Michael Cusack, 64 anni, Dies; Ha aiutato a ispirare le Olimpiadi speciali


“Hanno trovato che assurdo”, ha detto sua sorella Connie McIntosh. “Non avevamo esperienza con qualcuno con disabilità intellettiva, ma ogni giorno ci sorprendeva con la sua luminosità, felicità, gioia e le sue capacità fisiche”.

Era, ha aggiunto, “atletico di chiunque standard. “

Carole Cusack ha definito suo fratello “un grande giocatore di squadra che ha sempre stretto la mano delle persone con cui ha gareggiato, vinto o perso”.

I genitori di Michael inizialmente erano incerti se la sua partecipazione a sport organizzati avrebbe funzionato.

“Ricordo che il padre di Michael non voleva nemmeno che andasse a bowling quella prima volta”, disse sua madre al Chicago Tribune nel 1979. “Aveva paura che Michael lanciasse la palla e facesse molti danni”.

Ma, ha detto, non poteva più “immaginare come sarebbe la vita di Michael senza lo sport”.

“Lo ha calmato e ha portato alla luce tante cose meravigliose in lui, come la sicurezza di sé”, ha detto. “Sa di essere un buon atleta.”

“Quando le persone vengono a casa”, ha aggiunto, “la prima cosa che fa è portarle nella sua stanza per mostrare loro le sue medaglie. Li ama. Lui sa cosa significano. “

Il nuoto (stile libero e dorso) era la sua specialità. Ma il signor Cusack, rinomato per la sua forza, giocava anche a bowling, golf e basket, softball, hockey e pallavolo; gestì il trattino di 50 yard e i relè di 100 yard; ha gareggiato nel salto in lungo; e gareggiate, sciate e con le ciaspole.

Il presidente della Corte Suprema Burke ha affermato che le Olimpiadi speciali non sarebbero avvenute senza di lui.

“Michael è stato il primo e la sua partecipazione ha mostrato agli altri genitori cosa poteva fare, e poi hanno portato i loro figli”, ha detto. “Se gli altri non fossero arrivati, non ci sarebbe stato alcun pensiero di organizzare un incontro in tutta la città.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *