Gli Stati Uniti iniziano ad addebitare le tariffe per la domanda di asilo


Gli Stati Uniti diventeranno solo uno dei soli quattro paesi ad addebitare ai richiedenti asilo una tassa per richiedere la protezione, secondo una politica definitiva annunciata venerdì.

La mossa è solo l’ultima dell’amministrazione Trump per mirare e limitare le protezioni per coloro che fuggono dai loro paesi d’origine. Gli Stati Uniti ora si uniscono ai ranghi di Iran, Fiji e Australia nel far pagare una tassa. Negli Stati Uniti, ci sarà un addebito di $ 50 sulle domande di asilo a partire da ottobre.

“Una tassa di $ 50 è in linea con le tariffe applicate da queste altre nazioni”, ha spiegato il servizio di cittadinanza e immigrazione degli Stati Uniti (USCIS) nella regola finale pubblicata venerdì.

Tuttavia, un funzionario per l’asilo che ha parlato con BuzzFeed News in condizione di anonimato ha detto che la tariffa era scoraggiante.

“Il problema più grande è che le domande umanitarie per loro natura dovrebbero essere gratuite”, ha detto l’ufficiale. “L’idea di accusare le persone che stanno scappando – e non aiutare se non pagano – è disgustosa”.

Un altro funzionario per l’asilo ha detto che costerà all’agenzia più per riscuotere la tassa di $ 50, “che non si avvicina a coprire il costo di aggiudicare una domanda di asilo”.

“Questa è una sanzione contro i richiedenti asilo”, ha aggiunto l’ufficiale.

La tassa di asilo è solo una delle tante modifiche incluse nella norma emessa dall’USCIS, che è principalmente finanziata dalle domande degli immigrati, come la richiesta di una carta verde o un permesso di lavoro. L’agenzia è tenuta a rivedere la propria struttura tariffaria ogni due anni.

La regola finale farà sì che gli immigrati che cercano di naturalizzarsi e che chiedono di diventare cittadini statunitensi dovranno pagare più di $ 1.170, un balzo da $ 640.

I funzionari dell’agenzia hanno detto venerdì che la regola sta aumentando le tasse per molte applicazioni per recuperare i soldi di cui ha bisogno per rimanere in funzione.

“L’USCIS è tenuta a esaminare le spese in entrata e in uscita e ad apportare aggiustamenti sulla base di tale analisi”, ha detto in una dichiarazione il vicedirettore per la politica dell’USCIS Joseph Edlow. “Questi aggiustamenti in ritardo nelle tasse sono necessari per amministrare in modo efficiente ed equo il sistema di immigrazione legale della nostra nazione, proteggere la patria e proteggere gli americani”.

L’agenzia è stata nel bel mezzo di una crisi finanziaria negli ultimi mesi, avvertendo che licenzierà fino al 70% del personale se non riceverà finanziamenti di emergenza dal Congresso entro la fine di agosto.

Le ragioni della carenza di fondi, tuttavia, sono state dibattute: i funzionari dell’agenzia citano un massiccio calo delle domande di immigrazione a causa della pandemia, mentre i sostenitori e gli esperti degli immigrati sostengono che le politiche restrittive dell’amministrazione Trump hanno avuto un ruolo nelle questioni di bilancio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.