Vale un tentativo? In che modo il jab COVID monodose potrebbe aiutare nella lotta contro la pandemia | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Un vaccino sviluppato da Johnson & Johnson sta per diventare il primo vaccino COVID-19 monodose approvato dalle autorità di regolamentazione negli Stati Uniti, in quello che potrebbe essere un momento chiave nella lotta contro la pandemia.

La società farmaceutica ha presentato una domanda giovedì alla Food and Drug Administration (FDA) degli Stati Uniti dopo che i risultati preliminari degli studi clinici hanno mostrato che era efficace al 66% nel prevenire casi da moderati a gravi di COVID-19 e ha offerto una protezione dell’85% contro malattie gravi 28 giorni dopo l’inoculazione. I risultati dello studio hanno anche dimostrato che ha fornito una protezione completa contro il ricovero e la morte.

La FDA ha ha programmato una riunione per il 26 febbraio per discutere i dati e decidere se concedere l’autorizzazione all’uso di emergenza. Il vaccino è in fase di revisione anche dalle autorità sanitarie di tutto il mondo.

Se approvato dal regolatore degli Stati Uniti, gli esperti affermano che il vaccino monodose potrebbe svolgere un ruolo chiave nel potenziamento della campagna di vaccinazione globale, che si è bloccata in alcune regioni poiché i produttori hanno segnalato problemi di catena di approvvigionamento.

Quali sono i vantaggi del colpo Johnson & Johnson?

Il tasso di efficacia del colpo di Johnson & Johnson è inferiore rispetto agli altri due vaccini approvati dai regolatori statunitensi di Pfizer-BioNTech e Moderna, che hanno mostrato rispettivamente il 95% e il 94% di efficacia.

A differenza degli altri due vaccini, tuttavia, non richiede una seconda dose, il che semplificherebbe le sfide logistiche nel lancio.

“È uno sviluppo molto positivo perché è una dose singola e può essere trasportata e conservata a una temperatura normale, in modo così operativo e logistico che è un punto di svolta”, ha affermato Soumya Swaminathan, capo scienziato dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Il vaccino può essere conservato in frigoriferi regolari tra 2 ° C e 8 ° C (36 F e 46 F) per tre mesi, rispetto ad altri vaccini che devono essere conservati a temperature ultra-fredde. Ciò potrebbe aiutare la distribuzione nelle popolazioni rurali e remote.

“E maggiore è il numero di persone che vacciniamo, più facile è coprire l’effetto di nuove varianti”, ha aggiunto Swaminathan.

Funziona con nuove varianti?

I virus mutano regolarmente quando si replicano per diffondersi e prosperare, e il coronavirus ha subito molte mutazioni da quando è stato scoperto per la prima volta nella città cinese di Wuhan alla fine del 2019.

“Quando un virus si replica da solo, può commettere” errori “generando nuove varianti che potrebbero diffondersi più rapidamente o avere un tasso di mortalità più elevato”, ha affermato Zoltan Kis, Research Associate presso il Future Vaccine Manufacturing Hub dell’Imperial College di Londra.

Nella peggiore delle ipotesi, ha spiegato Kis, è possibile avere una variante così diversa dalla copia originale da richiedere un nuovo vaccino.

Negli ultimi mesi gli scienziati hanno identificato nuove varianti nel Regno Unito, Brasile e Sud Africa che sembrano essere più trasmissibili rispetto alle precedenti varianti del virus.

Gli studi clinici del vaccino Johnson & Johnson condotti negli Stati Uniti, America Latina e Sud Africa hanno mostrato un tasso di efficacia contro le infezioni da moderate a gravi del 72%, 66% e 57%, rispettivamente.

Il calo di efficacia nello studio sudafricano, che è stato osservato con altri vaccini, è legato a un nuovo ceppo del virus, il B.1.351, che sembra essere più resistente alla risposta anticorpale del corpo. Tuttavia, il vaccino one-shot ha offerto un’elevata protezione contro malattie gravi nel processo sudafricano.

Come funziona il vaccino?

Il colpo di Johnson & Johnson utilizza un vettore virale per trasportare il codice genetico del coronavirus nel corpo. Questo allena il sistema immunitario del corpo a produrre la proteina spike del coronavirus, in modo che sappia come combatterla una volta che incontra il virus per davvero.

Per attivare lo stesso meccanismo, vaccini come Pfizer-BioNTech e Moderna hanno avanzato la tecnologia dell’mRNA, che non era stata utilizzata nei vaccini prima della pandemia.

Mentre gli scienziati cercano di produrre nuovi vaccini per combattere le nuove varianti, la tecnologia dell’mRNA potrebbe avere un vantaggio in quanto è più adattabile e può essere più facilmente riconfigurata per trasmettere diverse istruzioni genetiche al corpo.

Contratti di fornitura

Un colpo di Johnson & Johnson costerà $ 10 come azienda ha promesso per fornire il colpo su base “senza scopo di lucro” durante la pandemia.

In attesa dell’approvazione normativa, l’azienda ha accettato di fornire fino a 500 milioni di dosi a COVAX, una partnership internazionale che mira a garantire l’accesso ai vaccini per i paesi a basso reddito, entro la fine del 2022.

Ha inoltre raggiunto accordi per fornire 100 milioni di dosi negli Stati Uniti, 30 milioni nel Regno Unito e 200 milioni nel Unione Europea.

“La sfida ora per tutte le aziende manifatturiere è che hanno assunto così tanti impegni verso paesi principalmente ad alto reddito che ora stanno lottando per fornire una dose a tutti, incluso COVAX”, ha detto Swaminathan dell’OMS.

L’OMS sta quindi spingendo altri paesi a lasciare che Johnson & Johnson, così come altre importanti aziende produttrici di vaccini, forniscano prima COVAX.

“Vorremmo vedere una certa considerazione per l’equità”, ha detto Swaminathan, osservando che paesi come gli Stati Uniti e il Canada hanno ordinato dosi sufficienti di altri vaccini per coprire la loro popolazione.

Giovedì, l’agenzia sanitaria delle Nazioni Unite ha riferito che più di tre quarti delle vaccinazioni globali si sono verificate in 10 paesi che rappresentano quasi il 60% del prodotto interno lordo (PIL) mondiale, mentre 2,5 miliardi di persone che vivono in 130 paesi devono ancora ricevere una singola dose.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.