Le aziende debuttano con maschere Bluetooth N95, profumo AI al CES virtuale | Notizie economiche e di economia


Dai robot di sanificazione ai distributori di profumo personalizzati alla tecnologia automobilistica creativa e alle app innovative, prodotti all’avanguardia e progressi high-tech da tutto il mondo sono in mostra all’annuale Consumer Electronics Show.

Il CES è anche normalmente uno degli eventi più grandi e affollati che si tengono a Las Vegas, Nevada, negli Stati Uniti. Ma quest’anno, la pandemia di coronavirus ha costretto lo spettacolo stesso a innovare e portare tutto online.

Quasi 2.000 espositori stanno partecipando alla prima fiera virtuale della Consumer Technology Association, in lizza per l’attenzione dei consumatori attraverso una piattaforma di stand virtuali, presentazioni e sale riunioni individuali.

Marty Urick, un veterano del CES da 15 anni e vice presidente delle vendite di Binatone, ha detto che mentre non ci saranno le folle spalla a spalla per cui il CES è famoso, il raduno virtuale di quest’anno ha i suoi vantaggi.

“Penso che in qualche modo potresti vedere di più perché avrai la flessibilità di poter saltare da un posto all’altro”, ha detto Urick ad Al Jazeera.

Innovare in una pandemia

Come molti degli espositori, Binatone annuncia un nuovo prodotto progettato per aiutare le persone a ridurre il rischio di contrarre COVID-19.

Il MaskFone incorpora filtri N95 / FFP2 in una maschera facciale cablata per il suono. Il sistema consente all’utente di parlare su un telefono cellulare tramite Bluetooth senza rimuovere la maschera.

MaskFone di Binatone consente agli utenti di collegare la loro maschera al proprio smartphone per effettuare chiamate, riprodurre musica e utilizzare programmi di assistente virtuale [Courtesy: Binatone]

Gli auricolari integrati consentono a un utente di MaskFone di ascoltare l’audio ei pulsanti lungo la mascella della maschera sono progettati per consentire a chi lo indossa di effettuare o rispondere a una telefonata, saltare i brani nella libreria musicale del proprio dispositivo o connettersi all’Assistente Google o ad Alexa di Amazon. L’elettronica è rimovibile per consentire il lavaggio regolare della maschera stessa.

“Pensiamo che sia la tecnologia che può essere utile alle persone in base a ciò che sta succedendo nel mondo in questo momento”, ha detto Urick.

Tra le altre aziende che presentano prodotti legati alla pandemia c’è la società cinese Unipin, che dispone di un robot che si muove automaticamente attraverso una stanza per disinfettarla con la luce ultravioletta.

Hussmann, il ramo di vendita al dettaglio di prodotti alimentari di Panasonic, offre armadietti per alimenti sviluppati per ristoranti e negozi di alimentari che consentono ai clienti di ritirare gli ordini senza avere contatti con altre persone e rischiando l’infezione.

Gli armadietti Hussman possono mantenere caldi gli ordini da asporto e la spesa a temperature particolari – temperatura ambiente, fredda o addirittura congelata – fino a quando il cliente non li ritira.

Tuttavia, non tutti i nuovi prodotti al CES sono legati alla pandemia. Vera Schmidt, responsabile del design digitale avanzato di Mercedes-Benz, ha descritto il nuovo MBUX Hyperscreen dell’azienda come una “pietra miliare”.

Con un design futuristico simile a quello di Star Trek, il pannello singolo combina tre schermi in un elegante sistema di controllo del veicolo che mette mappe e altre informazioni a portata di mano del guidatore in modo intuitivo.

Offre inoltre al passeggero del sedile anteriore uno schermo su cui può guardare film o persino programmi TV in alcune aree, evitando che il conducente si distragga. L’MBUX sarà disponibile sulla nuova berlina di lusso EQS completamente elettrica.

Collegamento con gli investitori

Ma non sono solo le aziende affermate che espongono le loro creazioni al CES: molti altri espositori sono imprenditori che cercano di entrare in contatto con investitori e clienti.

Ninu Perfume, con sede in Slovenia, è uno di questi outfit. L’azienda ha progettato un elegante erogatore di profumi in grado di personalizzare un profumo per qualcuno in base al suo genere, alla chimica del suo corpo, al suo umore o attività.

“Volevamo risolvere uno dei maggiori handicap di ogni profumo al mondo”, ha affermato Marko Matijevic, il fondatore dell’azienda. “Non tutti i profumi sono appropriati per ogni stato d’animo o ogni evento a cui vai, e non tutti i profumi hanno lo stesso odore su tutti a causa del tuo tipo di pelle e così via.”

Ninu Perfume, con sede in Slovenia, ha progettato un elegante distributore di profumi in grado di personalizzare un profumo per qualcuno in base al sesso, alla chimica del corpo, all’umore o all’attività [Courtesy: Ninu Perfume]

Gestito tramite un’app per smartphone, il dispenser ha tre tipi di profumi fondamentali – floreale, orientale e fresco – che possono essere combinati per creare un profumo personalizzato.

L’app incorpora anche un’intelligenza artificiale che può modificare la formulazione a seconda della stagione dell’anno o della temperatura.

Ninu è nella fase di prototipo e pianifica una campagna di crowdfunding a marzo, con i prodotti che si spera saranno spediti entro la fine di quest’anno.

L’azienda ha deciso di esporre al CES, ha detto Matijevic, perché erano pronti a mostrare il loro prodotto al mondo e credevano che il mondo fosse pronto per qualcosa di positivo.

“Vogliamo che il profumo si adatti a ogni utente e diventi uno strumento per aumentare il tuo umore e la tua sicurezza”, ha affermato Matijevic.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.