Hakuho, campione di sumo, test positivo per il coronavirus


Il recente aumento dei casi ha allarmato i funzionari giapponesi, che stanno valutando lo stato di emergenza a Tokyo per la prima volta da aprile, e ha portato a nuove restrizioni nella capitale. Lunedì le autorità hanno chiesto che ristoranti e bar chiudano entro le 20:00 per prevenire l’ulteriore diffusione del virus.

La scorsa settimana Tokyo ha riportato un record di 1.337 casi in un giorno e il governo locale aveva già chiesto ai residenti di astenersi da tutte le uscite notturne tranne quelle essenziali. Le aziende sono state incoraggiate a consentire ai dipendenti di lavorare da casa e alle università è stato chiesto di spostare le lezioni online.

Il Giappone ha segnalato più di 240.000 casi e più di 3.500 decessi legati al virus, e nelle ultime settimane ha resistito a diversi giorni da record. Il mese scorso, dopo aver registrato i primi casi nel Paese che coinvolgono la variante più trasmissibile del coronavirus emersa per la prima volta in Gran Bretagna, il governo ha chiuso i confini del Giappone ai viaggiatori stranieri.

“Dobbiamo riconoscere chiaramente che la situazione dell’infezione è in una fase completamente diversa”, ha detto all’epoca il governatore di Tokyo, Yuriko Koike.

I nuovi focolai sono uno sviluppo inquietante solo pochi mesi prima delle Olimpiadi di Tokyo del 2020 riprogrammate, che sono state rinviate al culmine della pandemia dell’anno scorso. I funzionari delle Olimpiadi giapponesi e internazionali continuano a insistere sul fatto che i Giochi, ora programmati per iniziare a luglio, procederanno come previsto questa estate.

Il sumo non è nel programma olimpico, ma è lo sport nazionale del Giappone, con tradizioni che hanno centinaia di anni. Ma negli ultimi anni, più stranieri, soprattutto mongoli come Hakuho, lo hanno dominato. I suoi migliori tornei hanno anche iniziato ad attirare più fan stranieri, incluso il presidente Trump, che ha presentato un trofeo a un evento nel 2019.

Motoko Rich ha contribuito a riportare da Tokyo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *