Quanto tempo impiegherebbe un 747 a fermarsi, come in “Tenet”?

Questa accelerazione è per qualsiasi cambiamento di velocità. Non importa se l’oggetto sta aumentando o diminuendo di velocità: è pur sempre un’accelerazione. Se conosci l’accelerazione per qualcosa, puoi trovare la distanza di arresto utilizzando la seguente equazione cinematica (ecco una derivazione se lo vuoi).

Illustrazione: Rhett Allain

In questa espressione, v1 è la velocità iniziale (20 mph in questo calcolo) e v2 sarebbe la velocità finale, si spera zero poiché si fermerà. Quindi, con un’accelerazione nota la distanza di arresto (Δx) sarebbe:

Illustrazione: Rhett Allain

Ora devo solo ottenere un valore per l’accelerazione di un Boeing 747 in arresto. Ah ah! Non è così facile. Certo, gli aerei di grandi dimensioni si fermano tutto il tempo: questo è normalmente chiamato “atterraggio”. Tuttavia, il metodo normale durante un atterraggio non funzionerà qui. Di solito un aereo di grandi dimensioni come il Boeing 747 utilizzerà due cose per rallentare. Non usa solo le ruote, che hanno i freni, ma ha anche i propulsori inversi. I propulsori inversi sono essenzialmente la forza dei motori diretta all’indietro (quindi la parte “inversa”). Questa forza di spinta all’indietro, insieme ai freni, rallenta l’aereo.

Per questa acrobazia Principio, il 747 avrà solo i freni poiché non è un aereo completamente funzionante. Quindi, quale sarebbe l’accelerazione se un aereo non usasse i propulsori inversi? Bene, siamo fortunati. Ecco questa cosa chiamata test di decollo rifiutato (RTO). Per questa manovra, un aereo parte e si alza per decollare velocemente. A quel punto, il pilota sbatte i freni (niente inversione di marcia) e si ferma. È un test dello scenario peggiore per assicurarsi che i freni dell’aereo possano gestire casi estremi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *