‘Tigre senza denti’: l’impeachment potrebbe escludere Trump dal futuro incarico | Notizie sulle elezioni statunitensi 2020


Una straordinaria violazione del Campidoglio degli Stati Uniti da parte dei rivoltosi incitati dal presidente Donald Trump ha portato i legislatori in un territorio inesplorato mentre stabilivano la rotta per l’impeachment a pochi giorni dalla fine del mandato di Trump.

I democratici alla Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti hanno dichiarato che presenteranno un articolo di impeachment contro Trump non appena lunedì, accusandolo di essere coinvolto “in gravi crimini e misfatti incitando volontariamente alla violenza contro il governo degli Stati Uniti”.

Nei suoi ripetuti tentativi di minare le elezioni e la sua direttiva per i sostenitori di marciare sul seggio del legislatore statunitense il 6 gennaio, quando il Congresso si riunì per certificare la vittoria del presidente eletto Joe Biden, Trump “ha tradito la sua fiducia come presidente”, i legislatori discutere.

La mossa ha il potenziale per plasmare i primi giorni della presidenza di Biden, così come il panorama politico degli Stati Uniti per gli anni a venire, poiché a Trump potrebbe essere impedito di ricoprire nuovamente incarichi federali in futuro, hanno detto gli esperti.

“Il fatto che questa potrebbe essere la conseguenza potrebbe essere un colpo mortale per Trump”, ha detto ad Al Jazeera Alan Baron, ex consigliere speciale della Camera dei rappresentanti durante quattro indagini di impeachment contro i giudici federali.

Affinché Trump venga messo sotto accusa, l’articolo deve passare un voto a maggioranza alla Camera prima di poter essere inviato al Senato per un processo. La misura richiede quindi il sostegno dei due terzi al Senato affinché il presidente venga condannato e rimosso dall’incarico.

Quindi, ha spiegato Baron, un successivo voto del Senato, “che storicamente coinvolgeva solo una maggioranza semplice”, potrebbe quindi impedire al presidente impeachmentato di ricoprire nuovamente cariche pubbliche.

A partire da domenica, l’articolo di impeachment contro Trump aveva 200 co-sponsor nella camera da 435 seggi, dove i democratici detengono una maggioranza esigua.

Con il partito che presto assumerà anche il controllo della maggioranza del Senato, l’impeachment potrebbe essere una mossa “pratica” volta a impedire a Trump di candidarsi nuovamente alla presidenza nel 2024 – o un rimprovero “simbolico” delle sue azioni, ha detto Baron.

“Si è parlato del ruolo di Trump come il tipo di governo in esilio, per quanto riguarda la mobilitazione dei repubblicani quando non è in carica”, ha detto. “Se gli viene impedito di ricoprire una carica federale, è una specie di tigre sdentata.”

I senatori statunitensi hanno espresso i loro voti durante il processo di impeachment del Senato del 2020 contro il presidente Donald Trump [Reuters]

Questione costituzionale

Tuttavia, è improbabile che un processo al Senato si svolga prima che Trump lasci l’incarico il 20 gennaio.

Anche se il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell ha collaborato a un processo prima che Biden entrasse in carica – cosa che ha detto che non lo farà – gli osservatori hanno detto che è del tutto logisticamente impossibile portare a termine un processo così alto in un breve lasso di tempo.

Nel frattempo, domenica il rappresentante democratico James Clyburn ha suggerito che la Camera potrebbe aspettare per inviare l’articolo di impeachment al Senato fino a 100 giorni dall’inizio della presidenza di Biden, per non rovinare i suoi primi giorni in carica.

Ciò significa che le speranze dei legislatori di escludere Trump dal futuro incarico dipenderanno da una questione costituzionale se un processo di impeachment al Senato possa procedere dopo che un presidente ha già lasciato la Casa Bianca.

“Il testo costituzionale non è chiaro su questo punto”, ha detto ad Al Jazeera Thomas M. Keck, professore di scienze politiche alla Syracuse University, aggiungendo però che “la maggior parte degli studiosi costituzionali che studiano l’impeachment concordano sul fatto che il processo e la condanna possono avvenire dopo che se ne sarà andato ufficio.”

“Questa è un’interpretazione discutibile del significato della Costituzione”, ha aggiunto, “ma la mia comprensione è che, fintanto che il processo viene avviato mentre qualcuno è ancora in carica, può continuare fino a una conclusione, anche se quella persona se ne va ufficio.”

Philip Bobbitt, uno studioso di Costituzione della Columbia University, ha detto ad Al Jazeera che mentre credeva che i legislatori abbiano motivi per l’impeachment, “secondo me … non puoi mettere sotto accusa qualcuno che non è in carica”.

Bobbitt ha detto che, sulla base della sua interpretazione, un processo al Senato dovrebbe essere completato prima del 20 gennaio, che ha definito “irrealistico”.

Se un processo dovesse procedere dopo che Trump ha lasciato l’incarico, Bobbitt ha detto: “Penso che sarebbe una difesa appropriata da parte del partito dell’ex presidente dire che non è più un ufficiale degli Stati Uniti”.

“Record storico”

Anche se il processo potrà proseguire dopo che Trump avrà lasciato l’incarico, i democratici dovranno probabilmente affrontare una dura battaglia per convincere i 16 senatori repubblicani necessari per raggiungere la maggioranza dei due terzi nella camera per votare per l’impeachment.

Nei giorni scorsi almeno due senatori repubblicani, Pat Toomey e Lisa Murkowski, hanno chiesto le dimissioni di Trump.

Altri legislatori repubblicani hanno affermato di sostenere l’invocazione del 25 ° emendamento, una disposizione costituzionale che consente al gabinetto di Trump e al vicepresidente di rimuoverlo dall’incarico se lo ritengono incapace di svolgere le sue funzioni.

I sostenitori del presidente Donald Trump si sono ribellati al secondo piano del Campidoglio degli Stati Uniti il ​​6 gennaio [File: Mike Theiler/Reuters]

Il vicepresidente Mike Pence si è detto contrario all’idea di invocare il 25 ° emendamento, ha recentemente affermato un consigliere, mentre alcuni parlamentari repubblicani hanno esortato Biden a fermare l’impeachment dei democratici, dicendo che rischiava di rendere difficile unificare il paese dopo la violenza del Campidoglio .

Tuttavia, le opinioni potrebbero cambiare man mano che ulteriori prove emergono dalla rivolta, in particolare, se le direttive dell’amministrazione Trump hanno contribuito a una risposta ritardata da parte degli agenti di sicurezza federali.

L’impeachment da parte della Camera manderebbe ancora un messaggio ai futuri leader statunitensi, ha detto Keck.

“Anche se impedire a Trump di ricoprire una carica futura è insufficiente, lo hai contrassegnato come l’unico presidente nella storia ad essere stato messo sotto accusa due volte”, ha detto Keck.

“Deve essere una questione storica per dire che incitare una folla ad attaccare il Congresso e cercare di impedire loro di certificare i risultati di un’elezione è un comportamento inaccettabile”.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *