Non puoi misurare il cuore? Le squadre della NFL ci stanno provando


L’attitudine per una velocità di gioco superiore può sembrare ovvia a occhio nudo, ma in realtà cercare di capire quali scelte del draft universitario o potenziali agenti liberi la possiedono in un modo che si presenterà regolarmente sul campo può essere complicato. Tuttavia, è l’obiettivo principale di ogni squadra della NFL.

“Se ne parla sempre perché è una valutazione complessa”, ha detto Scott Pioli, l’ex direttore generale dei Kansas City Chiefs, che era anche un alto dirigente degli Atlanta Falcons, New England Patriots and Jets. “Tutti possiamo vedere quale sia la velocità pura di un giocatore quando corre in linea retta in pantaloncini alla mietitrebbia del campionato. Ma il calcio non è un gioco in linea retta, è un sacco di fermate e partenze, è un cambio di direzione, sono istinti e angoli “.

Pioli ha detto che agli scout dei Patriots è stato chiesto continuamente non solo di riportare la velocità cronometrata di un giocatore, ma anche la sua “velocità di gioco”.

“Il rapporto dello scout potrebbe avere un giocatore con un punteggio di 4,5 su 40, ma lo scout aggiunge che ha giocato più velocemente di così”, ha detto Pioli, che ora è analista per CBS Sports HQ. “O più lento quando ha gli assorbenti perché il calcio non si gioca in pantaloncini.”

Ci sono valori anomali e possono perdersi o ritrovarsi in ore di studio cinematografico condotto da direttori professionisti del personale. Uscendo dal college, l’ex linebacker dei Baltimore Ravens Ray Lewis era considerato veloce ma non era necessariamente previsto che diventasse la presenza rivoluzionaria che si è rivelato essere. Tre linebacker e altri otto difensori sono stati portati davanti a lui nel draft del 1996. Wes Welker, un ricevitore largo 5 piedi e 9 che ha giocato per cinque squadre della NFL e si è classificato al 22 ° posto nei ricevimenti in carriera con 903, non è stato nemmeno invitato alla mietitrebbia NFL ed è stato annullato nel 2004.

“Lewis ha giocato molto più velocemente a causa della sua intelligenza, che lo ha aiutato a leggere le tendenze degli avversari”, ha detto Pioli. “Ricevitori sottodimensionati come Welker, suonano anche più velocemente a causa della loro velocità. Devi cercare tutti questi attributi. “

I team utilizzano sempre più l’aiuto tecnico per riconoscere e verificare queste qualità uniche. Ma non sempre funziona come previsto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *