Le persone sono arrabbiate per le politiche sulla privacy di WhatsApp di Facebook


Indranil Mukherjee / Getty Images

Nell’ultima settimana, quasi 2 miliardi di persone in tutto il mondo che utilizzano WhatsApp, il servizio di messaggistica istantanea di proprietà di Facebook, sono state accolte con un gigantesco pop-up quando hanno lanciato l’app.

“WhatsApp sta aggiornando i suoi termini e la politica sulla privacy”, ha detto.

Facendo clic si è arrivati ​​a 4.000 parole politica sulla riservatezza, in cui si afferma che WhatsApp si riserva ora il diritto di condividere dati come numeri di telefono, indirizzi IP e pagamenti effettuati tramite l’app con Facebook e altre piattaforme di proprietà di Facebook come Instagram. Dice anche che se le persone usano WhatsApp per parlare con le aziende che utilizzano la tecnologia di hosting di Facebook per gestire quelle chat, quei messaggi potrebbero essere utilizzati dall’azienda per indirizzare le persone con annunci su Facebook.

A meno che le persone non accettino questi nuovi termini, verranno bloccati fuori WhatsApp l’8 febbraio.

In linea, il contraccolpo è stato rapido. “Usa segnale” twittato Il CEO di Tesla Elon Musk ai suoi 42 milioni di follower, riferendosi all’alternativa WhatsApp open source popolare tra le persone che si occupano di informazioni sensibili come giornalisti e attivisti. “Io uso [Signal] ogni giorno e non sono ancora morto “, twittato Il whistleblower americano Edward Snowden. In Turchia, l’ufficio stampa del presidente Recep Tayyip Erdogan e il ministero della Difesa del paese hanno annunciato di sì lasciando WhatsApp dopo le modifiche alla politica e ha aperto un sondaggio nel movimento.

Signal è diventata la migliore app gratuita negli app store di Google e Apple nella maggior parte dei paesi del mondo. Più di 8.800.000 persone hanno scaricato Signal su iPhone e telefoni Android nella settimana del 4 gennaio, rispetto alle sole 246.000 persone la settimana prima, secondo la società di analisi dei dati Sensor Tower. Telegram, un’altra alternativa a WhatsApp, disse martedì che più di 25 milioni di persone si erano unite nelle ultime 72 ore.

📈 Più di 5 milioni di persone hanno scaricato #Signal questo fine settimana, dopo che @elonmusk e @Snowden ne hanno twittato 😱 👁‍🗨 #privacy #whatsapp Il nostro report 👉 https://t.co/qgRqvJ6940

Twitter

“Ero preoccupato per la mia privacy”, ha detto a BuzzFeed News J. Paul, un professionista del marketing di Mumbai che voleva essere identificato solo dall’iniziale del suo nome. “Facebook monetizza i suoi prodotti in modi invasivi per gli utenti.”

Oltre a Facebook stesso, WhatsApp è il servizio più grande e popolare di Facebook. In mercati come il Brasile e l’India, l’app è il mezzo di comunicazione predefinito per centinaia di milioni di persone. Ma finora Facebook, che ha pagato 22 miliardi di dollari per acquistarlo nel 2014, lo ha mantenuto in gran parte indipendente e non ha cercato di trarne profitto. Ora, sta cambiando.

“Rimaniamo impegnati per la privacy e la sicurezza dei messaggi privati ​​delle persone”, ha detto a BuzzFeed News un portavoce di WhatsApp e ha offerto un collegamento a una pagina che l’azienda ha pubblicato all’inizio di questa settimana spiegando la nuova politica. “Il modo migliore per sostenere la crittografia end-to-end a lungo termine è disporre di un modello di business che protegga la comunicazione privata delle persone”.

La pagina dice che WhatsApp pensa che la messaggistica con le aziende sia diversa dalla messaggistica con amici e familiari e analizza i dati che l’azienda potrebbe condividere con Facebook in futuro.

La nuova politica sulla privacy consentirà a Facebook, che ha realizzato più di 21 miliardi di dollari di entrate nell’ultimo trimestre del 2020 indirizzando gli annunci alle persone, di utilizzare WhatsApp per guadagnare ancora di più. Ma farlo significa cercare di convincere l’ampia base di utenti dell’app a scambiare più dati e potrebbe invece rischiare di inviarne molti ai concorrenti.


“Se hai speso 22 miliardi di dollari per acquisire qualcosa, prima o poi gli azionisti vogliono che tu monetizzi quella risorsa”, ha detto a BuzzFeed News Mishi Choudhary, avvocato specializzato in tecnologia e attivista per le libertà civili online con sede a New York.

WhatsApp, avviato da due ex dipendenti di Yahoo, Jan Koum e Brian Acton, inizialmente addebitava alle persone un dollaro all’anno. Dopo che Facebook ha reso l’app gratuita, la crescita è esplosa. Per i primi anni dopo aver acquistato l’app nel 2014, Facebook ha in gran parte lasciato WhatsApp da solo. Ma nel 2018 ha lanciato WhatsApp Business, che consente alle aziende di utilizzare WhatsApp per comunicare con i clienti. Per la prima volta, Facebook voleva che WhatsApp iniziasse a generare entrate.

Nell’ultimo anno, WhatsApp ha aggiunto più funzionalità rivolte al business, come biglietti aerei e ricevute degli acquisti, cataloghi, e pagamenti. WhatsApp ha affermato che ci sono più di 50 milioni di aziende sulla piattaforma e più di 175 milioni di persone ogni giorno inviano messaggi a un’azienda sull’app.

“Vogliono che WhatsApp diventi un servizio di pagamento e un portale per gli acquisti, un altro aspetto della tua vita che sarà coperto dagli sforzi di raccolta dati di Facebook”, Devdutta Mukhopadhyay, avvocato presso la Internet Freedom Foundation, un’organizzazione senza scopo di lucro che lavora per proteggere il digitale libertà, ha detto a BuzzFeed News. “Questo è ciò che riguardano le loro ultime modifiche alla politica sulla privacy.”

“Non mi fido di Facebook”, ha detto Paul. Recentemente ha disattivato il suo account Facebook, sebbene utilizzi ancora Instagram e WhatsApp. “Mi viene richiesto di partecipare, ma non mi fido”, ha detto.

La fiducia in WhatsApp è diminuita da quando Facebook l’ha acquistata. Koum ha difeso la vendita dell’app a Facebook nel 2014 post sul blog, affermando che l’azienda non era interessata ai dati personali delle persone. “Se la partnership con Facebook avesse significato che dovevamo cambiare i nostri valori, non l’avremmo fatto”, ha scritto. Due anni dopo, invece, WhatsApp annunciato che avrebbe iniziato a condividere alcuni dati, inclusi i numeri di telefono e l’ultima volta che le persone hanno utilizzato il servizio con Facebook, una mossa per la quale l’Unione Europea multato 110 milioni di euro.

Travolto dall’attuale reazione negativa è la disinformazione. Un gran numero di persone non si rendeva conto che la nuova politica sulla privacy di WhatsApp si applicava solo alle chat con le aziende e non alle conversazioni private con amici e familiari, e ha esortato gli altri a boicottare l’app.

“Onestamente non penso che la maggior parte delle persone che attualmente stanno passando con rabbia a Signal o Telegram abbiano effettivamente letto la nuova politica sulla privacy”, ha detto Mukhopadhyay. “Indipendentemente da ciò che dicono i documenti legali complessi, le esperienze vissute delle persone dicono loro che non possono fidarsi di aziende come Facebook con i loro dati”.

In risposta, Facebook sta facendo un’offensiva di fascino. In India, che è il mercato più grande dell’azienda con oltre 400 milioni di utenti, la società ha riempito le prime pagine dei principali quotidiani nazionali con annunci a tutta pagina, chiarendo che non poteva vedere i messaggi privati ​​delle persone o ascoltare le loro chiamate. “Il rispetto per la tua privacy è codificato nel nostro DNA”, ha detto l’annuncio di WhatsApp, facendo eco a una riga del post del blog di Koum del 2014.

I migliori dirigenti di Facebook, come il capo di Instagram e di Facebook capo della realtà virtuale, hanno twittato a sostegno dell’app.

Venerdì, Will Cathcart, il capo di WhatsApp, ha anche scritto una serie di tweet, sottolineando come l’azienda non potesse vedere le chat personali delle persone e che la nuova politica sulla privacy si applicava solo ai messaggi con le aziende.

“È importante per noi essere chiari che questo aggiornamento descrive la comunicazione aziendale e non modifica le pratiche di condivisione dei dati di WhatsApp con Facebook”, ha scritto. “Non influisce sul modo in cui le persone comunicano in privato con amici o familiari ovunque si trovino nel mondo.”

Cathcart non ha risposto a una richiesta di commento da parte di BuzzFeed News.

Nonostante le proteste, abbandonare WhatsApp in paesi come l’India potrebbe essere difficile. Paul, il professionista del marketing di Mumbai, ha detto che continuerà a utilizzare l’app fino a quando non avrà esortato tutti quelli che conosce a passare a Signal.

“Non è una vendita facile”, ha detto, “a causa di quanto sia conveniente WhatsApp”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *