Aung San Suu Kyi, leader del partito al governo detenuti in Myanmar | Notizie di Aung San Suu Kyi


STORIA DI SVILUPPO

Sweep segue l’interrogatorio militare sui risultati delle elezioni con il parlamento che si riunirà questa settimana.

La leader del Myanmar Aung San Suu Kyi e altri alti esponenti del partito di governo sono stati arrestati in una serie di raid mattutini, ha detto lunedì il portavoce della Lega nazionale per la democrazia al governo, dopo giorni di crescente tensione tra il suo governo civile e l’esercito del paese. discorsi pieni di colpo di stato.

Il portavoce Myo Nyunt ha detto all’agenzia di stampa Reuters che Aung San Suu Kyi, il presidente Win Myint e altri leader erano stati “presi” nelle prime ore del mattino.

“Voglio dire alla nostra gente di non rispondere avventatamente e voglio che agiscano secondo la legge”, ha detto.

Myo Nyunt in seguito ha detto all’agenzia di stampa AFP che, data la situazione, “dobbiamo presumere che i militari stiano organizzando un colpo di stato”.

Il parlamento del Myanmar, dove ai militari viene assegnato un quarto dei seggi e ha anche un delegato, l’Union Solidarity and Development Party (USDP), doveva sedersi nella capitale del paese Naypyitaw da lunedì.

“Sembra che questo sia l’inizio di una presa di potere militare”, ha detto Ali Fowle di Al Jazeera ad Al Jazeera da Yangon, sottolineando che erano stati arrestati anche politici di stati e regioni, così come importanti attivisti politici. Le reti mobili e telefoniche stavano subendo interruzioni, mentre anche i media statali sarebbero stati sospesi.

“A causa delle attuali difficoltà di comunicazione, vorremmo informarvi rispettosamente che i programmi regolari di MRTV e Myanmar Radio non possono essere trasmessi”, ha detto Myanmar Radio and Television in un post sulla sua pagina Facebook.

La NLD ha vinto le elezioni di novembre con una valanga di voti, ma i militari hanno condotto una campagna di mesi per screditare il risultato, nonostante nessuna prova certa di illeciti.

Il capo dell’esercito del Myanmar Min Aung Hlaing ha minacciato la scorsa settimana di abolire la costituzione nei commenti che hanno alimentato le voci di un’acquisizione militare [File: Ye Aung Thu/Pool via Reuters]

La scorsa settimana, la situazione si è aggravata quando il leader militare Min Aung Hlaing ha minacciato di abolire la costituzione. Due giorni dopo, i militari hanno fatto marcia indietro dicendo che i media avevano preso i commenti di Min Aung Hlaing fuori contesto.

“Il Tatmadaw difenderà la Costituzione del 2008 e agirà solo entro i limiti delle leggi esistenti”, ha detto sabato.

In tutta Yangon, la più grande città e capitale commerciale del paese, molte persone avevano iniziato a sventolare la bandiera rossa della NLD in solidarietà con il partito di governo, mentre erano stati anche eretti striscioni per le strade che dichiaravano sostegno al governo eletto.

“È in un momento critico”, ha detto Damien Kingsbury, esperto del Myanmar presso la Deakin University in Australia. “O è la fine del coinvolgimento militare nella politica del Myanmar o è un colpo di stato. Non c’è via di mezzo su questo. Questo è il momento cruciale. “

Il Myanmar, una volta una colonia britannica, è stato guidato dai militari per decenni prima di iniziare una transizione verso la democrazia nel 2008.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *