Blinken degli Stati Uniti alla prima telefonata con la controparte saudita | Notizie di politica


L’appello arriva dopo che il presidente Biden ha annunciato che avrebbe posto fine al sostegno degli Stati Uniti alla guerra dell’Arabia Saudita in Yemen.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha discusso delle “sfide comuni” affrontate da Washington e Riyadh nella sua prima telefonata con il ministro degli esteri saudita Faisal bin Farhan, hanno detto sabato i media statali.

Bin Farhan si è congratulato con Blinken per la sua nomina e ha detto che Riyadh non vede l’ora di lavorare con Washington, ha detto l’agenzia ufficiale di stampa saudita (SPA).

Il regno era ansioso di cooperare con l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Joe Biden per sostenere “sicurezza e stabilità” nella regione, ha detto.

Blinken e bin Farhan hanno anche discusso delle “relazioni storiche e strategiche” tra i due paesi, ha aggiunto l’agenzia.

La prima chiamata di Blinken a uno stato del Golfo da quando ha assunto il suo nuovo ruolo è stata quella del ministro degli affari esteri degli Emirati Arabi Uniti giovedì.

La telefonata di Blinken-Bin Farhan arriva dopo che Biden ha annunciato giovedì che avrebbe posto fine al sostegno degli Stati Uniti alla guerra dell’Arabia Saudita nello Yemen, dove è stata coinvolta dal 2015 per sostenere il governo contro i ribelli Houthi allineati con l’Iran.

Biden ha anche affermato che la sua amministrazione porrà fine a tutti gli aiuti, comprese le vendite di armi connesse per l’alleato dell’Arabia Saudita nella guerra che ha provocato il peggior disastro umanitario del mondo in Yemen.

Ha anche nominato il diplomatico veterano Timothy Lenderking, che ha un’ampia conoscenza della regione, come inviato speciale degli Stati Uniti per lo Yemen.

Contrastare le minacce

L’Arabia Saudita ha reagito alle decisioni di Biden accogliendo il suo “impegno a cooperare con il regno per difendere la sua sovranità e contrastare le minacce contro di esso”, ha detto SPA.

Il portavoce del Dipartimento di Stato Ned Price ha osservato che Biden ha chiarito che gli Stati Uniti continuano a sostenere l’Arabia Saudita al di fuori della guerra nello Yemen.

Ha descritto la posizione dell’amministrazione come un “ritorno alle procedure standard” nella revisione di ogni accordo sulle armi.

Nel porre fine al sostegno alla guerra saudita in Yemen, Biden ha mantenuto una promessa elettorale agli attivisti che sono rimasti inorriditi dalle sofferenze.

La straziante guerra di sei anni nello Yemen ha ucciso decine di migliaia e milioni di sfollati.

Il governo dello Yemen, riconosciuto a livello internazionale, sostenuto dall’Arabia Saudita, e gli Houthi hanno accolto con favore la posizione di Biden e la rinnovata spinta a porre fine al conflitto.

Venerdì gli Stati Uniti hanno anche affermato che intendono revocare una designazione “terrorista” per il movimento Houthi dello Yemen in risposta alla crisi umanitaria del paese.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.