Il governo offre una ricompensa per le informazioni sulle interferenze elettorali


KYIV – Quando Artyom Vysokov ha ricevuto un messaggio di testo che gli offriva fino a $ 10 milioni per informazioni sull’interferenza elettorale russa da un numero utilizzato principalmente per la distribuzione di messaggi di spam e phishing, ha pensato che fosse “un qualche tipo di frode”.

Ma poi ha visto rapporti da diversi organi di stampa russi su altre persone che ricevevano messaggi simili sui loro cellulari e si è reso conto che sarebbero arrivati ​​poco dopo che il Dipartimento di Stato americano aveva annunciato una nuova campagna per difendere le elezioni presidenziali americane da aggressori stranieri.

“Ho capito che mi sbagliavo e questo è proprio vero”, ha detto a BuzzFeed News Vysokov, che gestisce un blog sulla monetizzazione dei siti web. “Ma inviare tali messaggi di testo tramite un servizio che di solito invia spam non era l’idea migliore.”

Giovedì, i russi hanno condiviso screenshot di messaggi SMS apparentemente inviati dal Dipartimento di Stato con l’offerta di enormi ricompense monetarie per informazioni sugli hacker che cercano di interferire con le elezioni presidenziali di novembre. Molti di loro – da residenti di Vladivostok nell’estremo oriente e Ekaterinburg ai piedi degli Urali a Vysokov a Volzhskiy nella regione meridionale di Volgograd – sono stati radunati e condivisi dal sito di notizie tecnologiche russo TJournal.

E non erano gli unici. Secondo Reuters, Agli iraniani sono stati inviati gli stessi messaggi ai loro cellulari. Scritti in russo e farsi, i messaggi di testo dicono: “Gli Stati Uniti pagano fino a $ 10 milioni per qualsiasi informazione sull’interferenza straniera nelle elezioni americane”. Includono un collegamento al programma US Rewards for Justice (RFJ), che offre premi in denaro in cambio di informazioni sulle minacce alla sicurezza nazionale americana. Per i russi, il collegamento salta a un account Twitter verificato con il logo del Dipartimento di Stato creato a febbraio. Là, Tweet in lingua russa fornire ai lettori maggiori informazioni sul programma.

I testi sono arrivati ​​dopo che il Segretario di Stato Mike Pompeo ha dichiarato mercoledì che gli Stati Uniti stavano offrendo fino a $ 10 milioni “per informazioni che portassero all’identificazione o all’ubicazione di qualsiasi persona che, agendo sotto la direzione o sotto il controllo di un governo straniero, interferisca con Elezioni statunitensi impegnandosi in alcune attività criminali informatiche “.

Mentre molte persone che hanno ricevuto i testi hanno messo in dubbio la loro legittimità, un portavoce del Dipartimento di Stato ha detto a BuzzFeed News che in realtà erano reali. “Questa è una campagna mondiale in più lingue”, ha detto il portavoce. “RFJ ha utilizzato questo e una serie di altri messaggi per informare il pubblico sui suoi premi e sul programma”.

In un Post di Facebook, La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha preso in giro l’annuncio di Pompeo, scherzando sul fatto che molte persone vorrebbero incassare l’offerta. “Ora il sito del Dipartimento di Stato andrà giù per le denunce sui suoi vicini”, ha scritto.

Mentre la notizia dei testi si è diffusa giovedì, ha pubblicato un’altra dichiarazione. “Invitando le persone a parlare per soldi di interferenze nelle elezioni americane, i servizi speciali americani stanno interferendo senza tante cerimonie nella nostra vita”, ha scritto Zakharova. Ha accusato Washington di prendere di mira i russi in un modo simile a quello che i funzionari dell’intelligence americana hanno accusato Mosca di fare. “Che cos’è questo se non un vero attacco ibrido?” lei disse.

La campagna di messaggi di testo del Dipartimento di Stato arriva dopo i tentativi della Russia di interferire nelle elezioni del 2016, che gettano un’ombra sulla presidenza di Donald Trump.

In vista delle elezioni di novembre, i legislatori democratici hanno lanciato l’allarme su ciò che dicono essere tentativi attivi da parte della Russia di interferire e ha chiesto all’FBI di condividere le informazioni sullo sforzo.

Di particolare interesse per i Democratici è un’inchiesta guidata dal repubblicano Ron Johnson, presidente del Comitato per la sicurezza interna del Senato, che sta esaminando il lavoro che il figlio di Joe Biden, Hunter ha svolto in Ucraina, mentre Biden era il punto di riferimento dell’amministrazione Obama nel paese.

I democratici sostengono che Johnson stia usando la disinformazione degli ucraini filo-russi nella sua inchiesta, un’accusa che il senatore repubblicano nega.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *