Laschet succede alla Merkel come leader del partito tedesco CDU | Notizie Angela Merkel


Armin Laschet vince 521 dei 991 voti espressi durante la prima convention digitale del partito conservatore.

Il centrista Armin Laschet è stato eletto sabato presidente della Democrazia cristiana tedesca (CDU), succedendo ad Angela Merkel e mettendolo in corsa come candidato cancelliere del partito conservatore alle elezioni federali di settembre.

Laschet, il premier dello stato occidentale del Nord Reno-Westfalia – il più popoloso della Germania – ha vinto un ballottaggio contro Friedrich Merz, ottenendo 521 voti contro 466 per il suo rivale arciconservatore, secondo un voto di 1.001 delegati del partito.

Alla guida della CDU sostituisce il politico predominante in Europa e un vincitore coerente con gli elettori tedeschi da quando è entrato in carica nel 2005, che ha detto che non si candiderà più per la cancelliera.

“Voglio fare di tutto in modo che possiamo restare uniti per tutto l’anno … e poi assicurarmi che il prossimo cancelliere alle elezioni federali sarà dal [CDU/CSU] “, ha detto Laschet nel suo discorso di vittoria, dopo la prima convention digitale del suo partito.

Laschet, 59 anni, si presenta come il candidato per la continuità della Merkel e ha detto che l’anno scorso aveva “gli strumenti” per candidarsi alla carica di cancelliere, il più vicino possibile a qualcuno.

Tradizionalmente, il leader della CDU guida la campagna elettorale come candidato cancelliere del partito dei pesi massimi e dei suoi alleati con sede in Baviera, l’Unione sociale cristiana (CSU).

Tuttavia, i sondaggi mostrano che Markus Soeder, il leader della CSU, è il conservatore più favorito dagli elettori. Alcuni legislatori della CDU vogliono che il dinamico ministro della Salute Jens Spahn si candidi alla carica di cancelliere, sebbene abbia sostenuto Laschet per la leadership del partito.

Il voto arriva all’inizio di un anno cruciale per la politica tedesca, con le elezioni nazionali fissate per settembre. La Merkel prevede di ritirarsi alla fine del suo attuale quarto mandato.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *