Il Regno Unito difende il vaccino AstraZeneca dopo che il Sudafrica interrompe il lancio | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Il vaccino Oxford / AstraZeneca COVID-19 previene la morte e le malattie gravi, afferma il ministro della salute junior.

Il vaccino COVID di Oxford / AstraZeneca previene la morte e malattie gravi ed è efficace contro le principali varianti del virus nel Regno Unito, ha detto un funzionario del governo dopo che il Sudafrica ha sospeso il lancio dei vaccini.

Sottolineando che i ceppi dominanti nel Regno Unito non erano la cosiddetta variante sudafricana, il giovane ministro della salute Edward Argar ha dichiarato lunedì all’emittente britannica Sky News che il vaccino era altamente efficace e non c’erano prove che non impedisse ricoveri e gravi malattia nel paese.

Il giorno prima, il Sudafrica ha interrotto i suoi piani per lanciare il vaccino Oxford / AstraZeneca dopo che i dati indicavano che poteva fornire solo una protezione minima contro l’infezione da lieve a moderata causata dal ceppo dominante di coronavirus 501Y.V2 del paese.

La mossa ha alimentato i timori di una battaglia molto più lunga tra il gatto e il topo con l’agente patogeno, con il governo sudafricano che ha affermato che avrebbe aspettato i consigli degli scienziati su come procedere al meglio.

‘Il coronavirus troverà il modo per diffondersi’

La mossa del Sudafrica è seguita all’analisi degli scienziati dell’Università di Witwatersrand a Johannesburg e dell’Università di Oxford nel Regno Unito.

L’analisi delle infezioni da parte della variante del Sud Africa ha mostrato che c’era un rischio inferiore del 22% di sviluppare COVID-19 da lieve a moderato tra coloro che hanno ricevuto almeno una dose del vaccino rispetto a quelli trattati con un placebo.

“Questo studio conferma che il coronavirus pandemico troverà il modo per continuare a diffondersi nelle popolazioni vaccinate, come previsto”, ha affermato Andrew Pollard, ricercatore capo della sperimentazione sul vaccino di Oxford.

“Ma, presi con i risultati promettenti di altri studi in Sud Africa che utilizzano un vettore virale simile, i vaccini possono continuare ad alleviare il pedaggio sui sistemi sanitari prevenendo malattie gravi”.

I ricercatori hanno affermato che la protezione contro malattie da moderate a gravi, ospedalizzazione o morte non poteva essere valutata nello studio poiché la popolazione target era a basso rischio.

Il professor Shabir Madhi, ricercatore capo dello studio AstraZeneca in Sud Africa, ha affermato che la somiglianza del vaccino con un altro prodotto da Johnson & Johnson, che ha ridotto la malattia grave dell’89%, ha suggerito che avrebbe comunque impedito malattie gravi o morte.

“C’è ancora qualche speranza che il vaccino AstraZeneca possa funzionare bene come il vaccino Johnson & Johnson in un gruppo demografico di età diversa”, ha detto Madhi alla radio BBC.

Il vaccino Oxford / AstraZeneca è visto come uno strumento critico in quanto è economico e più facile da immagazzinare e trasportare rispetto ad alcuni degli altri sul mercato.

Le mutazioni del virus danno l’allarme

Mentre migliaia di cambiamenti individuali si sono verificati quando il virus muta durante la replicazione e si evolve in nuove varianti, è probabile che solo una piccola minoranza sia importante o cambi il virus in modo apprezzabile, secondo il British Medical Journal.

Le cosiddette varianti britanniche, sudafricane e brasiliane stanno causando preoccupazione agli scienziati, poiché sembrano essere più contagiose di altre.

Sarah Gilbert, professoressa di vaccinologia presso l’Università di Oxford, ha affermato che sono in corso sforzi per sviluppare una nuova generazione di vaccini di richiamo che consentiranno la protezione contro le varianti emergenti.

“Questo è lo stesso problema che devono affrontare tutti gli sviluppatori di vaccini, e continueremo a monitorare l’emergere di nuove varianti che si presentano pronte per un futuro cambiamento di ceppo”, ha detto.

Se i vaccini non funzionano contro le nuove varianti, il mondo potrebbe affrontare una battaglia contro la pandemia più lunga e costosa di quanto si pensasse in precedenza.

“Il messaggio del team di Oxford è che i vaccini esistenti potrebbero effettivamente essere modificati e molto rapidamente, senza la necessità di un ampio studio clinico in seguito”, ha detto Neave Barker di Al Jazeera a Londra, descrivendo i commenti di Gilbert come un “raggio di luce”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.