Nella RCA stanca della guerra, la crisi umanitaria si aggrava in mezzo a nuove violenze | Notizie sulle crisi umanitarie


A est, migliaia hanno attraversato il confine per sfuggire a nuovi attacchi; a ovest, altre migliaia si nascondono nelle chiese o nella boscaglia. Una grave crisi umanitaria si sta aggravando nella Repubblica Centrafricana (CAR) dopo che una serie di gruppi armati ha lanciato un’offensiva militare e scatenato nuovi disordini nel paese stanco della guerra.

Questa alleanza ribelle ha provocato il caos durante la corsa alle elezioni del mese scorso, impedendo a centinaia di migliaia di persone di votare e provocando il fallimento di un fragile accordo di pace. La scorsa settimana i combattenti hanno effettuato uno sfacciato assalto alla capitale Bangui prima di essere respinti dalle forze di sicurezza.

I gruppi umanitari avvertono che l’aumento della violenza impedisce loro di raggiungere i più vulnerabili in un paese in cui i gruppi armati controllano vaste aree di territorio. In totale, più di 100.000 persone sono state sfollate – in aggiunta agli 1,2 milioni già sradicati dal conflitto precedente – poiché la CAR è costretta, ancora una volta, a confrontarsi con la crescente insicurezza.

“I bisogni sono in aumento e i fondi si stanno riducendo”, ha detto ad Al Jazeera Hamdi Bukhari, rappresentante del Paese per l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR).

“Ci aspettiamo che si verifichino altri disordini. Un’escalation avrebbe un grave impatto sulla popolazione che si trova già in una situazione umanitaria critica “.

Alcuni dei gruppi armati più potenti del paese, compresi quelli che si suppone fossero nemici giurati, hanno formato la cosiddetta Coalition of Patriots for Change.

Tra loro ci sono elementi dell’ex alleanza Seleka di ribelli prevalentemente musulmani che, nel 2013, ha rovesciato l’allora presidente Francois Bozize. In seguito a quel colpo di stato, le milizie anti-balaka delle comunità cristiane e animiste hanno reagito mentre il paese cadeva in una violenta spirale di attacchi di vendetta.

I ribelli Seleka si frammentarono in fazioni rivali, in competizione sul territorio in cui estorcere la gente del posto e trafficare oro e diamanti.

Nonostante un accordo di pace firmato nel 2019, le ex milizie Seleka e Anti-balaka hanno ora collaborato e lanciato una nuova insurrezione. I matrimoni di convenienza tra fazioni rivali non sono rari nel cinico gioco di potere della politica della Repubblica centrafricana, mentre le rivolte sono una tattica preferita per i gruppi ribelli che operano in province lontane e con scarse risorse per ottenere ricompense dal governo centrale di Bangui in cambio di deporre le armi .

I recenti attacchi dei ribelli alle città in tutta la CAR hanno gravemente interrotto le elezioni del 27 dicembre in cui il presidente Faustin-Archange Touadera ha chiesto un secondo mandato.

Con i seggi elettorali vandalizzati e gli elettori soggetti a intimidazioni, i ribelli sono riusciti a impedire che il voto si svolgesse in oltre il 40% dei distretti elettorali.

Lunedì, la Corte costituzionale della CAR ha confermato la rielezione di Touadera, concedendo altri cinque anni al potere all’ex docente di matematica, sebbene l’opposizione politica continui a contestare il risultato dato l’interruzione dell’affluenza alle urne, che si attesta a più di un terzo.

Due forze di pace delle Nazioni Unite sono state uccise in un attacco dei ribelli all’inizio di questa settimana [File: Jack Losh/Al Jazeera]

È probabile che la forza filo-governativa combinata di forze di pace delle Nazioni Unite, soldati federali, rinforzi ruandesi e paramilitari russi impedisca il ripetersi della guerra in piena regola del 2013, provocando la morte di migliaia di persone.

Ma gli attacchi potrebbero continuare, se non intensificarsi, poiché la spinta allo scontro armato mette in ombra le richieste di dialogo e mediazione.

“Quello che sembra più probabile per i prossimi due mesi è un’escalation di violenza”, ha detto Hans De Marie Heungoup, un analista senior per il think tank International Crisis Group.

“Il governo sembra riluttante ad aprire canali di discussione con la coalizione ribelle ed è più propenso a lanciare operazioni militari contro la coalizione ribelle nei prossimi giorni e settimane per ridurla alla sua capacità minima”.

Il governo della CAR e le Nazioni Unite accusano l’ex presidente, Bozize, di aver alimentato la ribellione per riprendere il potere, cosa che lui nega.

Il 74enne ex generale, che ha preso il potere in un colpo di stato del 2003, è tornato dall’esilio alla fine del 2019 per correre contro Touadera come candidato presidenziale rivale, sebbene la corte suprema del paese lo abbia escluso il mese scorso a causa di un mandato internazionale e delle sanzioni delle Nazioni Unite contro di lui per presunti crimini di guerra.

La rivolta ha raggiunto una nuova e preoccupante escalation la scorsa settimana, quando diverse centinaia di ribelli hanno preso d’assalto la periferia di Bangui su due fronti.

Tra colpi di arma da fuoco ed esplosioni, le forze di sicurezza hanno lanciato un contrattacco mentre i civili sono stati visti fuggire dalle strade disseminate di proiettili.

Sette forze di pace delle Nazioni Unite sono state uccise dall’inizio della rivolta il mese scorso.

“Vogliamo la pace, nient’altro che la pace”, ha detto ai media locali una proprietaria di un caffè a Bangui. “Abbiamo sofferto abbastanza nei campi profughi. Vogliamo la pace. “

Il secondo mandato di Touadera si apre sullo sfondo di una netta divisione a seguito di elezioni che sono servite solo a polarizzare la società piuttosto che a riconciliarla.

Gli osservatori ritengono che l’offensiva non riguardasse meno la presa del controllo della capitale – chiaramente impossibile con poche centinaia di giovani combattenti – e più l’incremento della leva della coalizione ribelle nei negoziati futuri ostentando la sua capacità di colpire una città precedentemente ritenuta fuori dalla portata di combattenti provinciali.

Al di là dei corridoi del potere a Bangui, la violenza sta infiammando una delle peggiori crisi umanitarie del mondo. “La ribellione è stata una situazione quasi insopportabile per le persone qui”, ha detto Denise Brown, coordinatore umanitario delle Nazioni Unite in CAR.

Quasi 60.000 persone sono fuggite nei paesi vicini da dicembre, la maggior parte delle quali ha attraversato il fiume Mbomou nella Repubblica Democratica del Congo. La scorsa settimana, 10.000 rifugiati sono arrivati ​​lì in un solo giorno dopo che i ribelli hanno sequestrato la città di Bangassou, lasciando molti bisognosi di cibo, riparo e servizi igienici adeguati.

Altre centinaia hanno cercato rifugio all’interno di un ospedale gestito dall’ente di beneficenza medico, Medici Senza Frontiere (Medici Senza Frontiere, o MSF), la maggior parte dei quali donne e bambini. La forza delle Nazioni Unite dice che da allora ha ripreso il controllo di Bangassou; Lunedì due forze di pace sono state uccise in un successivo attacco.

Lo scoppio iniziale delle ostilità ha spinto circa 185.000 persone in tutto il paese a fuggire dalle proprie case. Gran parte di questo esodo è stato caratterizzato come “spostamento preventivo” in cui i civili, temendo il ripetersi delle violazioni del passato, fuggono prima che i combattenti possano raggiungere le loro case. Mentre molti di loro da allora sono tornati, quasi un terzo di loro – circa 58.000 persone – rimangono sfollati interni.

Gli esperti temono un’escalation di violenza nei prossimi mesi [File: Jack Losh/Al Jazeera]

Di fronte a questi disordini, Bukhari dell’UNHCR ha affermato che l’agenzia deve affrontare un grave deficit ed è in grado di continuare le operazioni solo per due mesi.

“I fondi non dureranno a lungo”, ha avvertito. “La situazione è ancora in corso e non dovremmo interrompere la nostra risposta a questa emergenza. La popolazione centrafricana ha sofferto negli ultimi decenni di disordini e ripetute violenze. Sono stanchi e traumatizzati. Hanno bisogno di pace. “

Il Norwegian Refugee Council (NRC) avverte che le crescenti ostilità hanno bloccato operazioni umanitarie vitali in diverse aree. L’attività dei ribelli sulla principale rotta di approvvigionamento dal Camerun ha creato carenze alimentari, facendo triplicare alcuni prezzi.

Da metà dicembre sono stati registrati dozzine di incidenti contro personale umanitario, inclusi raid nei complessi e l’omicidio di un operatore umanitario. In un paese già classificato come uno dei più pericolosi al mondo per gli umanitari, questi ripetuti attacchi hanno costretto alcuni gruppi umanitari a chiudere gli uffici sul campo e ad evacuare il personale nella capitale.

“Ostacolare il nostro accesso nel paese è come tagliare l’ancora di salvezza a più della metà della popolazione che fa affidamento sul sostegno umanitario per sopravvivere”, ha detto David Manan, direttore nazionale di NRC.

Il coordinatore umanitario delle Nazioni Unite spera di riottenere presto l’accesso. “Tutti i nostri sforzi in questo momento stanno assicurando che, dove abbiamo temporaneamente dovuto interrompere le attività a causa dei gruppi armati, torneremo in quelle aree – è quello che mi aspetto nelle prossime due settimane”, ha detto Brown.

I medici di MSF hanno dovuto affrontare un afflusso di feriti, fornendo cure di emergenza a quasi 200 di loro nelle prime settimane della rivolta. Nonostante questo cupo bilancio, la violenza non ha ancora eguagliato le atrocità diffuse della discesa in guerra del 2013.

Quella tregua potrebbe non durare. La crisi è complicata dal coinvolgimento di così tanti gruppi militari diversi – dal pasticcio dei ribelli ai mercenari russi, truppe statali mal disciplinate e una nuova milizia oscura nota come Les Requins, o The Sharks, che presumibilmente operava per conto del presidenza.

“Una possibilità è che la ribellione inizi a frammentarsi, con un comando e un controllo sempre più deboli”, ha detto Heungoup ad Al Jazeera.

“Se ciò accadrà, è probabile che membri incontrollabili della ribellione attaccheranno sempre più i civili. Più la crisi peggiora, questa potrebbe diventare una vera emergenza umanitaria “.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.