Le batterie Vape possono causare esplosioni mortali, avverte l’agenzia per la sicurezza dei consumatori

I consumatori non dovrebbero acquistare o utilizzare singole celle della batteria agli ioni di litio 18650 a causa del possibile rischio di incendio, secondo un avviso appena emesso dalla Consumer Product Safety Commission (CPSC). La commissione afferma che sta lavorando con siti di e-commerce come eBay per rimuovere elenchi di 18650 celle sfuse, che a volte vengono utilizzate in vaporizzatori, sigarette elettroniche, torce elettriche e giocattoli.

“[T]Queste celle della batteria possono avere terminali metallici positivi e negativi esposti che possono cortocircuitare quando entrano in contatto con oggetti metallici, come chiavi o spiccioli in tasca “, ha scritto l’agenzia venerdì. “Una volta in cortocircuito, le celle libere possono surriscaldarsi e subire una fuga termica, accendendo i materiali interni della cella ed espellendo con la forza il contenuto in fiamme, provocando incendi, esplosioni, lesioni gravi e persino la morte.”

Gli infortuni legati all’esplosione di 18650 celle sono documentati da alcuni anni, ma la frequenza sembra essere aumentata insieme alla loro disponibilità su siti come Amazon o da rivenditori all’ingrosso.

Una delle aziende che produce 18650 celle, LG Chem, ha chiesto ai distributori di apparecchiature per sigarette elettroniche in una lettera di fine 2018 di smettere di venderle, avvertendo che “[i]”Uso e manipolazione individuale da parte del consumatore” che potrebbe “portare a gravi ustioni e deturpazioni”, secondo a un rapporto in L’Atlantico. Samsung e Sony avvertono anche i consumatori di non utilizzare le celle.

Le 18650 celle sono spesso utilizzate in ambienti commerciali più pesanti e persino alimentano i veicoli Model X e Model S di Tesla, anche se il CPSC riconosce che va bene, poiché è il loro uso previsto. Detto questo, c’è una piccola ma crescente comunità fai-da-te che nasce intorno all’edificio pacchi batteria personalizzati per e-bike e persino auto elettrica utilizzando 18650 celle acquistate su Internet.

Sviluppando…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *