Teledyne sta acquistando FLIR per creare un negozio di sensori di grandi dimensioni con visione termica e laser

Il gigante dei sensori industriali Teledyne acquisirà FLIR, una società con sede in Oregon che produce la tecnologia di imaging termico e di visione notturna, la aziende hanno annunciato lunedì. L’accordo vale $ 8 miliardi in un mix di contanti e azioni.

“Al centro di entrambe le nostre società ci sono le tecnologie dei sensori proprietarie. Anche i nostri modelli di business sono simili: ognuno di noi fornisce sensori, telecamere e sistemi di sensori ai nostri clienti “, ha affermato il presidente di Teledyne Robert Mehrabian in un dichiarazione. I sensori delle società sono “straordinariamente complementari, con una sovrapposizione minima”, ha aggiunto, il che potrebbe essere importante quando le autorità di regolamentazione decidono se approvare l’acquisizione.

FLIR, con sede in Oregon, produce tecnologia di imaging termico e visione notturna per applicazioni militari, industriali e di consumo: se hai mai visto filmati a infrarossi, ci sono buone probabilità che siano stati catturati con una termocamera FLIR. FLIR ne ha anche alcuni 60 milioni di dollari in contratti con l’esercito per il suo drone Black Hornet e la sua telecamera termica Hadron viene utilizzata in altri droni approvati dall’esercito. FLIR fornisce anche termocamere per il robotaxi a guida autonoma di Zoox, che aiuta i veicoli a “vedere” meglio le persone e le condizioni di guida, particolarmente importanti nelle aree urbane.

Teledyne potrebbe anche avere una tecnologia utile per i veicoli a guida autonoma: oltre a realizzare sensori termici per la difesa e i clienti industriali, inclusa la NASA, è una delle aziende che costruisce i sensori LIDAR (rilevamento della luce e portata) che potresti vedere in cima a un auto -guidare la macchina. Il suo LIDAR è stato utilizzato anche nella missione OSIRIS-REx della NASA lo scorso ottobre, aiutando a mappare la superficie dell’asteroide Bennu in modo che potesse raccogliere campioni da riportare sulla Terra. Teledyne non deve essere confuso con Velodyne, il cui LIDAR era presente in alcuni dei primi prototipi a guida autonoma e nelle prime auto di Google, tra gli altri.

L’acquisizione dovrebbe concludersi entro la metà dell’anno, hanno detto le società, in attesa dell’approvazione normativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *