Il giudice statunitense consente l’estradizione di uomini accusati di aver aiutato la fuga di Ghosn | Notizie economiche e di economia


La sentenza spiana la strada a un veterano delle forze speciali dell’esercito americano e suo figlio da consegnare al Giappone.

Un giudice federale a Boston giovedì ha respinto l’ultimo tentativo di due uomini di evitare di essere estradati in Giappone per affrontare le accuse di aver aiutato l’ex presidente della Nissan Motor Co Ltd Carlos Ghosn a fuggire dal paese.

La sentenza del giudice distrettuale degli Stati Uniti Indira Talwani ha aperto la strada al veterano delle forze speciali dell’esercito americano Michael Taylor e suo figlio, Peter Taylor, da consegnare al Giappone, dopo che il Dipartimento di Stato americano ha approvato la loro estradizione.

Il giudice Talwani ha detto che “sebbene le condizioni carcerarie in Giappone possano essere deplorevoli” non è stato sufficiente per impedire l’estradizione. Ha aggiunto che gli Stati Uniti hanno “sufficientemente stabilito che le azioni che i Taylor avrebbero commesso costituiscono un reato estradabile”.

Nissan e l’ambasciata giapponese a Washington non hanno commentato immediatamente.

I Taylor sono stati arrestati a maggio su richiesta del Giappone. Talwani ha sospeso la loro estradizione il 29 ottobre in modo da poter ascoltare la loro contestazione alla decisione del Dipartimento di Stato.

I pubblici ministeri hanno affermato che i Taylor hanno aiutato Ghosn a fuggire dal Giappone il 29 dicembre 2019, nascosto in una scatola e su un jet privato prima di raggiungere la sua casa d’infanzia, il Libano, che non ha un trattato di estradizione con il Giappone.

Ghosn era in attesa di processo con l’accusa di aver commesso illeciti finanziari, anche sottovalutando il suo risarcimento nel bilancio di Nissan. Ghosn ha negato ogni accusa.

Michael Taylor, implicato nel consentire la drammatica fuga di Carlos Ghosn, è visto in una foto di prenotazione del 24 ottobre 2012 con accuse non correlate e rilasciato dall’ufficio dello sceriffo della contea di Davis [Davis County Sherriff’s office/Handout via Reuters]

I pubblici ministeri hanno detto che l’anziano Taylor, uno specialista della sicurezza privata, e suo figlio hanno ricevuto 1,3 milioni di dollari per i loro servizi.

Gli avvocati dei Taylor hanno sostenuto che non potevano essere perseguiti in Giappone per aver aiutato qualcuno a “saltare la cauzione” e che, se estradati, avrebbero affrontato la prospettiva di interrogatori e torture incessanti.

Ghosn in un deposito in tribunale ha cercato di sostenere la loro richiesta, sostenendo di aver subito detenzioni prolungate, torture mentali e intimidazioni in Giappone e che i Taylor avrebbero dovuto affrontare “condizioni simili o peggiori”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *