Il nuovo Asus Fanless Chromebox potrebbe essere scambiato per un router wireless

Asus ha annunciato una nuova aggiunta fanless alla sua famiglia di Chromebox: l’Asus Fanless Chromebox. Come i modelli precedenti di Asus, le dimensioni compatte del Chromebox Fanless sono progettate per essere montate sul retro di un display o di una scrivania per risparmiare spazio in ambienti di lavoro attenti alle dimensioni. Forse involontariamente, sembra anche quasi esattamente come un router wireless.

Le dimensioni dell’Asus Fanless Chromebox arrivano a circa 8,15 x 5,82 x 1,26 pollici, il che conferisce al suo telaio in alluminio una forma piccola e rettangolare. Ma la vera estetica del router wireless deriva dal design increspato sulla parte superiore della scatola e dalle due antenne regolabili sul retro.

L’Asus Fanless Chromebox trasporta sulle spalle sul retro di un display.
Immagine: Asus

All’interno, il Chromebox è dotato di un processore Intel Core o Celeron di decima generazione: puoi scegliere tra un Intel Core i7-10510U, un Intel Core i5-10210U, un Intel Core i3-10110U o un Celeron 5205U. Offre anche fino a 16 GB di RAM e fino a 256 GB di memoria SSD.

A seconda della configurazione, il Chromebox offre diverse porte, con la principale differenza tra i modelli Celeron e Core essendo il numero e il tipo di porte USB: il modello Celeron ha un mix di due USB 2.0, una USB 3.2 e una USB-C mentre i modelli Core hanno tre porte USB 3.1 e una USB-C. Tutte le configurazioni hanno due porte HDMI 2.0 per il collegamento ai display e uno slot per schede microSD per aggiungere memoria extra.

Asus afferma che le specifiche del Chromebox, insieme al suo design senza ventole, dovrebbero consentire di alimentare fino a tre display 4K durante l’esecuzione di Chrome OS (e anche di app Android dal Play Store). Con un prezzo di partenza di $ 399, l’Asus Fanless Chromebox potrebbe essere una solida esperienza desktop con Chrome OS: basta non acquistare un router wireless per errore.

L’Asus Fanless Chromebox sarà disponibile negli Stati Uniti a febbraio 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *