Il CEO di Parler è stato licenziato

Dopo che la sua piattaforma di social media è stata in gran parte cancellata dal web, il CEO e co-fondatore di Parler John Matze afferma di essere stato licenziato dal consiglio di amministrazione della sua azienda, secondo un memo ottenuto da Fox News e Il giornale di Wall Street e un messaggio di testo di conferma ha inviato a Reuters. La sua pagina LinkedIn mostra una data di fine dell’occupazione di gennaio 2021.

Parler, ovviamente, è il social network che si è trovato completamente deplatformato dopo il suo ruolo nelle rivolte del 6 gennaio al Campidoglio degli Stati Uniti. Sia Apple che Google hanno rimosso l’app dai loro app store dopo essere stati insoddisfatti dei tentativi dell’azienda di moderare la diffusione degli appelli alla violenza. Amazon ha deciso di interrompere completamente l’hosting del sito Web AWS dell’azienda. E sebbene Parler abbia tentato di citare in giudizio Amazon, un giudice ha negato la richiesta di ripristino del suo sito web.

Il 10 gennaio, Matze ha detto a Fox News che tutti i venditori dell’azienda – e anche i suoi avvocati – lo avevano abbandonato.

Oggi, Matze afferma di essere stato licenziato da un consiglio guidato da Rebekah Mercer (della famiglia Mercer, che sono importanti donatori conservatori), e ha suggerito di essere stato licenziato a causa della sua “forte fede nella libertà di parola” e della sua visione del prodotto, tra cui “cosa Credo sia un approccio più efficace alla moderazione dei contenuti “.

Potrebbe anche avere qualcosa a che fare con la compagnia che finisce sotto la sua sorveglianza. Oltre alle difficoltà di rimanere semplicemente aggiornato su Internet, è emerso che Parler potrebbe aver avuto alcuni problemi di privacy. I ricercatori sono stati in grado di raccogliere un’enorme quantità di contenuti degli utenti, comprese le loro posizioni geografiche e i video, che sono stati successivamente convertiti in mappe interattive dell’attacco al Campidoglio che ha dimostrato che molti utenti di Parler erano coinvolti.

Il comitato di supervisione della Camera ha persino chiesto un’indagine dell’FBI sul coinvolgimento di Parler nell’attacco al Campidoglio.

Parler ha attualmente di nuovo un sito web grazie ai servizi di hosting di Epik, una società che supporta anche siti web controversi come Gab e 8chan, e il 17 gennaio Parler ha suggerito che sperava di “dare il benvenuto a tutti voi presto”. Ma è stato più di due settimane fa e il sito Web è principalmente una cronologia di rimostranze su come la società è stata trattata ingiustamente. Matze non ha più postato lì da lunedì 26 gennaio. Il suo ultimo post era un meme di Bernie Sanders con il testo “Vorrei che John si sbrigasse già”.

A quanto pare, Rebekah Mercer era d’accordo con quel sentimento.

Parler non ha risposto immediatamente a una richiesta di commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.