La metà dei residenti di Nuova Delhi esposti a COVID, dice il sondaggio governativo | Notizie sulla pandemia di coronavirus


Più della metà dei 20 milioni di abitanti della capitale sono stati esposti al coronavirus e hanno sviluppato anticorpi, secondo uno studio sierologico.

Più della metà dei 20 milioni di abitanti di Nuova Delhi potrebbe essere stata infettata dal coronavirus, secondo un’indagine sierologica del governo i cui risultati hanno fatto eco a precedenti ricerche del settore privato.

L’India ha segnalato 10,8 milioni di infezioni da COVID-19, la maggior parte al di fuori degli Stati Uniti.

Ma il sondaggio, condotto tra il 15 gennaio e il 23 gennaio e basato su circa 28.000 campioni, suggerisce che la cifra reale tra i suoi 1,35 miliardi di abitanti è notevolmente più alta e si avvicina ai livelli di immunità della mandria, quando la maggior parte della popolazione diventa immune alla malattia.

“Nel quinto sondaggio siero condotto nella capitale nazionale di Delhi, [coronavirus] gli anticorpi sono stati rilevati nel 56,13 per cento della popolazione della città “, ha detto su Twitter il ministro della Salute dello stato di Delhi Satyendar Jain dopo che il rapporto è stato pubblicato martedì.

“L’ultimo sondaggio ha rilevato una sieroprevalenza del 25-26%. Ciò significa che Delhi si sta avvicinando all’immunità della mandria. Anche i casi stanno diminuendo a meno di 200 al giorno e bassi tassi di positività. Ma vorrei fare appello a non abbassare la guardia. Tieni le maschere “, ha detto Jain ai giornalisti.

Ufficialmente, Delhi ha registrato 635.257 casi – poco più del 3% della sua popolazione – la differenza mostra che un gran numero di persone infette sono asintomatiche, hanno detto i funzionari del governo di Delhi.

Test separati effettuati su più di 700.000 persone in tutta l’India dalla società di diagnostica Thyrocare Technologies hanno mostrato che il 55% della popolazione potrebbe essere già stato infettato, ha detto il suo capo all’agenzia di stampa Reuters la scorsa settimana.

Gli esperti sanitari sono divisi sull’immunità della mandria. Mentre alcuni dicono che è solo una questione di tempo prima che le popolazioni sviluppino l’immunità di gregge, gli scettici dicono che è necessario un programma di vaccinazione efficace per fermare il virus.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che almeno il 60-70% di una popolazione deve avere l’immunità per interrompere la catena di trasmissione, sebbene i funzionari indiani abbiano affermato che un livello inferiore può anche rallentare la diffusione del virus.

Jain ha detto che New Delhi ha ampiamente battuto COVID e che i casi e le morti giornaliere dell’India sono scesi ai minimi di otto mesi martedì, quando il paese ne ha registrati 8.635 nelle 24 ore precedenti.

Nel complesso, ha segnalato 154.486 morti per COVID, dando alla nazione dell’Asia meridionale un tasso di mortalità relativamente basso.

Uno dei fattori alla base di ciò è l’età media bassa del paese, dicono gli esperti medici. Due stati ricchi con popolazioni relativamente più anziane – il Kerala con 3.459 casi e il Maharashtra con 1.948 – ora rappresentano quasi il 70% delle nuove infezioni.

L’India ha vaccinato quasi 4 milioni di persone da metà gennaio, quando ha iniziato quella che il governo pubblicizza come la più grande campagna di immunizzazione del mondo, che mira a inoculare più di 300 milioni di persone entro luglio.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.