Il coronavirus terrà l’allenatore di Browns fuori dalla tanto attesa partita di playoff


I Cleveland Browns hanno visto la loro quota di alti e bassi nel corso dei decenni, inclusi gli ultimi 17 anni, quando hanno vinto meno di un terzo delle loro partite e non sono riusciti a raggiungere i playoff.

La miseria si è trasformata in euforia domenica, però, quando i Browns hanno battuto i Pittsburgh Steelers per qualificarsi per la postseason per la prima volta dalla stagione 2002 e porre fine alla più lunga siccità dei playoff della NFL.

Le aspirazioni al campionato dei Browns hanno subito un duro colpo martedì quando la squadra ha detto la sua il capo allenatore, Kevin Stefanski, altri due allenatori e due giocatori sono risultati positivi al coronavirus, le ultime aggiunte a un focolaio in crescita che ha ostacolato la squadra nelle ultime partite.

Tutte e cinque le persone perderanno il match dei Browns contro gli Steelers domenica sera a Pittsburgh. Il coordinatore delle squadre speciali Mike Priefer subentrerà come capo allenatore in assenza di Stefanski. Nel frattempo i Brown hanno chiuso la loro struttura di addestramento a Berea, Ohio.

Il guardalinee offensivo Joel Bitonio è uno dei due giocatori risultati positivi. Bitonio è stato con i Browns suoi intera carriera di sette anni, che ha incluso le stagioni 2016 e 2017, quando la squadra è andata 1-15 e 0-16.

Stefanski ha dato a Bitonio, il giocatore di ruolo più longevo della squadra, la palla del gioco dopo la vittoria di domenica. Ora Bitonio perderà la sua prima occasione per giocare in una partita di postseason.

“Questo è solo uno scenario terribile per lui”, ha detto JC Tretter, un centro per i Browns e presidente della NFL Players Association, dopo l’annuncio della squadra.

Il numero di giocatori, allenatori e personale risultati positivi ai test è aumentato notevolmente a partire da novembre, quando il virus ha imperversato nelle comunità di tutto il paese.

Nella settimana terminata il 2 gennaio, la NFL ha dichiarato che c’erano 34 nuovi test positivi confermati tra i giocatori e 36 nuovi test positivi confermati tra l’altro personale. I 70 casi combinati erano in aumento da 58 test positivi la settimana prima e 45 casi la settimana prima.

Da agosto, 256 giocatori e 432 allenatori e staff sono risultati positivi al virus. Ci sono almeno 6.000 persone regolarmente testate in tutto il campionato, inclusi circa 2.500 giocatori in rosa e squadre di allenamento.

Durante la stagione, i focolai sui Tennessee Titans e Baltimore Ravens hanno costretto la lega a posticipare le partite e gli orari di mescolamento, comprese le partite che hanno coinvolto gli Steelers. Ma la NFL ha detto che lo stato della partita Browns-Steelers di domenica non è cambiato. Le settimane di addio durante la stagione regolare hanno dato alla lega spazio per spostare le partite, ma non ci sono settimane di addio nei playoff.

“Dato il programma che abbiamo ora, potremmo non avere la stessa flessibilità che avevamo nella stagione regolare”, ha detto DeMaurice Smith, direttore esecutivo della NFL Players Association.

Nel frattempo, la lega e la squadra continueranno a “condurre la tracciabilità dei contatti standard per identificare eventuali contatti stretti ad alto rischio”, secondo una dichiarazione della lega.

“Ovviamente abbiamo più lavoro da fare con la ricerca dei contatti e per capire da dove proviene il virus”, ha detto Tretter. “Non abbiamo ancora tutte le risposte.”

Stefanski e gli altri allenatori e giocatori devono essere isolati dalla squadra per un minimo di 10 giorni. Se si scopre che dei giocatori o altri membri dello staff hanno avuto uno stretto contatto con loro, dovrebbero rimanere separati dalla squadra per cinque giorni, dopodiché sarebbero idonei a tornare in squadra e giocare nella partita.

Durante la loro vittoria per 24-22 sugli Steelers, i Browns avevano sei giocatori nella lista di riserva del Covid-19 che erano risultati positivi o avevano contatti stretti con qualcuno che lo aveva fatto. La settimana precedente, i Browns avevano giocato senza nessuno dei loro migliori ricevitori larghi a causa di uno scoppio nella squadra.

Stefanski, 38 anni, è al suo primo anno come allenatore di Cleveland. È l’undicesimo allenatore a guidare i Browns dalla loro ultima visita ai playoff. Ha guidato la squadra a un Record di 11-5, il miglior piazzamento in regular season dei Brown dalla stagione 1994, quando Bill Belichick era l’allenatore.

Quella squadra è stata anche l’ultima squadra di Browns a vincere una partita di playoff. Hanno sconfitto i New England Patriots nel round wild card prima che gli Steelers terminassero la loro stagione il fine settimana successivo.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *