggiungere il pianeta mentre i suoi piani per un insediamento su Marte entro il 2117.

La prima missione degli Emirati Arabi Uniti su Marte è entrata nell’orbita del pianeta rosso dopo un viaggio di sette mesi, 494 milioni di chilometri (307 milioni di miglia), consentendogli di iniziare a inviare dati sull’atmosfera e sul clima marziani.

I funzionari del controllo missione sono scoppiati in un applauso martedì, visibilmente sollevati dopo una tesa mezz’ora quando Amal, in arabo significa speranza, ha eseguito un “bruciore” per rallentare abbastanza da essere trascinato dalla gravità marziana.

“Il contatto con #HopeProbe è stato ristabilito. Il Mars Orbit Insertion è ora completo ”, ha detto il Mohammed Bin Rashid Space Center (MBRSC).

“Al popolo degli Emirati Arabi Uniti, alle nazioni arabe e musulmane, annunciamo il riuscito arrivo nell’orbita di Marte. Sia lode a Dio ”, ha detto Omran Sharaf, project manager della missione.

Amal ha dovuto eseguire una serie di virate e accensioni del motore per manovrare in orbita, riducendo la sua velocità a 18.000 km / h (11.200 mph) da oltre 121.000 km / h (75.000 mph).

L’annuncio di martedì rende l’agenzia spaziale degli Emirati Arabi Uniti la quinta a raggiungere Marte.

Anche le sonde lanciate dalla Cina e dalla NASA subito dopo il decollo degli Emirati Arabi Uniti nel luglio dello scorso anno dovrebbero raggiungere il pianeta questo mese.

La Emirates Mars Mission, che è costata circa 200 milioni di dollari, ha lanciato la Hope Probe da un centro spaziale giapponese.

Il programma Mars fa parte degli sforzi degli Emirati Arabi Uniti per sviluppare le proprie capacità scientifiche e tecnologiche e ridurre la dipendenza dal petrolio. La sua agenzia spaziale ha un piano per un insediamento su Marte entro il 2117.

Mira a fornire per la prima volta un quadro completo dell’atmosfera marziana, studiando i cambiamenti giornalieri e stagionali.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *