Browns sono in, finendo la siccità playoff NFL


I fan di Cleveland Browns adorano divertirsi nella loro miseria. La lunga lista di dud coach. La linea infinita di fallimenti del quarterback. La squadra abbandona la città solo per tornare qualche anno dopo. E tutte quelle sconfitte, inclusa una stagione senza vittorie nel 2017.

Ma Browns Nation ha ottenuto una certa ricompensa domenica quando i Browns hanno battuto i loro rivali, i Pittsburgh Steelers, 24-22, nel finale di stagione regolare, e si sono qualificati per i playoff NFL per la prima volta dalla stagione 2002, un’assenza di 17 anni.

Le due squadre – gli Steelers (12-4), terza testa di serie nella AFC, e i Browns (11-5), la sesta – si incontreranno di nuovo la prossima settimana a Pittsburgh nel round wild card.

La vittoria dei Browns ha posto fine alla più lunga siccità nei playoff nella NFL (i Jets ora prendono il primo posto con un’assenza di 10 anni) e ha completato un restyling iniziato tre anni fa, quando Cleveland ha scelto il quarterback Baker Mayfield come prima scelta assoluta nel bozza.

Alla domanda su cosa significasse la vittoria per i fan della squadra, Mayfield ha detto: “Significa così tanto per questa città”.

La vittoria, di fronte a una folla limitata dalla pandemia di circa 12.000 fan al FirstEnergy Stadium di Cleveland, ha fornito una dose extra di soddisfazione perché è arrivata contro gli Steelers, che hanno dominato i Browns per decenni. Da quando gli Steelers hanno battuto i Browns nel round wild-card nel gennaio 2003 – l’ultima apparizione post-stagione di Cleveland – Pittsburgh ha ha vinto 29 dei 36 matchup.

Durante quel periodo incolto, i Browns hanno bruciato 25 quarterback, 10 head coach e molte speranze. La squadra se n’è andata 91-196 dalla sua ultima apparizione nei playoff (una percentuale di vittorie di 0,317), un allungamento che ha incluso 14 stagioni con perdite a doppia cifra. La loro unica stagione vincente in quel tratto era stata nel 2007, quando i Browns erano 10-6.

Gli Steelers avevano conquistato l’AFC North e non avevano modo di conquistare il primo posto di testa nella AFC e il suo addio al primo turno, quindi domenica hanno fatto sedere molti dei loro migliori giocatori, incluso il quarterback Ben Roethlisberger.

Anche i Browns erano a corto di personale. Sei giocatori erano sulla lista Covid-19 e diversi guardalinee offensivi sono rimasti feriti. Cleveland è andato senza ricevitori larghi di partenza la scorsa settimana in una sconfitta contro i Jets a causa di uno scoppio nella squadra. Da allora molti altri giocatori e allenatori sono stati aggiunti all’elenco Covid.

Ciò ha reso la sfida più grande per i Browns, anche se giocavano in casa e contro il quarterback di riserva degli Steelers, Mason Rudolph.

I Browns hanno aperto con il botto, segnando un touchdown e un field goal sui loro primi tre possedimenti, scatenati in parte correndo indietro Nick Chubb, che ha superato 1.000 yard correndo per la stagione.

Ma gli Steelers hanno tenuto la partita chiusa con tre field goal su tre quarti. I Brown, però, hanno trovato un modo per stare un passo avanti.

Dopo che Pittsburgh ha ridotto il punteggio a 10-9, Mayfield si è arrampicato per 28 yard per mantenere vivo il drive successivo. Ha quindi colpito Austin Hooper con un passaggio di touchdown di 2 yard per portare i Browns, 17-9.

Sul drive successivo, MJ Stewart dei Browns intercettò Rudolph e restituì la palla alla linea delle 20 yard di Pittsburgh. Ricevitore largo Jarvis Landry ha corso per un touchdown quattro giocate più tardi per portare il vantaggio sul 24-9.

Nessun Browns conquista gli Steelers è facile. Rudolph ha colpito il ricevitore largo Chase Claypool per un punteggio di 28 yard. Durante il giro successivo, gli Steelers hanno licenziato Mayfield per spingere i Browns fuori dal campo di tiro. Poi non sono riusciti a convertire un quarto gioco down, che ha restituito la palla agli Steelers con 3 minuti e 35 secondi per giocare.

Rudolph ha colpito il ricevitore largo Diontae Johnson per un completamento di 47 yard, quindi ha lanciato un touchdown a JuJu Smith-Schuster per restringere il punteggio a 24-22.

I Browns hanno interrotto la trasformazione da 2 punti per mantenere il vantaggio, ma hanno quasi smarrito il recupero con un calcio in-gioco. Non è stato fino a quando Mayfield ha corso 3 yard per un primo down che i Browns sono stati in grado di esaurire il tempo, assicurarsi la vittoria e battere il biglietto per la postseason.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *