Nella pandemia, gli europei sono più attratti dall’estrema destra? | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Quando Ignacio Garriga, il principale candidato per il partito di estrema destra Vox alle imminenti elezioni regionali in Catalogna, ha lanciato la sua campagna giovedì scorso, si è scagliato contro Salvador Illa, il suo rivale del Partito socialista che ha recentemente rassegnato le dimissioni da ministro della salute.

“Inetto e irresponsabile, Salvador Illa è dietro la gestione negligente e criminale della pandemia”, ha detto Garriga.

“Quella gestione può essere riassunta in due parole: morte e rovina. E lo ripeterò perché so che molti di voi che guardano da casa lo dicono da mesi: morte e rovina “.

I toni apocalittici di Garriga, insieme al suo promemoria di quanto tempo è durata la crisi del COVID-19, potrebbero aver aumentato le possibilità di Vox di ottenere il sostegno di alcuni elettori catalani che sono esausti per l’impatto spietato della pandemia e alla ricerca di qualcuno da incolpare – o per farne una descrizione abbreviata, stanchezza pandemica.

E con i partiti di estrema destra attualmente in ascesa in un numero significativo di paesi europei, il modo in cui questa stanchezza generale può spingere gli elettori verso artisti del calibro di Vox potrebbe plasmare il panorama politico nel continente per gli anni a venire.

I partiti di estrema destra guadagnano in tutta Europa

Nelle recenti elezioni presidenziali portoghesi, quando solo il 30% del pubblico in generale stava collaborando con le restrizioni COVID-19, la quota di voto del partito Chega dell’11,9% ha completamente eclissato l’1,3% che aveva raccolto nelle precedenti elezioni generali, nel 2019.

Dall’altra parte dell’Europa, lo scorso dicembre, l’Alleanza per l’unità dei rumeni (AUR) è emersa dalla completa oscurità politica per prendere il 9% dei voti alle elezioni generali e diventare il quarto partito più grande nel parlamento rumeno.

Ancora una volta, la stanchezza pandemica era tra i fattori attribuiti al suo significativo aumento.

Poi c’è l’ascesa spietata dell’estrema destra nei sondaggi in alcuni grandi paesi europei.

In Francia, una delle proiezioni più recenti sul possibile esito del prossimo voto presidenziale del paese nel 2022 ha visto il leader di estrema destra Marine Le Pen fare un’impennata record di popolarità per raggiungere la quasi parità con l’incombente Emmanuel Macron.

Marine Le Pen, leader del Rally nazionale francese, partecipa a una conferenza stampa con il candidato presidenziale di estrema destra del Portogallo Andre Ventura a Lisbona, Portogallo, 8 gennaio 2021 [File: Pedro Nunes/Reuters]

Oltre confine in Italia, il partito Fratelli d’Italia ha raddoppiato il suo sostegno rispetto a un anno fa, dal 6 al 15 per cento.

Nel frattempo, nel vicino nord del Belgio, l’ultranazionalista Vlaams Belang si trova attualmente su un massimo storico del 26,3 percento, sei punti in più rispetto al rivale più vicino.

E a sud dei Pirenei, si prevede che Vox occuperà fino a 10 seggi nel parlamento della Catalogna nelle elezioni della regione del 14 febbraio.

Ciò segna una svolta senza precedenti per Vox in Catalogna, una regione in cui le scosse si fanno ancora sentire a causa del terremoto politico della sua candidatura per l’indipendenza del 2017, ma dove anche la pandemia è destinata ad avere un impatto.

“In questi giorni, quasi tutti i partiti politici che non sono al potere diranno che il governo sta gestendo male le cose come una cosa ovvia. Ma nel caso della pandemia, il governo ha davvero sbagliato tutto ”, ha detto ad Al Jazeera Juan Luis Gutiérrez Quirós, ex elettore del partito di destra Partido Popular che è passato a sostenere Vox nelle ultime elezioni spagnole.

“Si sono rifiutati di riconoscere ciò che era davanti a loro, chiamando l’onda [of infections] un po ‘di increspatura quando in realtà c’era la marea. “

D’altra parte, ha detto, “dove Vox ha fatto parte di un governo regionale, come in Andalusia da dove provengo, le autorità locali l’hanno gestito relativamente bene” – e non aveva dubbi che Vox ne trarrà vantaggio politicamente.

‘Un terreno fertile per messaggi tossici’

In Portogallo e Romania, i guadagni dell’estrema destra sono stati almeno in parte attribuiti alla stanchezza pandemica.

Tuttavia, secondo Jean-Yves Camus, un politologo francese che dirige l’Osservatorio del radicalismo politico presso la Fondation Jean-Jaurès, etichettare i guadagni dell’estrema destra su tutta la linea europea come puramente dovuti a COVID-19 sarebbe una seria semplificazione eccessiva. .

“Penso che Chega abbia votato bene perché i portoghesi si sono detti che poiché il presidente del paese non è una figura potente, potrebbero votare in modi che dimostrano che non gli piace il blocco”, ha detto.

Per quanto riguarda la Francia, l’ascesa di Le Pen nei sondaggi “potrebbe essere dovuta al blocco e a ciò che molti qui considerano la cattiva gestione della crisi”, ha detto Camus, aggiungendo che “non è l’unico motivo”.

Camus ha anche citato la migrazione, l’economia e la criminalità come altri temi caldi nella corsa presidenziale, così come “la questione stessa francese” della laicità.

Ha anche notato che i movimenti di estrema destra non se la cavano a modo loro in Europa.

“Hanno appena perso il potere in Estonia, questa è una battuta d’arresto, per un partito alleato di Vox e Le Pen”, ha detto Camus.

Anche così, è stato affermato che è improbabile che l’estrema destra sprechi un’opportunità per segnare punti e utilizzare la pandemia per ripetere un messaggio ideologico sottostante.

“Il dialogo dell’estrema destra è sempre lo stesso, cambia semplicemente il quadro”, ha detto ad Al Jazeera Juliana Santos Wahlgren, un alto funzionario per la difesa della Rete europea contro il razzismo (ENAR).

“Altre volte è stato il quadro economico o il quadro della migrazione”, ha detto. “Adesso hai una componente sanitaria che si interseca con le ideologie dell’estrema destra.

“Inoltre, la mancanza di politiche chiare e molta disinformazione sulla pandemia è diventata un terreno fertile per messaggi tossici. E questo è tutto il cibo di cui l’estrema destra ha bisogno per normalizzare un dibattito “.

Ma i guadagni o le perdite di potere immediati non possono essere l’unico parametro per misurare il successo correlato alla pandemia per l’estrema destra.

Camus ha affermato che a lungo termine i partiti di estrema destra in tutta Europa trarranno probabilmente vantaggio dai suoi effetti, in particolare per quanto riguarda la normalizzazione di alcuni argomenti politici precedentemente controversi.

“Il controllo delle frontiere è stato persino menzionato da Macron nei suoi discorsi, quindi non è più solo un argomento che appartiene all’agenda di estrema destra”, ha detto.

“Ogni partito politico sta parlando di qualcosa che, come parte dell’UE, eravamo soliti dire che era impossibile”.

L’estrema destra tenta di apparire mainstream

A causa della pandemia – e prima ancora, anche se su scala molto più piccola, si potrebbe dire Brexit – anche altre questioni emblematiche di estrema destra come interessi nazionali separati e controlli anti-migrazione rafforzati si sono avvicinate notevolmente alla politica europea principale.

Laddove l’estrema destra ha una maggiore possibilità di acquisire un potere significativo, come in Francia, il movimento aumenta i timori per la perdita della privacy personale a causa della proposta di “tessera sanitaria” COVID-19.

In questo modo, Camus ha detto: “Le Pen vuole che la gente dimentichi che questo partito appartiene a tutti gli estremi, perché normalmente quando difendi le libertà civili in questo modo, sei più una politica mainstream, non così autoritaria”.

La pandemia COVID-19 ha martellato l’Europa, colpendo duramente Francia, Italia, Spagna e Germania, tra gli altri paesi [Stephane Mahe/Reuters]

Dall’altra parte del confine, in Belgio, è una storia simile con Vlaams Belang.

Isolde Van den Eynde, giornalista politica del quotidiano fiammingo Het Laatste Nieuws, ha dichiarato ad Al Jazeera: “Normalmente Vlaams Belang sarebbe molto più critico in una crisi come questa, ma sono molto tranquilli.

“Penso che sia perché, poiché sono determinati a prendere il potere nel 2024, e sono convinti che lo faranno, non vogliono sembrare un partito di protesta.

“E poiché gli altri partiti belgi non sono pronti a governare con loro, Vlaams Belang vuole dimostrare al loro elettorato che se governano da soli, possono comportarsi in modo responsabile”.

Quindi, anche se potrebbe esserci un caso in cui la stanchezza pandemica ha stimolato l’estrema destra europea a breve termine, è improbabile che otterranno un potere reale come risultato.

Ma in alcune aree, l’estrema destra ha trovato un percorso nella politica europea mainstream – o costringendo i partiti tradizionali di sinistra e destra ad adottare una linea più dura nel tentativo di mantenere gli elettori, o apparendo loro stessi mainstream.

E i guadagni a lungo termine che possono ottenere con questi cambiamenti, alla fine, incassano il colpo più duro.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.