Amazon cerca di ritardare il voto del sindacato dei magazzini in Alabama

Amazon sta cercando di ritardare un voto sindacale a Bessemer, Alabama, facendo appello contro la decisione del consiglio del lavoro statunitense di consentire a 6.000 lavoratori del magazzino di votare per posta sulla sindacalizzazione. La società sta sostenendo che le elezioni si terranno di persona, secondo documenti depositati presso il National Labor Relations Board (NLRB) Giovedì.

L’argomento di Amazon è che il voto per corrispondenza riduce l’affluenza alle urne. Dice che l’NLRB ha esaminato i dati di infezione COVID-19 sbagliati nel determinare come tenere il voto, utilizzando il tasso di positività nella contea di Jefferson, dove si trova il magazzino, piuttosto che il tasso di positività nel magazzino stesso.

I lavoratori di Bessemer voteranno se aderire al sindacato al dettaglio, all’ingrosso e dei grandi magazzini a partire dall’8 febbraio. Le schede devono essere inviate entro il 29 marzo e il conteggio dei voti dovrebbe avvenire il 30 marzo. Sarà la prima elezione sindacale del gigante tecnologico negli Stati Uniti dal 2014, secondo Reuters.

A dicembre, il National Labour Relations Board ha respinto un precedente tentativo del gigante della tecnologia di ritardare un’udienza sullo sforzo sindacale.

In una dichiarazione del 21 gennaio, Amazon ha affermato che se il direttore regionale in carica avesse esaminato i dati COVID-19 più recenti, avrebbe visto che il tasso di infezione della contea stava diminuendo. “Se un’elezione manuale è impropria qui, è difficile immaginare circostanze in cui un direttore regionale consentirebbe elezioni manuali fino a quando COVID-19 non sarà sradicato”, ha scritto la società.

L’NLRB aveva precedentemente segnalato che il tasso di infezione della contea di Jefferson era superiore al 17% all’inizio di gennaio e aveva notato che i nuovi casi stavano aumentando. Ora, Amazon sostiene che non solo questi dati erano sbagliati, ma l’NLRB dovrebbe invece utilizzare i dati dal suo magazzino. Il tasso di positività lì, secondo Amazon, è molto più basso. “Francamente, sfida la convinzione che, quando tre esperti medici essenzialmente concordano che le condizioni a [the warehouse] sono più sicuri che in un’altra area geografica, un ragionevole cercatore di fatti ignorerebbe il consenso a concentrarsi su quell’altra area geografica nel prendere una decisione relativa alla sicurezza “, ha scritto.

L’NLRB potrebbe diventare ancora meno favorevole ad Amazon con l’elezione di Joe Biden, che ha già fatto mosse aggressive per spostare la posizione del consiglio verso i sindacati. Di mercoledì, Il presidente Biden ha licenziato Peter Robb, consigliere generale dell’NLRB e oppositore di lunga data dei gruppi di lavoro.

Amazon non ha risposto immediatamente alla richiesta di commento di The Verge.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *